Tatyana

Tatyana112991

Artista inseguitrice di sogni

Le "mie cose" sono un bene di lusso

Come tutte le donne ogni mese devo acquistare degli assorbenti. Su ogni confezione pago come tutte l’iva – quella sui prodotti sanitari femminili – che è pari al 22 per cento. L’assorbente, il tampax o la coppetta vaginale non sono considerati beni essenziali. Non sono come il pane o un giornale, secondo lo stato italiano. Noi donne abbiamo il ciclo ogni mese, ma per il paese in cui vivo questo è un dettaglio. Come un dettaglio sono i crampi, quelle emicranie che ti staccheresti la testa a morsi, quel sangue che ti scorre tra le gambe.

Ed ecco che ogni mese ci cade addosso, direttamente sul portafoglio, quella maledetta iva al 22 per cento. Quando il leader della nuova formazione Possibile, Giuseppe Civati, ha depositato in parlamento un provvedimento per abbattere quel muro del 22 per cento ho fatto, come molte, i salti di gioia. Finalmente un provvedimento che aggiungeva le confezioni di assorbenti e in generale i prodotti igienico-sanitari tra i beni essenziali. Finalmente qualcuno, e per di più un uomo, ha pensato alle “mie cose”.

Appena l’iniziativa è stata annunciata Giuseppe Civati è stato travolto da una pioggia di sberleffi. Tanti i maschietti che hanno ironizzato sulla faccenda e molti, sempre maschietti, hanno giudicato iniquo il provvedimento.

Mi rivolgo a voi uomini, è il vostro parere che cerco, perché noi donne già sappiamo che le mestruazioni sono una cosa seria. Lo sanno milioni di donne in Italia, e non solo, che ogni mese vivono la fatica (e sì, anche la gioia) di sanguinare. 

 19/01/2016 16:26:20
utente anonimo
Aggiungi il tuo commento
150 commenti
puce72

puce7212206

La mia opinione è che, dovessero calare l'IVA, il prezzo al dettaglio resterebbe pressoché identico, a tutto vantaggio di produttori e negozianti.

Ciò premesso, dovessi ragionare solo sul fatto che debba godere di IVA agevolata in quanto bene di prima necessità, la risposta è "non lo so"... ma propendo leggermente per il no...

 19/01/2016 16:45:45
Tatyana

Tatyana112991

Artista inseguitrice di sogni

puce72, sono curiosa perchè per il no?

 19/01/2016 17:49:48
puce72

puce7212206

in risposta a ↑

Tatyana, perché vedo la questione in modo un po' più ampio e più complesso... ci sono molte altre cose per certi versi "indispensabili" che però non sono "di prima necessità"... ti faccio un controesempio assurdo (uno dei tanti che potrei farti): tutti dobbiamo vestirci, i vestiti non sono un bene di lusso, eppure i vestiti non hanno l'IVA agevolata... 

Ciò premesso, ripeto, la mia risposta è comunque un "non lo so"... 

 20/01/2016 08:38:36 (modificato)
Tatyana

Tatyana112991

Artista inseguitrice di sogni

in risposta a ↑

puce72, se ragioniamo in questo modo tutto diventa un bene di prima necessità. Con i vestiti però è diverso, è possibile trovare abbigliamento low cost e abbigliamento firmato. Posso fare a meno di avere 10 maglie e 100 gonne, posso averne solo 2.

Gli assorbenti sono solo assorbenti e, credimi, è impossibile farne a meno.

 20/01/2016 10:16:14
puce72

puce7212206

in risposta a ↑

Tatyana, proprio perché ragionando in questo modo si arriva a paradossi non sono così sicuro che sia giusto considerare gli assorbenti come bene di prima necessità... anche dei vestiti è impossibile fare a meno (low-cost o firmato che sia, l'IVA agisce in percentuale) e anche degli assorbenti esistono varie fasce di prezzo (dal discount alla marca che ha ali, gel ultrasottile, antiodorante e chi più ne ha più ne metta).

Ripeto, non lo so, ma sono più per il no... 

 20/01/2016 10:28:14
Tatyana

Tatyana112991

Artista inseguitrice di sogni

in risposta a ↑

puce72, sarà che sono donna e riesco a capire come tu possa paragonare un assorbente a un vestito. Trovo più logico associarlo ai medicinali e molti dei medicinali sono mutabili.

 20/01/2016 10:33:12
puce72

puce7212206

in risposta a ↑

Tatyana, può essere tu abbia ragione, non lo so... resta il fatto che se venisse assoggettato all'aliquota IVA del 10%, credo che la quasi totalità di quel 12% risparmiato, andrebbe a vantaggio di produttori e venditori. 

In ogni caso non mi hai ancora convinto :P 


 20/01/2016 10:57:40
in risposta a ↑

Tatyana, intanto, ringrazio Donatella avente segnalatomi questo elemento, inoltre, informandomi su ciò ora so più o meno cosa vi accade ogni mese, quando siete in età fertile e da uomo a donne, come, da me, scritto altrove, sappiate che non siete sole in questa lotta e che, tutti insieme estingueremo, tra le varie cose il sessismo.

 30/12/2016 17:38:05
in risposta a ↑

La parità è anche questo.

 30/12/2016 17:42:51
in risposta a ↑

puce72, ti corrego, si parla di ridurla al 4%

 30/12/2016 17:44:12
in risposta a ↑

puce72, gli indumenti possono essere però indossati più volte da quando sono comprati e poi dipende da se è un indumento firmato, elegante o uno di tutti i giorni per chiunque.

 09/06/2017 22:21:29

evidentemente non tutte le donne lo sanno, giacché su circa 200 deputate l'iniziativa è stata di un uomo.

Comunque parlavo proprio ieri (al supermercato) con mia moglie di questo argomento.

è una vergogna, ma non è l'unico prodotto al cui dovrebbero diminuire l'IVA.


 19/01/2016 17:13:05
Tatyana

Tatyana112991

Artista inseguitrice di sogni

Blog7Isole, paradossalmente trovo che abbia più senso che questa proposta venga da un uomo. Se una donna in parlamento si fosse alzata in piedi dicendo che voleva pagare meno gli assorbenti, si sarebbero sollevate mille polemiche. Si sarebbe detto che noi donne vogliamo un mondo a nostra misura e sarebbe piovuta una infinità di stereotipi. O almeno è così che la penso... Molte volte il fatto che chi riconosca il problema non sia chi ha il problema ha maggior presa.

E con questo non difendo le 200 deputate.

 19/01/2016 17:55:47
in risposta a ↑

Tatyana, Io da deputata avrei detto, signora Boldrina lei è donna? Le sue cose sono un bene di Lusso?   evidentemente Si, giacché si tiene l'IVA al 22%!

 19/01/2016 19:38:28
in risposta a ↑

Tatyana, dai Taytana, sappi che i due lati del genere umano sono più forti insieme e adesso, sorridi. 

 30/12/2016 22:17:27
Tatyana

Tatyana112991

Artista inseguitrice di sogni

in risposta a ↑

Cristian-Pantano, non ho capito il senso del tuo intervento.

 31/12/2016 01:25:12
in risposta a ↑

Tatyana, cosa, per la precisione?

 31/12/2016 08:14:11
Francesco-Arena

Francesco-Arena7496

IMPIEGATO BANCARIO

Credo che inserire gli assorbenti come genere di prima necessità e quindi con Iva ridotta sia sicuramente  un bene... il problema è che ho paura che le case produttrici trovino un qualche inghippo per intascarsi il 18 % di differenza a loro favore... infatti è spesso questo che fa fallire certe iniziative...

 19/01/2016 20:15:28
VerdeMatematico

VerdeMatematico23401

(c)Reo confesso

Credo che sia assurdo. Immaginiamoci in che modo, il prezzo degli assorbenti potrebbe incidere nella vita di un uomo... è facile! Immaginiamoci una famiglia, marito moglie e tre figlie. Supponiamo che la moglie sia ancora in età fertile e che le tre figlie siano adolescenti. Quest'uomo, oltre a vivere gli effetti collaterali dei cicli mestruali di ognuna, insieme alla moglie dovrà sostenere una notevole spesa mensile per gli assorbenti. A parte gli scherzi, trovo che non solo bisognerebbe abbassare l'iva su tali prodotti, ma iniziare a pensare di permettere alle donne di recuperare almeno in parte la spesa che sono costrette a sostenere per garantire che la specie umana continui ad esistere!     

 19/01/2016 21:26:22
Tommy

Tommy30666

Il principio è giusto, l'idea è interessante perché può essere applicata anche ad altri prodotti.




 20/01/2016 06:14:09

QUAG SI IMPEGNA A PROTEGGERE LA TUA PRIVACY

Cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Accettando questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.
Vedi il documento in dettaglio »


La presente informativa descrive “che cosa sono i cookie” e quali sono i tipi di cookie utilizzati da Quag nel proprio sito Web.

Che cosa sono i cookie?

Un “cookie” è un file di testo che i siti Web inviano al computer o a un altro dispositivo connesso a Internet del visitatore, per identificare univocamente il browser del visitatore stesso o per salvare informazioni o impostazioni nel browser.

Quag utilizza i cookie nel proprio sito Web?

Quag utilizza i cookie per migliorare il proprio sito Web, per fornire servizi e funzionalità agli utenti, per proporre contenuti e pubblicità in linea con gli interessi del singolo utente. È possibile limitare o disattivare l’utilizzo dei cookie tramite il proprio browser Web, tuttavia, in questo caso, alcune funzionalità del nostro sito potrebbero diventare inaccessibili.

Quali sono tipi di cookie utilizzati da Quag?

Cookie essenziali
Questi cookie sono essenziali per consentire all’utente di navigare nel Sito e utilizzare tutte le sue funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornire alcuni servizi o funzioni e la navigazione sul Sito non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere.

Cookie funzionali
Questi cookie consentono al sito Web di ricordare le scelte effettuate dall’utente al fine di ottimizzare le funzionalità. Ad esempio, i cookie funzionali consentono al sito Web di ricordare le impostazioni specifiche di un utente.

Cookie analitici
Questi cookie consentono di raccogliere dati sull’utilizzo del sito Web da parte dell’utente, compresi gli elementi su cui si fa clic durante la navigazione, al fine di migliorare le prestazioni e il design del sito stesso, ci aiutano inoltre a comprendere ogni difficoltà che l’utente può incontrare nell’utilizzo del Sito. I cookie in questione sono utilizzati esclusivamente per le finalità correlate alla gestione del nostro sito Web.

Cookie di profilazione
I cookie di profilazione vengono utilizzati per analizzare gli interessi e le abitudini di navigazione dei singoli utenti, per personalizzarne la navigazione, per proporre contenuti, anche pubblicitari, in linea con gli interessi dell’utente.

Cookie di terze parti
I cookie di terze parti possono essere sia tecnici che non tecnici, e vengono utilizzati per migliorare l’esperienza di utilizzo del sito da parte dell’utente, per proporre contenuti in linea con gli interessi dell’utente, per pubblicità di potenziale interesse per il singolo utente. I cookie possono essere erogati direttamente dal gestore del sito sul quale si sta navigando (cookie di prima parte) o, nel caso il sito si appoggi a servizi esterni per particolari funzioni, da terzi (cookie di terze parti).
Quag utilizza cookie sia tecnici che non tecnici, anche di terze parti, al fine di migliorare l’esperienza di utilizzo da parte dell’utente, ad esempio secondo il browser utilizzato, selezionando la tipologia dei contenuti visualizzati, proponendo pubblicità in linea con gli interessi per il singolo utente.
Se ti trovi sul sito Quag e visualizzi il banner informativo dell’esistenza dei cookie, accettandolo acconsenti all’utilizzo dei cookie descritti nella presente informativa e implementati nelle pagine del sito Quag.

Come si disattivano o si rimuovono i cookie?

E’ possibile disabilitare le funzioni dei cookie direttamente dal browser che si sta utilizzando, secondo le istruzioni fornite dai produttori.
La maggior parte dei browser permette di impostare regole per gestire i cookie e offre così agli utenti la possibilità di un controllo della privacy, negare la possibilità di ricezione dei cookie, modificare le scelte fatte. Di seguito sono riportate le indicazioni per la gestione dei cookie tramite le impostazioni dei principali browser, facendo ctrl+click sul nome del browser si verrà mandati alla pagina con le relative istruzioni:

Cookie di terze parti utilizzati da Quag
Durante la navigazione su Quag possono essere rilasciati cookie tecnici e non gestiti da terze parti, per finalità tecniche, statistica, per l’erogazione di pubblicità. Questi cookie sono gestiti esclusivamente da terze parti. Si riportano qui di seguito le terze parti coinvolte, i link ai loro siti e alle loro politiche di gestione dei cookie, con indicazione delle relative finalità.

Google Analytics - Cookie statistici
Cookies policy di Google

Google AdSense e DoubleClick (Google Inc.) - Cookie di profilazione
Cookies Policy in Advertising - OptOut

Newrelic e nr-data.net – cookie tecnici
Privacy Policy Newrelic

Facebook - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Facebook

Twitter - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Twitter

Linkedin - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Linkedin

embed.ly - Cookie tecnici
Privacy Policy di Embed

Per ulteriori informazioni sulla pubblicità comportamentale e per sapere come attivare o disattivare singolarmente i cookie e avere indicazioni sui software di gestione dei cookie, è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.youronlinechoices.com/it/

Per sapere come attivare o disattivare la profilazione pubblicitaria sulle applicazioni mobile è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.aboutads.info/appchoices

Ulteriori informazioni sul trattamento dei dati personali degli utenti da parte di Quentral possono essere consultate nella Informativa Privacy.


Questo sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.


Loader