Bells94

Bells941121

Studentessa

Io non sarò come voi. Paolo Cammilli - Avete il coraggio di essere voi stessi?

Buongiorno a tutti!

Di recente ho letto questo libro: "Io non sarò come voi" di Paolo Cammilli e vorrei condividere con voi il mio pensiero a riguardo in quanto ritengo che i temi trattati siano di estrema importanza.

Ambientato in un piccolo paesino, Lido di Magra, si susseguono le tormentate vicende di un gruppo di adolescenti. Si ama, si lotta, si soffre, si cresce e, talvolta, nel modo più sbagliato.

Il messaggio che si evince dal libro è: siate sempre voi stessi, fate quello che ritenete sempre opportuno, ma fatelo con la vostra testa. Ragionate con la vostra testa! E' la vostra vita, vivetela come ritenete sia necessario viverla. Abbiate coraggio, abbiate il coraggio di essere sempre voi stessi... fino alla fine.

Oggi si cerca sempre di cambiare, di mettere da parte noi stessi, i nostri pensieri, i nostri valori. Perchè?  Per essere accettati, per essere considerati, per non rimanere soli.

Dal mio modesto punto di vista, ritengo che se le persone non ci accettano per quello che siamo, se cercano di farci cambiare in tutti i modi, è perchè non ci vogliono davvero. Preferisco essere quella che sono, con i miei pregi e difetti, piuttosto che apparire come quella che gli altri vorrebbero che fossi.

E voi... voi avete il coraggio di essere voi stessi?



 04/11/2015 10:54:57 (modificato)
utente anonimo
Aggiungi il tuo commento
49 commenti
MARCOnista

MARCOnista54921

rustico

parole... parole... parole...


farlo è però molto più difficile


 04/11/2015 13:13:10
Bells94

Bells941121

Studentessa

MARCOnista, nessuno ha detto che è semplice. Preferisco provare che omologarmi alla massa.

 04/11/2015 13:16:11
MARCOnista

MARCOnista54921

rustico

in risposta a ↑

Bells94, lo dice tutta la massa   

 04/11/2015 14:32:56
pRosie

pRosie2131

entusiasta

in risposta a ↑

MARCOnista, non credo che lo dica tutta la massa sai

 04/11/2015 17:35:04
pRosie

pRosie2131

entusiasta

in risposta a ↑

Poi, se lo dice, non lo fa in modo consapevole (come mi sembra che invece Bells94 stia facendo), ma in modo omologato: non sa di che cosa parla (vedi post di alaki più in basso). Oppure molti ci provano ma magari ci riescono solo in parte o per nulla. Ma se tutta la massa ci provasse davvero non si parlerebbe più di 'massa' e, credo, il mondo sarebbe ben diverso.

 04/11/2015 17:56:02 (modificato)
MARCOnista

MARCOnista54921

rustico

in risposta a ↑

pRosie, certo che se la massa non si omologasse il mondo sarebbe diverso più complesso ma più simolante...in una parola "più colorato" 

ma la massa si è omologata al detto di non volersi omologare...

 04/11/2015 19:52:33
pRosie

pRosie2131

entusiasta

in risposta a ↑

Appunto, senza sapere di che cosa sta parlando, cioè senza capire davvero che significa essere sé stessi. Aggiungo, molti non vogliono/riescono nemmeno a fare il primo passo: guardarsi dentro per realizzarsi nella propria unicità di individuo.

 04/11/2015 20:22:03
Eirene

Eirene134166

Impertinente. Non interessata a flirt e relazioni.

Si ,io ho il coraggio di essere me stessa; e sto imparando ad accettare tutto ciò che ne deriva, in termini di conseguenze. E queste ultime stanno temprando bene anche il mio carattere.

 04/11/2015 14:27:20
roberto962

roberto96232886

"è difficile restare arrabbiati..."

Questo è un social frequentato da persone di tutte le età e a volte mi chiedo se sia giusto, da parte delle persone mature, affrontare certi temi in un modo che certo potrebbe spiazzare, perfino confondere ragazzi e ragazze. D’altra parte ho anche notato che ci sono giovani con le idee chiare.

Essere sé stessi sempre e comunque, anche quando c’è un prezzo da pagare: c’è forse un altro modo di vivere? Poi col tempo ti accorgi che non hai rinunciato a un bel niente, chi se ne andò semplicemente non era in grado o non voleva capirti, dunque si trattò della cosa giusta da fare, per tutti.   

 04/11/2015 14:42:50
Eirene

Eirene134166

Impertinente. Non interessata a flirt e relazioni.

roberto962, un altro modo di vivere c'è, ed è quello di scendere a compromessi. Bisogna vedere di che tipo.

 04/11/2015 15:18:30
pRosie

pRosie2131

entusiasta

in risposta a ↑

Infatti Eirene, credo che anche scendere ad alcuni compromessi possa far parte delle decisioni in linea con l'essere sé stessi, appunto bisognerebbe capire che cosa ci porta a scendere a quei compromessi. Cmq, credo che roberto962 volesse dare alla parola 'vivere' un senso più profondo. Infatti concordo che vivere, rinunciando ad essere sé stessi, non possa considerarsi vivere davvero.

 04/11/2015 15:30:12
Eirene

Eirene134166

Impertinente. Non interessata a flirt e relazioni.

in risposta a ↑

pRosie, la sostanza secondo me sta nel sentirsi liberi di esprimere se stessi, al di là dei condizionamenti che ci vengono imposti e che molti accettano supinamente e in modo passivo, senza reagire in alcun modo; diversa cosa è scegliere di imporsi dei limiti: in quel caso, volontariamente e consapevolmente, si accetta il compromesso. Quando l'occasione lo richiede, lo si può valutare.

 04/11/2015 17:04:14

E' una bella sfida...io lo sono sempre stata e durante l'adolescenza l'ho pagata con una sana solitudine. Oggi ho poche amiche ma buone, tre splendidi pargoli e mi piaccio da morire. Quindi, ti ho risposto!   Ma non credo che sia per tutti. 

 04/11/2015 15:31:25
roberto962

roberto96232886

"è difficile restare arrabbiati..."

emyluna, certo piacersi da morire non è per tutti, vuoi mettere? 

 04/11/2015 15:39:56
ila_ziale11

ila_ziale1181

Studentessa

Mi è capitato anche a me di leggere questo libro. E' meraviglioso. Mi è capitato tra i consigli di letture sulla home di Facebook e non mi sbagliavo quando pensavo: "questo libro deve essere mio". Non sono una che piange ma è stato impossibile trattenere le lacrime alla fine di tutte quelle peripezie. Ho pianto perché si è avvicinato alla realtà in maniera oserei dire cruda. Fortunatamente non mi è mai capitato di andare incontro a simili vicende ma purtroppo di storie come quella di Fabio,di Caterina,di Katia,di Osvaldo e di tutti gli abitanti di Lido di Magra se ne sentono. Le sentiamo in televisione,le leggiamo sui giornali ma oltre a stare in televisione e sui giornali,quelle storie sono successe veramente. E' difficile mantenersi "puliti" perché è ancora più difficile "non sporcarsi". E' quindi difficile rimanere se stessi ma ancora più difficile è non farsi condizionare. Si può rimanere se stessi anche in un angolo in disparte,come faceva inizialmente Fabio, tuttavia è difficile perché ci sarà sempre quel guastafeste che proverà a portarti sulla sua strada. E' difficile affermarsi in una società che ti vuole complice del suo gioco. Non sta scritto da nessuna parte che tu devi giocare però. Io ho avuto il coraggio di essere me stessa da poco ma ne sono contentissima. Non faccio parte di un gregge e nessuno di noi deve farne parte. Siamo tutti lupi,bisogna solo capirlo.


 04/11/2015 16:40:05
Dragonfly_c

Dragonfly_c1546

Bufferista emotiva

ila_ziale11, per essere se stessi bisogna anche lasciarsi sporcare un po' dal mondo secondo me. Il "quantitativo" magari dipende da quanto uno ritenga giusto farlo. Parlo in maniera "filosofica" di sporcarsi perché non ho letto il libro, ma per me il mondo deve lasciare i suoi segni su di noi così che noi possiamo diventare noi stessi volta per volta. Credo che Non esista un solo sè, ma tanti sè nel tempo che sono sempre lo stesso, cambiato nel tempo. Non so se si capisca   

 04/11/2015 17:02:56
ila_ziale11

ila_ziale1181

Studentessa

in risposta a ↑

Dragonfly_c, ti capisco perfettamente. Per quanto riguarda la tua interpretazione di "sporcarsi" hai ragione. L'importante è che non ci si lasci sporcare fino ad "inquinarci". Torniamo sempre sul discorso del "sbagliando si impara" e a mio avviso è vero. Bisogna però poi imparare e scegliere chi essere,o meglio,diventare.

 04/11/2015 17:26:58
Dragonfly_c

Dragonfly_c1546

Bufferista emotiva

in risposta a ↑

ila_ziale11, concordo pienamente, lo sporco che ci arriva addosso non può e non deve per nessun motivo diventare la nostra pelle. Sempre idee chiare su chi si vorrebbe essere!

 04/11/2015 17:29:39

QUAG SI IMPEGNA A PROTEGGERE LA TUA PRIVACY

Cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Accettando questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.
Vedi il documento in dettaglio »


La presente informativa descrive “che cosa sono i cookie” e quali sono i tipi di cookie utilizzati da Quag nel proprio sito Web.

Che cosa sono i cookie?

Un “cookie” è un file di testo che i siti Web inviano al computer o a un altro dispositivo connesso a Internet del visitatore, per identificare univocamente il browser del visitatore stesso o per salvare informazioni o impostazioni nel browser.

Quag utilizza i cookie nel proprio sito Web?

Quag utilizza i cookie per migliorare il proprio sito Web, per fornire servizi e funzionalità agli utenti, per proporre contenuti e pubblicità in linea con gli interessi del singolo utente. È possibile limitare o disattivare l’utilizzo dei cookie tramite il proprio browser Web, tuttavia, in questo caso, alcune funzionalità del nostro sito potrebbero diventare inaccessibili.

Quali sono tipi di cookie utilizzati da Quag?

Cookie essenziali
Questi cookie sono essenziali per consentire all’utente di navigare nel Sito e utilizzare tutte le sue funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornire alcuni servizi o funzioni e la navigazione sul Sito non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere.

Cookie funzionali
Questi cookie consentono al sito Web di ricordare le scelte effettuate dall’utente al fine di ottimizzare le funzionalità. Ad esempio, i cookie funzionali consentono al sito Web di ricordare le impostazioni specifiche di un utente.

Cookie analitici
Questi cookie consentono di raccogliere dati sull’utilizzo del sito Web da parte dell’utente, compresi gli elementi su cui si fa clic durante la navigazione, al fine di migliorare le prestazioni e il design del sito stesso, ci aiutano inoltre a comprendere ogni difficoltà che l’utente può incontrare nell’utilizzo del Sito. I cookie in questione sono utilizzati esclusivamente per le finalità correlate alla gestione del nostro sito Web.

Cookie di profilazione
I cookie di profilazione vengono utilizzati per analizzare gli interessi e le abitudini di navigazione dei singoli utenti, per personalizzarne la navigazione, per proporre contenuti, anche pubblicitari, in linea con gli interessi dell’utente.

Cookie di terze parti
I cookie di terze parti possono essere sia tecnici che non tecnici, e vengono utilizzati per migliorare l’esperienza di utilizzo del sito da parte dell’utente, per proporre contenuti in linea con gli interessi dell’utente, per pubblicità di potenziale interesse per il singolo utente. I cookie possono essere erogati direttamente dal gestore del sito sul quale si sta navigando (cookie di prima parte) o, nel caso il sito si appoggi a servizi esterni per particolari funzioni, da terzi (cookie di terze parti).
Quag utilizza cookie sia tecnici che non tecnici, anche di terze parti, al fine di migliorare l’esperienza di utilizzo da parte dell’utente, ad esempio secondo il browser utilizzato, selezionando la tipologia dei contenuti visualizzati, proponendo pubblicità in linea con gli interessi per il singolo utente.
Se ti trovi sul sito Quag e visualizzi il banner informativo dell’esistenza dei cookie, accettandolo acconsenti all’utilizzo dei cookie descritti nella presente informativa e implementati nelle pagine del sito Quag.

Come si disattivano o si rimuovono i cookie?

E’ possibile disabilitare le funzioni dei cookie direttamente dal browser che si sta utilizzando, secondo le istruzioni fornite dai produttori.
La maggior parte dei browser permette di impostare regole per gestire i cookie e offre così agli utenti la possibilità di un controllo della privacy, negare la possibilità di ricezione dei cookie, modificare le scelte fatte. Di seguito sono riportate le indicazioni per la gestione dei cookie tramite le impostazioni dei principali browser, facendo ctrl+click sul nome del browser si verrà mandati alla pagina con le relative istruzioni:

Cookie di terze parti utilizzati da Quag
Durante la navigazione su Quag possono essere rilasciati cookie tecnici e non gestiti da terze parti, per finalità tecniche, statistica, per l’erogazione di pubblicità. Questi cookie sono gestiti esclusivamente da terze parti. Si riportano qui di seguito le terze parti coinvolte, i link ai loro siti e alle loro politiche di gestione dei cookie, con indicazione delle relative finalità.

Google Analytics - Cookie statistici
Cookies policy di Google

Google AdSense e DoubleClick (Google Inc.) - Cookie di profilazione
Cookies Policy in Advertising - OptOut

Newrelic e nr-data.net – cookie tecnici
Privacy Policy Newrelic

Facebook - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Facebook

Twitter - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Twitter

Linkedin - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Linkedin

embed.ly - Cookie tecnici
Privacy Policy di Embed

Per ulteriori informazioni sulla pubblicità comportamentale e per sapere come attivare o disattivare singolarmente i cookie e avere indicazioni sui software di gestione dei cookie, è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.youronlinechoices.com/it/

Per sapere come attivare o disattivare la profilazione pubblicitaria sulle applicazioni mobile è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.aboutads.info/appchoices

Ulteriori informazioni sul trattamento dei dati personali degli utenti da parte di Quentral possono essere consultate nella Informativa Privacy.


Questo sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.


Loader