Anubi

Anubi54288

義, Gi 勇, Yu 仁, Jin 礼, Rei 誠, Makoto

Come fare il fuoco nel camino?

Come fare il fuoco nel camino?

Ciao a tutti, l' inverno si avvicina e a me piace fare il fuoco in casa (ho un camino minuscolo ma funzionale). Ho visto decine di video su youtube, letto articoli ma nessuno spiega bene come fare il fuoco senza perdere ore per accenderlo.


Voi come fate il fuoco?


 19/11/2015 14:02:30
utente anonimo
Aggiungi il tuo commento
42 commenti
puce72

puce7212206

Qualche tempo fa leggevo che, per una combustione migliore, al contrario di quello che si fa di solito, andrebbe acceso dall'alto (ma probabilmente è ancora più impegnativo).

In ogni caso, il camino non ce l'ho, ma quando accendo il barbecue metto dei rametti piccoli (molto piccoli) sopra un foglio di carta, accendo, e metto via a via dei rami sempre più grossi, inizialmente sempre tagliati per il lungo (perché se c'è la corteccia mi pare che fatichi di più); nel giro di 10-15 minuti solitamente è già ben avviato e riesco a mettere i primi ciocchi grossi.

 19/11/2015 14:25:41
Anubi

Anubi54288

義, Gi 勇, Yu 仁, Jin 礼, Rei 誠, Makoto

puce72, Grazie! Attendo anche l' esperto @Anticoguardiano 

 19/11/2015 14:36:59

Credo di esser stato evocato...   


Prima di parlare del fuoco, bisognerebbe parlare del focolare: a casa ho un caminetto che era stato progettato male fin dal principio. In sostanza, quando hanno restaurato la casa, ne hanno modificato le geometrie e quindi non rispettava più quelle proporzioni che ne garantiscono un buon tiraggio naturale.


Un buon caminetto ha due caratteristiche principali: una canna fumaria che tira come un bue ed una bocca di fuoco con precise proporzioni (apertura con sezione aurea, profondità mai inferiore a 3/4 dell'altezza della bocca di fuoco...).


In questo mio caminetto che ho citato come esempio, avevano ridotto la profondità senza diminuire la bocca, con due immediate conseguenze: difficoltà d'accensione e fumosità non appena si abbassava la fiamma.


Il problema è stato risolto, in un primo momento, semplicemente praticando dei fori di aerazione sotto al bracere e riducendo la bocca di fuoco con un telaio che reggeva una lamiera. La soluzione definitiva, però, è stata l'adozione di un inserto da caminetto.


Fatta questa premessa, prima di parlare di fuoco, bisogna verificare se il caminetto funziona bene: per quel che riguarda il tiraggio, è sufficiente avvicinare un pezzo di giornale incendiato alla bocca del camino: stando circa nel centro dell'apertura, la fiamma deve piegare visibilmente verso l'interno anche a diversi centimetri di distanza dal piano dell'apertura (10-15 cm) anche restando fuori dal caminetto.


Le proporzioni si verificano col metro: visto che la meno modificabile è la profondità, si misura questa e si controlla che altezza e larghezza non si discostino molto da quanto ho riportato prima. Al caso, è possibile diminuire la bocca del camino per accordarsi con la profondità.


Il fuoco.


Ok, ci siamo!

Fatte le precedenti verifiche, scoperto che è tutto a posto, si può provare ad accendere il fuoco.


Le regole sono le stesse del fuoco da campo.


Si dispone un generoso volume di materiale d'accensione (esca), che può essere carta appallottolata, paglia o sterpaglie essiccate, seguito da un generoso strato di rametti o legnetti sottili (0.5-1 cm di diametro). È consigliabile, su questo strato di legnetti, predisporre un primo strato non troppo generoso (5-7 pezzi) di legni di sezione maggiore (3-5 cm), purché sia legna ben secca, preferibilmente di essenze dolci (pseudoacacia robina, pioppo, betulla, salice...). Infine, qualche pezzo di legna da ardere non troppo grossa. Di solito si usano 3 pezzi, perché per motivi troppo lunghi da spiegare, di più soffocano il bracere e due non si accendono completamente.


Solitamente si usa la disposizione a teepee, che consente un'ottima aerazione ed una veloce propagazione della fiamma, per tutti gli strati.


Il fuoco è da ritenere acceso solo se si formano delle braci stabili sotto ai 3 pezzi di legna più grossi. Non appena anche questi iniziano a generare brace, è possibile alimentare il fuoco a volontà senza rischio di soffocarlo.


Se la disposizione ed il volume degli strati è corretto, di solito è possibile accendere al primo tentativo, con un solo fiammifero e senza acceleranti, in meno di 5 minuti.


Al caso fosse necessario utilizzare un accelerante, il migliore e più economico rimane sempre l'alcool denaturato.



 19/11/2015 15:12:52
Anubi

Anubi54288

義, Gi 勇, Yu 仁, Jin 礼, Rei 誠, Makoto

Anticoguardiano, Sei un grande, grazie davvero. Una domanda sola: La disposizione a tepee significa che devo mettere i pezzi di legno grossi verticali ed inclinati?

 19/11/2015 15:17:08
in risposta a ↑

Anubi, tutti i legni, sia grossi che piccoli, è meglio che siano inclinati verso il centro, come a formare una capanna indiana. Con l'esca questo non si riesce quasi mai a fare, perché di materiale fine che cade su se stesso... ma per l'esca, basta non pressarla, lasciare qualche passaggio per l'aria, ed il gioco è fatto! ^_^

 19/11/2015 15:27:31
Sardigna

Sardigna1281

Bibliotecaria

Mah, io ho acceso il fuoco, sino a qualche anno fa. Prima della messa in commercio della diavolina ( Deo gratias ), era una gran rottura di scatole. Non ho, mai,usato alcun accelerante : pericolosissimi,in mano ad inesperti. Piuttosto, serve legna secca e rametti sottili .Come,già spiegato si forma una sorta di capanna con i tronchetti ( 3, max 4 ), su di essi si dispongono i rametti sottili e poi,ci si infila sotto della carta ( ottima quella straccia, quella marron dei sacchetti per alimenti, per intenderci ) Poi, si dà fuoco alla carta e si attende , con in mano il soffietto. Non appena il fuoco avrà "intaccato" i tronchetti, si dovrà iniziare a soffiare...

 20/11/2015 07:32:00
GoldenLover

GoldenLover4066

I am golden

Tanta legna grande ma soprattutto piccola. Deve essere molto secca sennò hai già perso   forma una piramide con la legna e spargi quella più piccola sotto e sopra a quella più grande. Prendi dei quotidiani e infilali nel centro della piramide. La carta delle scatole delle uova si presta anche benissimo. Prendi uno di quei quadratini che facilitano l'accensione del fuoco (non mi viene in mente il nome ora). Posizionalo sopra la carta, in mezzo alla piramide e accendilo. Assicurati che c'è abbastanza ossigeno per far si che il fuoco possa bruciare per bene. 

 19/11/2015 15:29:52
MissTitty

MissTitty17341

Spacciatrice di sorrisi

Tutto dipende dal tipo di legna. Deve essere secca e non umida altrimenti non si accenderà mai! Poi x partire ci vogliono arbusti sottili di facile accensione che poi contagino con i loro fuoco legna più grande. Ci deve essere aria, non può essere tutto soffocante ma la cosa più importante :la scintilla, foglio di carta o diavoletta che accenda il tutto! Potrei continuare x ore...poi dicono delle analogie con l'amore!   

 19/11/2015 20:44:07

Non me lo sono mai chiesto, ma io uso piccoli legnetti e qualche pezzo più grande, poi un pezzo di diavolina e parte subito.

 19/11/2015 21:27:19

QUAG SI IMPEGNA A PROTEGGERE LA TUA PRIVACY

Cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Accettando questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.
Vedi il documento in dettaglio »


La presente informativa descrive “che cosa sono i cookie” e quali sono i tipi di cookie utilizzati da Quag nel proprio sito Web.

Che cosa sono i cookie?

Un “cookie” è un file di testo che i siti Web inviano al computer o a un altro dispositivo connesso a Internet del visitatore, per identificare univocamente il browser del visitatore stesso o per salvare informazioni o impostazioni nel browser.

Quag utilizza i cookie nel proprio sito Web?

Quag utilizza i cookie per migliorare il proprio sito Web, per fornire servizi e funzionalità agli utenti, per proporre contenuti e pubblicità in linea con gli interessi del singolo utente. È possibile limitare o disattivare l’utilizzo dei cookie tramite il proprio browser Web, tuttavia, in questo caso, alcune funzionalità del nostro sito potrebbero diventare inaccessibili.

Quali sono tipi di cookie utilizzati da Quag?

Cookie essenziali
Questi cookie sono essenziali per consentire all’utente di navigare nel Sito e utilizzare tutte le sue funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornire alcuni servizi o funzioni e la navigazione sul Sito non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere.

Cookie funzionali
Questi cookie consentono al sito Web di ricordare le scelte effettuate dall’utente al fine di ottimizzare le funzionalità. Ad esempio, i cookie funzionali consentono al sito Web di ricordare le impostazioni specifiche di un utente.

Cookie analitici
Questi cookie consentono di raccogliere dati sull’utilizzo del sito Web da parte dell’utente, compresi gli elementi su cui si fa clic durante la navigazione, al fine di migliorare le prestazioni e il design del sito stesso, ci aiutano inoltre a comprendere ogni difficoltà che l’utente può incontrare nell’utilizzo del Sito. I cookie in questione sono utilizzati esclusivamente per le finalità correlate alla gestione del nostro sito Web.

Cookie di profilazione
I cookie di profilazione vengono utilizzati per analizzare gli interessi e le abitudini di navigazione dei singoli utenti, per personalizzarne la navigazione, per proporre contenuti, anche pubblicitari, in linea con gli interessi dell’utente.

Cookie di terze parti
I cookie di terze parti possono essere sia tecnici che non tecnici, e vengono utilizzati per migliorare l’esperienza di utilizzo del sito da parte dell’utente, per proporre contenuti in linea con gli interessi dell’utente, per pubblicità di potenziale interesse per il singolo utente. I cookie possono essere erogati direttamente dal gestore del sito sul quale si sta navigando (cookie di prima parte) o, nel caso il sito si appoggi a servizi esterni per particolari funzioni, da terzi (cookie di terze parti).
Quag utilizza cookie sia tecnici che non tecnici, anche di terze parti, al fine di migliorare l’esperienza di utilizzo da parte dell’utente, ad esempio secondo il browser utilizzato, selezionando la tipologia dei contenuti visualizzati, proponendo pubblicità in linea con gli interessi per il singolo utente.
Se ti trovi sul sito Quag e visualizzi il banner informativo dell’esistenza dei cookie, accettandolo acconsenti all’utilizzo dei cookie descritti nella presente informativa e implementati nelle pagine del sito Quag.

Come si disattivano o si rimuovono i cookie?

E’ possibile disabilitare le funzioni dei cookie direttamente dal browser che si sta utilizzando, secondo le istruzioni fornite dai produttori.
La maggior parte dei browser permette di impostare regole per gestire i cookie e offre così agli utenti la possibilità di un controllo della privacy, negare la possibilità di ricezione dei cookie, modificare le scelte fatte. Di seguito sono riportate le indicazioni per la gestione dei cookie tramite le impostazioni dei principali browser, facendo ctrl+click sul nome del browser si verrà mandati alla pagina con le relative istruzioni:

Cookie di terze parti utilizzati da Quag
Durante la navigazione su Quag possono essere rilasciati cookie tecnici e non gestiti da terze parti, per finalità tecniche, statistica, per l’erogazione di pubblicità. Questi cookie sono gestiti esclusivamente da terze parti. Si riportano qui di seguito le terze parti coinvolte, i link ai loro siti e alle loro politiche di gestione dei cookie, con indicazione delle relative finalità.

Google Analytics - Cookie statistici
Cookies policy di Google

Google AdSense e DoubleClick (Google Inc.) - Cookie di profilazione
Cookies Policy in Advertising - OptOut

Newrelic e nr-data.net – cookie tecnici
Privacy Policy Newrelic

Facebook - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Facebook

Twitter - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Twitter

Linkedin - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Linkedin

embed.ly - Cookie tecnici
Privacy Policy di Embed

Per ulteriori informazioni sulla pubblicità comportamentale e per sapere come attivare o disattivare singolarmente i cookie e avere indicazioni sui software di gestione dei cookie, è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.youronlinechoices.com/it/

Per sapere come attivare o disattivare la profilazione pubblicitaria sulle applicazioni mobile è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.aboutads.info/appchoices

Ulteriori informazioni sul trattamento dei dati personali degli utenti da parte di Quentral possono essere consultate nella Informativa Privacy.


Questo sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.


Loader