Giustizia sociale (basata sull'uguaglianza) vs Coesione sociale (basata sulla solidarietà)

Il primo concetto è più antico, è stato più facile per l'umanità capire che è "giusto" che le persone siano tutte uguali di fronte alla legge. Qualcuno ha poi esteso il concetto, parlando di "uguaglianza sostanziale" ossia non limitata ai diritti civili formali ma ampliata alle condizioni personali e sociali. Tuttavia, l'uguaglianza sostanziale è una utopia, perché siamo tutti individui specifici, non prodotti standardizzabili. Tutti i tentativi di raggiungere l'uguaglianza sostanziale, sperimentando nuovi ordinamenti della società, sono falliti. 

Si è quindi iniziato a parlare non più di uguaglianza bensì di "parità", in particolare di "pari opportunità". La vita è una gara, è possibile che non tutti raggiungano uno stesso livello di benessere e felicità, ma l'importante è che ci siano "condizioni di partenza" uguali per tutti. Sembra ottimo, ma c'è da capire come si svolge questa gara: è infatti possibile che pochi arrivino molto avanti, e lascino indietro molti altri. Ciò è "giusto" nel senso di "corretto" (le condizioni di partenza sono uguali per tutti), ma è non "giusto" nel senso che non soddisfa pienamente il sentimento umano che vorrebbe vedere tutti, alla fine, felici e soddisfatti.

E' possibile ottenere una società che sia "giusta" nel secondo senso? Ossia una società dove a prescindere dalle condizioni di partenza, alla fine siano tutti felici? Ci vorrebbe la solidarietà tra gli individui, che non dovrebbero sentirsi come atleti in competizione l'uno con l'altro, ma "fratelli" portati a cooperare per un beneficio che non è più esclusivo, ma inclusivo, non è più privato ma è pubblico. 

Il problema di questo concetto sta però nel difetto umano della "pigrizia". In una società solidale, molti penserebbero che non è necessario impegnarsi a fondo, tanto qualcun altro farà ciò che io non faccio. D'altra parte, una società competitiva porta allo scoperto un altro sentimento negativo, la cupidigia il mio vicino di casa ha perso il lavoro... ora aspetto che la sua casa vada all'asta e me la compro a metà del valore!

Non si esce dal dilemma, allora, perché il difetto non sta nell'organizzazione sociale, ma nel cuore dell'essere umano. Forse le persone dovrebbero essere educate prima di tutto, prima ancora dell'alfabeto e dei numeri, al concetto di "senso di responsabilità" verso l'umanità nel suo complesso. Quindi studiare affinché lo stipendio degli insegnanti non sia sprecato, dare il meglio di sé nel lavoro, costruire una famiglia e crescere dei figli con la consapevolezza che quelli sono futuri cittadini, e che chi ha figli si assume prima di tutto una responsabilità verso la società per come li educa.

In questo modo si potrebbe sviluppare una società basata sulla creazione e la condivisione. Termine, quest'ultimo, usato anche dall'economista/ futurologo Jeremy Rifkin, quando illustra l'ipotetica, ventura, "Sharing Economy".

(Mi scuso se mi sono dilungato troppo, spero non vi siate annoiati a leggere questo spunto di discussione). 


 21/01/2016 10:09:10
utente anonimo
Aggiungi il tuo commento
8 commenti
claude48

claude4819766

Pensionato

Questo tema di discussione lo reputo molto interessante e importante, anche per cultura personale. Certo calato in questo momento storico e sociale non è di facile adesione. C'è molta confusione sotto il cielo. Soprattutto penso che purtroppo dobbiamo fare i conti con quella che credo sia la cultura dominante: il liberismo che non da certamente spazio (se non sul piano puramente teorico) ai temi dell'egualitarismo, della solidarietà e della responsbilità. La necessità della riforma del nostro Sistema in modo radicale è sotto gli occhi di tutti. Il modo no. Soprattutto perchè bisognerebbe scoprire un fatto che sta alla base della discussione e che metterebbe palesemente in chiaro le responsabilità e ci farebbe scoprire il Re Nudo. Sto parlando dell'origine della cosiddetta " Coperta corta". Ben venga perciò anche l'approfondimento di questo dibattito.


 22/01/2016 08:22:33
videlma

videlma3626

casalinga

claude48, non sono intervenuta in un post sulla meritocrazia, mi permetto con molta umiltà di intervenire qui dato che non ne sò molto, il mio intervento è semplice in Italia è tutto stravolto

dalla corruzione e dalla malavita che la fà da padrona...............puoi intevenire per dare invece speranza, ne sai di più visto che hai parlato di coperta corta?

 23/01/2016 04:35:51

Giustizia sociale vs coesione sociale ? non dovrebbero essere poste in contrapposizione ma dovrebbero completarsi a vicenda proprio per bilanciare i reciproci difetti

 22/01/2016 23:16:56

magnulli, sapessi che contorto ragionamento c'è all'origine del post... Domani, con tempo, aggiungero' qualcosa.

 23/01/2016 00:38:28
in risposta a ↑

Tigerman_jr, breve però, se puoi, perchè ho dovuto attendere il week end per poter leggere, e rispondere, ai tuoi post   

 23/01/2016 00:56:54
Io_e_basta

Io_e_basta1

Fotografia, danza

Buongiorno,ottima analisi e vista critica. Un unica domanda...ma l'educazione al "senso di responsabilità" al "non fare al prossimo ciò che non vorresti fosse fatto a te" (senza rimandi religiosi) ai valori della famiglia e di educazione civica, non dovrebbero essere la base della formazione di un essere umano che interagisce all'interno di una società? Insomma la soluzione ai tanti problemi sociali è in mano a chiunque...ma le famiglie non hanno interesse ad insegnare ai propri figli...la scuola ha visto bene di eliminare lo studio dell'educazione civica...ma inculcare nei bambini "la diligenza del buon padre di famiglia" oggi sarebbe veramente utile visti gli esempi che hanno in casa??....

Sono la sola a pormi queste domande? 

 23/01/2016 08:09:36

Bello spunto nulla da obbiettare.

Però sembrerebbe che il tuo obbiettivo finale sia : "E' possibile ottenere una società che sia "giusta" nel secondo senso? Ossia una società dove a prescindere dalle condizioni di partenza, alla fine siano tutti felici? ".

Felici! La felicità è l'anticamera dell'infelicità, la vita è una lotta sempre o quasi.

 07/10/2019 13:52:21
Rosa_dei_Venti

Rosa_dei_Venti89601

Comunicatrice

Forse questo è il post adatto per inserire questo link giusto per i collefìghi di economia

https://www.money.it/Da-Gates-a-Buffett-i-miliardari-che-vogliono-pagare-piu-tasse?utm_source=notifichepush

c'è chi problemi non ne ha proprio e si lamenta, @FlavioBertamini vedi a proposito dei conti che facevamo oggi su altro post...

 04/01/2020 15:11:04

QUAG SI IMPEGNA A PROTEGGERE LA TUA PRIVACY

Cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Accettando questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.
Vedi il documento in dettaglio »


La presente informativa descrive “che cosa sono i cookie” e quali sono i tipi di cookie utilizzati da Quag nel proprio sito Web.

Che cosa sono i cookie?

Un “cookie” è un file di testo che i siti Web inviano al computer o a un altro dispositivo connesso a Internet del visitatore, per identificare univocamente il browser del visitatore stesso o per salvare informazioni o impostazioni nel browser.

Quag utilizza i cookie nel proprio sito Web?

Quag utilizza i cookie per migliorare il proprio sito Web, per fornire servizi e funzionalità agli utenti, per proporre contenuti e pubblicità in linea con gli interessi del singolo utente. È possibile limitare o disattivare l’utilizzo dei cookie tramite il proprio browser Web, tuttavia, in questo caso, alcune funzionalità del nostro sito potrebbero diventare inaccessibili.

Quali sono tipi di cookie utilizzati da Quag?

Cookie essenziali
Questi cookie sono essenziali per consentire all’utente di navigare nel Sito e utilizzare tutte le sue funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornire alcuni servizi o funzioni e la navigazione sul Sito non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere.

Cookie funzionali
Questi cookie consentono al sito Web di ricordare le scelte effettuate dall’utente al fine di ottimizzare le funzionalità. Ad esempio, i cookie funzionali consentono al sito Web di ricordare le impostazioni specifiche di un utente.

Cookie analitici
Questi cookie consentono di raccogliere dati sull’utilizzo del sito Web da parte dell’utente, compresi gli elementi su cui si fa clic durante la navigazione, al fine di migliorare le prestazioni e il design del sito stesso, ci aiutano inoltre a comprendere ogni difficoltà che l’utente può incontrare nell’utilizzo del Sito. I cookie in questione sono utilizzati esclusivamente per le finalità correlate alla gestione del nostro sito Web.

Cookie di profilazione
I cookie di profilazione vengono utilizzati per analizzare gli interessi e le abitudini di navigazione dei singoli utenti, per personalizzarne la navigazione, per proporre contenuti, anche pubblicitari, in linea con gli interessi dell’utente.

Cookie di terze parti
I cookie di terze parti possono essere sia tecnici che non tecnici, e vengono utilizzati per migliorare l’esperienza di utilizzo del sito da parte dell’utente, per proporre contenuti in linea con gli interessi dell’utente, per pubblicità di potenziale interesse per il singolo utente. I cookie possono essere erogati direttamente dal gestore del sito sul quale si sta navigando (cookie di prima parte) o, nel caso il sito si appoggi a servizi esterni per particolari funzioni, da terzi (cookie di terze parti).
Quag utilizza cookie sia tecnici che non tecnici, anche di terze parti, al fine di migliorare l’esperienza di utilizzo da parte dell’utente, ad esempio secondo il browser utilizzato, selezionando la tipologia dei contenuti visualizzati, proponendo pubblicità in linea con gli interessi per il singolo utente.
Se ti trovi sul sito Quag e visualizzi il banner informativo dell’esistenza dei cookie, accettandolo acconsenti all’utilizzo dei cookie descritti nella presente informativa e implementati nelle pagine del sito Quag.

Come si disattivano o si rimuovono i cookie?

E’ possibile disabilitare le funzioni dei cookie direttamente dal browser che si sta utilizzando, secondo le istruzioni fornite dai produttori.
La maggior parte dei browser permette di impostare regole per gestire i cookie e offre così agli utenti la possibilità di un controllo della privacy, negare la possibilità di ricezione dei cookie, modificare le scelte fatte. Di seguito sono riportate le indicazioni per la gestione dei cookie tramite le impostazioni dei principali browser, facendo ctrl+click sul nome del browser si verrà mandati alla pagina con le relative istruzioni:

Cookie di terze parti utilizzati da Quag
Durante la navigazione su Quag possono essere rilasciati cookie tecnici e non gestiti da terze parti, per finalità tecniche, statistica, per l’erogazione di pubblicità. Questi cookie sono gestiti esclusivamente da terze parti. Si riportano qui di seguito le terze parti coinvolte, i link ai loro siti e alle loro politiche di gestione dei cookie, con indicazione delle relative finalità.

Google Analytics - Cookie statistici
Cookies policy di Google

Google AdSense e DoubleClick (Google Inc.) - Cookie di profilazione
Cookies Policy in Advertising - OptOut

Newrelic e nr-data.net – cookie tecnici
Privacy Policy Newrelic

Facebook - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Facebook

Twitter - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Twitter

Linkedin - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Linkedin

embed.ly - Cookie tecnici
Privacy Policy di Embed

Per ulteriori informazioni sulla pubblicità comportamentale e per sapere come attivare o disattivare singolarmente i cookie e avere indicazioni sui software di gestione dei cookie, è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.youronlinechoices.com/it/

Per sapere come attivare o disattivare la profilazione pubblicitaria sulle applicazioni mobile è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.aboutads.info/appchoices

Ulteriori informazioni sul trattamento dei dati personali degli utenti da parte di Quentral possono essere consultate nella Informativa Privacy.


Questo sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.


Loader