maddi_n96

maddi_n961566

Studentessa

Qualche schiaffone... ai figli! (oppure no?) Le nuove generazioni sono più maleducate?

Secondo voi ogni tanto è bene dare uno schiaffo nel sedere a un bambino se fa qualcosa di sbagliato?
Perchè sto notando sempre di più, che le nuove generazioni non sanno cosa voglia dire prendersi un bel ceffone da parte del babbo che ti lascia il segno delle dita sulle chiappe! Eppure, a mio avviso, quando ci vuole ci vuole.. Certo, non è solo attraverso le "botte" che si educa un figlio, però ogni tanto un schiaffo per rimetterlo al "suo posto" bisogna darglielo.. Se c'è una cosa di cui vado fiera è il fatto di essere una persona educata, non manco mai di rispetto a nessuno e odio chi insulta a gratis la gente o chi fa il superbo, e questo lo devo sicuramente ai miei genitori (ne ho prese abbastanza ma il giusto). Vedere un sacco di bambini presuntuosi, viziati e maleducati mi da veramente sui nervi! E purtroppo la colpa è proprio dei genitori che sembra vivano su un altro pianeta! E non si parla di educare male, ma di una vera mancanza di educazione! Perciò, neogenitori iscritti a Quag, per favore non lasciate che sia la televisione o il tablet a educare i vistri figli, PER FAVORE (altrimenti mi farete venire una crisi di nervi!)

Voi cosa ne pensate, genitori e non? secondo voi le nuove generazioni sono più maleducate? e la colpa forse non è in primis della generazione dei nuovi genitori?

Un'altra cosa che mi è venuta in mente adesso: io ho un fratello maggiore e una sorella minore e adesso che ci penso so di averne prese meno di mio fratello ma più di mia sorella piccola! Credete che i genitori col passare degli anni (e dei figli) si rabboniscano? O forse semplicemente non ne possono più? eheh

 13/11/2015 21:07:20
utente anonimo
Aggiungi il tuo commento
133 commenti
Alerage

Alerage24884

musicista fallito e programmatore svogliato

Secondo me hai colto il punto in mezzo a tutta questa matassa . . .

Non c'è proprio una propensione ad educare, non è questione di ceffoni, già solo alzare la voce avrebbe il suo effetto, ma i neogenitori sono troppo permissivi, anzi sembrano proprio sbattersene allegramente, a volte è proprio così, a volte è solo stanchezza perchè volendo o nolendo si DEVE lavorare per tirare avanti e i genitori dopo una giornata stancante non hanno proprio voglia di stare dietro ai figli.


 13/11/2015 21:46:38 (modificato)
EwaMaria

EwaMaria143051

Hiraeth. Davidia Involucrata.

Alerage, oh ma guarda, tutti qui a fare i boxeur nei confronti dei bambini di 2, 3 o 5 anni. Vi siete bevuti il cervello? questo che voi cercate di passare sotto "un modo educativo" si chiama violenza. Violenza, chiaro?!!!

 14/11/2015 23:09:58 (modificato)
Spiff

Spiff5536

Studente

Ho lavorato con i bambini per qualche anno, alcuni credo che non avessero mai preso un ceffone in vita loro, dato che erano totalmente ingestibili.


Le nuove generazioni sono ingestibili probabilmente anche per motivi come questo, oltre ad esempio il fatto di avere tutto e subito (ricordo che, ad esempio, per i regali importanti dovevo aspettare il compleanno, Natale o la pagella di fine anno), ottenendo quello che vogliono facendo infinite sceneggiate in ogni negozio in cui entrano. Ho visto una cosa del genere l'anno scorso sotto Natale, il 22 dicembre o giù di lì. L'unica "minaccia" della madre è stata quella del mancato arrivo di Babbo Natale, detta con una voce dolcissima. Ovviamente il bambino non s'è calmato un attimo.


Poi mi sembra che vada molto di più il rinforzo positivo di quello negativo, ultimamente, ma citando un mio professore (e non solo lui), due schiaffi ogni tanto male non fanno.


Io ne ho prese meno di mio fratello, probabilmente perché vedendo il suo comportamento ho capito cosa fare e cosa non fare semplicemente osservando e sfruttando indirettamente la sua esperienza.

 13/11/2015 22:06:04
EwaMaria

EwaMaria143051

Hiraeth. Davidia Involucrata.

Spiff, 

Il professore che citi di che cosa si occupa, cosa insegna?


 15/11/2015 12:14:47
Spiff

Spiff5536

Studente

in risposta a ↑

EwaMaria, si occupa di neurofisiologia, in quel caso si parlava di apprendimento e memoria.

 15/11/2015 12:18:44
EwaMaria

EwaMaria143051

Hiraeth. Davidia Involucrata.

in risposta a ↑

Spiff, quindi un docente universitario. Ti risulta che abbia sostenuto questa sua tesi in qualche testo scientifico da lui prodotto oppure l'ha buttata lì?

 15/11/2015 12:24:40
Spiff

Spiff5536

Studente

in risposta a ↑

EwaMaria, no, non credo, l'ha buttata lì mentre spiegava il rinforzo positivo e quello negativo.

 15/11/2015 15:37:46

Spiff, chi dice e scrive che i metodi di una volta siano infallibili cosa ha in testa? Davvero rimpiange i tempi di quando erano bacchettate le mani dei bambini, o di quando erano fatti inginocchiare su ceci secchi o in via generica subivano punizioni corporali? E comunque le persone non rispettanti gli altri non sono, solo, nelle nuove generazioni, così, tanto, criticate, inoltre chi afferma che nei tempi di prima ciò garantiva un maggior rispetto non considera che i primi che non fornivano un ottimo esempio di rispetto erano gli adulti stessi verso i bambini e che la cosa che era ottenuta, così agendo, era un superficiale buon comportamento basato sulla paura, essendo, per mezzo di ciò, ottenuto o come, sopra, scritto un superficiale buon comportamento o ipocrisia, qualora la cosa sia fatta, sperando che non sia scoperta o sfida e provocazione o a rotazione terno le cose, bene se volete ciò accomodatevi, ma sappiate che se varii pedagogisti, addirittura, di due secoli or sono, come la Montessori o le sorelle Agazzi ripudiavano tali metodi vi è un motivo.


 06/04/2016 20:47:01 (modificato)
vidharr

vidharr25001

qualche sberla l'ho presa, e tutto sommato, penso mi sia servita. Sul fatto che le giovani leve siano lasciate a se stesse e quindi difficilmente educate è vero. Me lo confermano delle amiche che insegnano alle medie e al liceo.

 13/11/2015 22:12:09
Spiff

Spiff5536

Studente

vidharr, anche una mia insegnante delle medie che ho visto 2-3 anni fa mi ha detto cose del genere, e che lei fa fatica a gestirli. Ed era la più severa: quando c'erano le sue lezioni non volava una mosca.

 13/11/2015 22:24:12
vidharr

vidharr25001

in risposta a ↑

Spiff, si fa fatica a gestirli anche perchè, una volta, era il ragazzo a dover giustificare un 3 ai genitori. Ora è il professore, anche se il foglio è praticamente bianco. E poi ci sono i genitori migliori, quelli assenti tutto l'anno, che però a giugno, di fronte a una bocciatura, minacciano o tentano ricorsi al TAR, perchè i prof sono sempre cattivi

 14/11/2015 12:54:11
maddi_n96

maddi_n961566

Studentessa

in risposta a ↑

vidharr, a proposito di ciò ho una storiella che a distanza di tanto tempo mi fa ancora ridere (per non piangere). Eravamo in gita (terza superiore), 7 miei compagni di classe si fumano una canna in hotel approfittando del fatto che le due prof accompagnatrici erano fuori con altri ragazzi della mia classe. Ma al loro rientro in albergo... si fanno beccare in pieno dalle prof. (sfortunati o semplicemente poco furbi, a te il giudizio). Non ti dico il putiferio. Al rientro a casa, la "simpaticissima" mamma di una dei 7 ragazzi che hanno fumato ha il coraggio di dire alle due prof accompagnatrici: "è tutta colpa vostra se mia figlia ha fumato, perchè non eravate lì!"

Tralasciando il fatto che è vero che le prof hanno sbagliato a lasciar soli i ragazzi in hotel, questa genia continuava a ribadire che sua figlia non aveva colpa. BEST MOM EVER

 14/11/2015 13:18:47
 14/11/2015 13:20:32
vidharr

vidharr25001

in risposta a ↑

maddi_n96, comunque è veramente assurdo quello che riporti, ma ancora più assurdo il fatto che scene del genere capitino sempre più spesso. Solo che crea molti problemi a un padre dare in mano al figlio la playstation 24/7 e non fargli rompere le scatole, piuttosto che insegnargli qualcosa.

 14/11/2015 13:23:49
Spiff

Spiff5536

Studente

in risposta a ↑

vidharr, perché ormai l'importante è proteggere i figli e dare la colpa a qualsiasi altra cosa che non c'entri con il nucleo famigliare. 


Quello che riportate tu e @maddi_n96 è semplicemente assurdo. Tra l'altro nel primo caso secondo me gli insegnanti non hanno sbagliato nemmeno troppo, in fondo: non so a voi ma quando io andavo in gita ci lasciavano sempre andare in giro per la città da soli, di giorno, ed è più pericoloso rispetto a lasciare alcuni in hotel da soli se non hanno voglia di uscire, visto che dovrebbe essere un luogo sicuro, in teoria.

 14/11/2015 16:01:14
maddi_n96

maddi_n961566

Studentessa

in risposta a ↑

Spiff, in realtà l'insegnante ha il dovere di restare con gli alunni, perchè se succede loro qualcosa la responsabilità è proprio sua! Resta comunque il fatto che alcuni genitori, pur di negare la colpevolezza dei figli (non vogliono ammettere di aver fallito e di essere i veri responsabili, forse?) scaricano la colpa su tutti fuorchè loro stessi!

 14/11/2015 16:53:58
Spiff

Spiff5536

Studente

in risposta a ↑

maddi_n96, so che per legge è così, ma purtroppo come logica spesso è inapplicabile: a questo punto se un ragazzo la mattina cadesse dalle scale scendendo per andare a fare colazione/pranzo/cena rompendosi qualcosa, con i professori già a mangiare, sarebbero comunque responsabili? O se semplicemente avessero fumato in hotel alle 3 di notte, mentre i professori dormivano?


Secondo me non è solo una questione di non-ammissione di colpe, un figlio imbecille rimane tale anche con la migliore educazione, è una forma di eccessivo "innamoramento" verso il figlio, che viene ritenuto perfetto e inattaccabile.

 14/11/2015 19:41:54
maddi_n96

maddi_n961566

Studentessa

in risposta a ↑

Spiff, esatto è proprio quello il problema!

 14/11/2015 20:31:18
 17/11/2015 15:39:15
alvise

alvise3791

turismo

In certi paesi tipo la Svezia al primo schiaffo ti tolgono il figlio. Onestamente io ne ho presi di ceffoni, ma mi hanno solo insegnato a diventare più furbo e falso per evitarli. Gli schiaffi non fanno capire meglio le cose, un bambino non è come un vecchio televisore che a forza di sberle aumenta la ricezione. Stai usando solo la tua stazza, con violenza per obbligare un essere più debole a seguire un comportamento che per qualche motivo non reputa giusto seguire.Se non lo convinci con le parole e il tuo buon esempio, certo non lo convinci a sganassoni.  So che è molto più pratico e veloce in certe situazioni, che mettersi a cercare di fare breccia nei processi logici e psicologici di un bambino capriccioso, ma l'educazione è questo.. Un genitore secondo me, deve essere sempre attento, furbo e lungimirante.. Se scende a dover usare la violenza per ottenere ragione e quello che vuole, ha insegnato col suo gesto, che la violenza per i propri fini a volte è giustificabile, anche se è rivolta da un soggetto forte ad uno debole.

 13/11/2015 22:28:32
LoriT

LoriT7636

alvise, che buffo, anche a me è venuto in mente il vecchio televisore... ma anche quello poi alla fine, a forza di colpi, finiva col rompersi.   


 18/11/2015 12:01:49

alvise,

La penso esattamente come te!

 18/11/2015 19:04:25

Se i figli sono maleducati la colpa è sempre e solo dei genitori. Genitori non si nasce ma si diventa e non sempre ci si riesce, anzi è il "mestiere" piu difficile. Quindi mai e poi mai alzarr le mani sui figli

 13/11/2015 22:33:29

QUAG SI IMPEGNA A PROTEGGERE LA TUA PRIVACY

Cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Accettando questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.
Vedi il documento in dettaglio »


La presente informativa descrive “che cosa sono i cookie” e quali sono i tipi di cookie utilizzati da Quag nel proprio sito Web.

Che cosa sono i cookie?

Un “cookie” è un file di testo che i siti Web inviano al computer o a un altro dispositivo connesso a Internet del visitatore, per identificare univocamente il browser del visitatore stesso o per salvare informazioni o impostazioni nel browser.

Quag utilizza i cookie nel proprio sito Web?

Quag utilizza i cookie per migliorare il proprio sito Web, per fornire servizi e funzionalità agli utenti, per proporre contenuti e pubblicità in linea con gli interessi del singolo utente. È possibile limitare o disattivare l’utilizzo dei cookie tramite il proprio browser Web, tuttavia, in questo caso, alcune funzionalità del nostro sito potrebbero diventare inaccessibili.

Quali sono tipi di cookie utilizzati da Quag?

Cookie essenziali
Questi cookie sono essenziali per consentire all’utente di navigare nel Sito e utilizzare tutte le sue funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornire alcuni servizi o funzioni e la navigazione sul Sito non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere.

Cookie funzionali
Questi cookie consentono al sito Web di ricordare le scelte effettuate dall’utente al fine di ottimizzare le funzionalità. Ad esempio, i cookie funzionali consentono al sito Web di ricordare le impostazioni specifiche di un utente.

Cookie analitici
Questi cookie consentono di raccogliere dati sull’utilizzo del sito Web da parte dell’utente, compresi gli elementi su cui si fa clic durante la navigazione, al fine di migliorare le prestazioni e il design del sito stesso, ci aiutano inoltre a comprendere ogni difficoltà che l’utente può incontrare nell’utilizzo del Sito. I cookie in questione sono utilizzati esclusivamente per le finalità correlate alla gestione del nostro sito Web.

Cookie di profilazione
I cookie di profilazione vengono utilizzati per analizzare gli interessi e le abitudini di navigazione dei singoli utenti, per personalizzarne la navigazione, per proporre contenuti, anche pubblicitari, in linea con gli interessi dell’utente.

Cookie di terze parti
I cookie di terze parti possono essere sia tecnici che non tecnici, e vengono utilizzati per migliorare l’esperienza di utilizzo del sito da parte dell’utente, per proporre contenuti in linea con gli interessi dell’utente, per pubblicità di potenziale interesse per il singolo utente. I cookie possono essere erogati direttamente dal gestore del sito sul quale si sta navigando (cookie di prima parte) o, nel caso il sito si appoggi a servizi esterni per particolari funzioni, da terzi (cookie di terze parti).
Quag utilizza cookie sia tecnici che non tecnici, anche di terze parti, al fine di migliorare l’esperienza di utilizzo da parte dell’utente, ad esempio secondo il browser utilizzato, selezionando la tipologia dei contenuti visualizzati, proponendo pubblicità in linea con gli interessi per il singolo utente.
Se ti trovi sul sito Quag e visualizzi il banner informativo dell’esistenza dei cookie, accettandolo acconsenti all’utilizzo dei cookie descritti nella presente informativa e implementati nelle pagine del sito Quag.

Come si disattivano o si rimuovono i cookie?

E’ possibile disabilitare le funzioni dei cookie direttamente dal browser che si sta utilizzando, secondo le istruzioni fornite dai produttori.
La maggior parte dei browser permette di impostare regole per gestire i cookie e offre così agli utenti la possibilità di un controllo della privacy, negare la possibilità di ricezione dei cookie, modificare le scelte fatte. Di seguito sono riportate le indicazioni per la gestione dei cookie tramite le impostazioni dei principali browser, facendo ctrl+click sul nome del browser si verrà mandati alla pagina con le relative istruzioni:

Cookie di terze parti utilizzati da Quag
Durante la navigazione su Quag possono essere rilasciati cookie tecnici e non gestiti da terze parti, per finalità tecniche, statistica, per l’erogazione di pubblicità. Questi cookie sono gestiti esclusivamente da terze parti. Si riportano qui di seguito le terze parti coinvolte, i link ai loro siti e alle loro politiche di gestione dei cookie, con indicazione delle relative finalità.

Google Analytics - Cookie statistici
Cookies policy di Google

Google AdSense e DoubleClick (Google Inc.) - Cookie di profilazione
Cookies Policy in Advertising - OptOut

Newrelic e nr-data.net – cookie tecnici
Privacy Policy Newrelic

Facebook - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Facebook

Twitter - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Twitter

Linkedin - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Linkedin

embed.ly - Cookie tecnici
Privacy Policy di Embed

Per ulteriori informazioni sulla pubblicità comportamentale e per sapere come attivare o disattivare singolarmente i cookie e avere indicazioni sui software di gestione dei cookie, è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.youronlinechoices.com/it/

Per sapere come attivare o disattivare la profilazione pubblicitaria sulle applicazioni mobile è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.aboutads.info/appchoices

Ulteriori informazioni sul trattamento dei dati personali degli utenti da parte di Quentral possono essere consultate nella Informativa Privacy.


Questo sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.


Loader