liala23

liala23581

Appassionata della vita

guarda io penso che le donne nelle ultime generazioni abbiano fatto passi da gigante nella direzione di una maggiore consapevolezza di sé. 

Una donna intelligente studia, lavora, sceglie consapevolmente, e se ha strumenti culturali che le permettono di valutare le persone di cui si circonda si rendei autonoma nei giudizi e nelle scelte. 

Si può benissimo non soddisfare lo stereotipo bella=oca o diventare "preda", chi non si sente preda non si comporta da preda. Piuttosto le donne devono fare lo sforzo da giovanissime di risolvere le proprie insicurezze con l'aiuto della famiglia,  della scuola.

Deve fare esperienze  con merito personale per far crescere l'autostima .

L'unico punto di debolezza che vedo nella donna bellissima non è tanto la credibilità ma è la pericolosità delle esperienze che vive, se sei bella ti cercano, ti bramano, possono metterti in difficoltà sul lavoro, ecc.

La bellezza può metterti in situazioni di pericolo in cui non si trova una ragazza mediamente bruttina. Avevo una compagna di classe già bellissima a 15 anni, si notava nel gruppo, era bersaglio di eccessive attenzioni da parte di uomini anche adulti cosa che la infastidiva e la rendeva insicura. I suoi genitori però erano molto attenti e le hanno insegnato a capire al volo le situazioni di pericolo.

 19/11/2019 12:37:37
FrancescoFrank

FrancescoFrank181641

Organizzazione eventi culturali

Quanto senso di inferiorità in questo post! La bellezza può essere un'arma a doppio taglio, ma dipende anche da che parte del mondo ti trovi a vivere. Se una donna é circondata da deficienti, faticherà a sentirsi riconosciuto il suo intelletto, ma fidati che una donna bella e intelligente alla fin fine spicca. Insomma, chiunque tu sia non importa: tanto é colpa dell'uomo

 20/11/2019 11:33:08

Non sono una bellissima, ma in vita mia sono stata fino a 35 anni una non-bella, e poi una bella.

Ho notato grandi differenze di approccio a seconda dell'aspetto esteriore.

Essendo stata per la maggior parte della mia vita una non-bella, ho dovuto sopperire alla tirchieria di mamma natura, con una mente sveglia, con una preparazione culturale coltivata a lungo, e da tanta ironia. Se voglio so essere pure simpatica..   

In pratica le persone non-belle sono quasi trasparenti, la maggior parte delle persone ti dimentica in fretta e non dimostrano assolutamente apertura o incoraggiamento, salvo rare eccezioni.


Quando il mio aspetto esteriore cambiò e le persone attorno a me iniziarono a notarmi, per me fu come una ubriacatura.

Dovetti abituarmi a queste attenzioni, non ero preparata!

Dovetti capire perché venivo fatta oggetto di queste attenzioni, e iniziare a prendere le distanze.

Troppe volte fui travisata, le persone capiscono quello che LORO vogliono capire, ed è un attimo a ritrovarsi davanti ad intenzioni altrui poco lusinghiere.

Compresa l'origine di questo cambiamento intorno a me, iniziai a regolarmi e dovetti riassettare i miei comportamenti, ritirarmi un poco.


In linea di massima ho compreso che chi è bello esteriormente ha una vita più agevole.

L'aspetto gradevole infonde sicurezza nel prossimo, apertura e disponibilità.

Di sicuro l'eccessiva bellezza porta poi ad un rovescio della medaglia non indifferente.

Sempre etichettata come persona bella ma non pensante, è difficile e faticoso dimostrare l'incontrario.

Diciamo cmq che è molto peggio essere brutti, rifiutati ed estromessi, che non bellissimi.

Alla fine la bellezza non esclude l'intelligenza, è solo un valore aggiunto, una spinta in più che se ben usata, può aprire molte porte in più.

Non mi lamenterei dunque della bellezza eccessiva, se si ha una testa pensante.


 28/11/2019 09:40:22 (modificato)
FrancescoFrank

FrancescoFrank181641

Organizzazione eventi culturali

Fata_Morgana, condivido ogni tua parola

 28/11/2019 11:13:36
Freia

Freia1411

memento audere semper

Fata_Morgana, sono curiosa di sapere come è avvenuto questo tuo cambiamento estetico. 

 29/11/2019 01:48:53
in risposta a ↑

Freia, ho iniziato ad amarmi dopo anni di odio.

Ho iniziato la "ristrutturazione" dal fuori per arrivare a dentro di me.

Parlando del cambiamento fisico, per prima cosa mi sono messa a dieta.

In 18 mesi persi quasi 30 chili. A metà percorso iniziai a camminare, poi piscina e infine palestra.. abitudine al movimento che non ho più perduto.

Estetista.. la cura di me stessa era una coccola costante. Cerette, pulizie viso e a casa maschere e creme.

Nel frattempo pian pianino imparai a valorizzarmi nel vestire.. a 35 anni diventai donna e scoprii di essere sensuale.

In questo periodo ho scoperto il mio amore viscerale per i tacchi. Mai senza. 

Infine mi sono tagliata tutti i capelli e tinti di rosso fuoco.. ero tipo una torcia umana.

Difficile non notarmi.

Ero così arrabbita col mondo, così frustrata e repressa, che lo urlavo in ogni modo possibile.

Questo fu il più lampante.


Di pari passo ho fatto un percorso psicologico profondo su me stessa, e alla fine mi sono ripresa la mia cazzo di vita..

Ultimo ma non per importanza, ho fatto fuori il mio allora marito.


Una rivoluzione.

Chi era attorno a me ha pensato che fossi impazzita.. probabilmente lo ero pure.

Cmq ora son tornata abbastanza normale.. abbastanza.




 29/11/2019 07:34:14
Freia

Freia1411

memento audere semper

in risposta a ↑

Fata_Morgana, poteva sembrare una domanda superficiale ma ero quasi certa della tua risposta. Non eri brutta, ti vedevi brutta. Quando hai smesso di essere brutta per te hai smesso di essere brutta per gli altri. Hai utilizzato il termine non bella, perché ora hai la consapevolezza di essere bella, ti ami e non infierisci più su te stessa. Io ho fatto un percorso simile, nel senso che per un certo periodo le mie insicurezze mi portavano a nascondermi, per non farmi notare coprivo la mia femminilità, poi ho capito che la femminilità non era sbagliata e ho iniziato a valorizzarmi, la crescita interiore e esteriore è andata di pari passo. :) 

 29/11/2019 07:50:02
in risposta a ↑

Freia, le donne che arrivano tardi ad avere consapevolezza piena della propria femminilità, secondo me hanno una marcia in più.

La sofferenza emitiva patita porta ad un cambiamento, ma senza la forza necessaria e il coraggio di volerlo fare e mettersi in discussione, non spiccherai mai il volo.

E ne vedo così tante di donne simili.. represse, frustrate. Infelici.

Che tristezza.

 29/11/2019 07:54:34
Freia

Freia1411

memento audere semper

in risposta a ↑

Fata_Morgana, sai dipende anche dalle motivazioni alla base, le insicurezze non nascono mai da sole, sono sempre gli altri che te le inculcano. I bambini sono tavolette di cera intonse dove ogni persona incide qualcosa, non solo i genitori, ma anche tutti quelli con i quali vengono a contatto.  Non è semplice raschiare via le incisioni sbagliate oppure riarmonizzarle insieme. È un lavoro lungo, faticoso e doloroso, alla fine riesci a riscrivere la tua vita così come la vuoi e non come te l'hanno impostata gli altri. A volte ti svegli una mattina, ti guardi allo specchio e non ti riconosci, così inizi a scavare per trovare la tua vera immagine fino a che raschiando sempre più a fondo la riporti in superficie e la puoi vedere davanti a te che ti sorride... finalmente... :) 

 29/11/2019 08:05:44
qvotds

qvotds5291

Anche l'essere ricca o ricco ha gli stessi e identici contro. Una bruttissima milionaria avrebbe gli stessi problemi di miss universo squattrinata. (: Un milionario nano e con la gobba avrebbe come compagna modelle alte 1,80 ma mica per amore . Un ricco verrà valutato sempre in base alla sua ricchezza. La ricchezza,come la bellezza fa passare tutto i difetti in secondo,terzo e quarto piano.

 29/11/2019 18:37:49
qvotds

qvotds5291

in risposta a ↑

Mist_Wand, Mai sentita nominare. Cmq spesso si usano litri di inchiostro e tanti paroloni per spiegare cose facilmente osservabili da tutti. Basta fare attenzione e tante cose si capiscono senza leggere libri.

 30/11/2019 16:00:53

Molto interessante questo tuo mutamento da non bella a bella.

Come hai fatto?

 02/12/2019 22:01:33

disperso, io ho parlato di bello/non bello.

Se la domanda è rivolta a me, leggi tutti i commenti che seguono al mio intervento.

Mi hanno già fatto la stessa domanda.

 03/12/2019 09:07:00

QUAG SI IMPEGNA A PROTEGGERE LA TUA PRIVACY

Cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Accettando questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.
Vedi il documento in dettaglio »


La presente informativa descrive “che cosa sono i cookie” e quali sono i tipi di cookie utilizzati da Quag nel proprio sito Web.

Che cosa sono i cookie?

Un “cookie” è un file di testo che i siti Web inviano al computer o a un altro dispositivo connesso a Internet del visitatore, per identificare univocamente il browser del visitatore stesso o per salvare informazioni o impostazioni nel browser.

Quag utilizza i cookie nel proprio sito Web?

Quag utilizza i cookie per migliorare il proprio sito Web, per fornire servizi e funzionalità agli utenti, per proporre contenuti e pubblicità in linea con gli interessi del singolo utente. È possibile limitare o disattivare l’utilizzo dei cookie tramite il proprio browser Web, tuttavia, in questo caso, alcune funzionalità del nostro sito potrebbero diventare inaccessibili.

Quali sono tipi di cookie utilizzati da Quag?

Cookie essenziali
Questi cookie sono essenziali per consentire all’utente di navigare nel Sito e utilizzare tutte le sue funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornire alcuni servizi o funzioni e la navigazione sul Sito non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere.

Cookie funzionali
Questi cookie consentono al sito Web di ricordare le scelte effettuate dall’utente al fine di ottimizzare le funzionalità. Ad esempio, i cookie funzionali consentono al sito Web di ricordare le impostazioni specifiche di un utente.

Cookie analitici
Questi cookie consentono di raccogliere dati sull’utilizzo del sito Web da parte dell’utente, compresi gli elementi su cui si fa clic durante la navigazione, al fine di migliorare le prestazioni e il design del sito stesso, ci aiutano inoltre a comprendere ogni difficoltà che l’utente può incontrare nell’utilizzo del Sito. I cookie in questione sono utilizzati esclusivamente per le finalità correlate alla gestione del nostro sito Web.

Cookie di profilazione
I cookie di profilazione vengono utilizzati per analizzare gli interessi e le abitudini di navigazione dei singoli utenti, per personalizzarne la navigazione, per proporre contenuti, anche pubblicitari, in linea con gli interessi dell’utente.

Cookie di terze parti
I cookie di terze parti possono essere sia tecnici che non tecnici, e vengono utilizzati per migliorare l’esperienza di utilizzo del sito da parte dell’utente, per proporre contenuti in linea con gli interessi dell’utente, per pubblicità di potenziale interesse per il singolo utente. I cookie possono essere erogati direttamente dal gestore del sito sul quale si sta navigando (cookie di prima parte) o, nel caso il sito si appoggi a servizi esterni per particolari funzioni, da terzi (cookie di terze parti).
Quag utilizza cookie sia tecnici che non tecnici, anche di terze parti, al fine di migliorare l’esperienza di utilizzo da parte dell’utente, ad esempio secondo il browser utilizzato, selezionando la tipologia dei contenuti visualizzati, proponendo pubblicità in linea con gli interessi per il singolo utente.
Se ti trovi sul sito Quag e visualizzi il banner informativo dell’esistenza dei cookie, accettandolo acconsenti all’utilizzo dei cookie descritti nella presente informativa e implementati nelle pagine del sito Quag.

Come si disattivano o si rimuovono i cookie?

E’ possibile disabilitare le funzioni dei cookie direttamente dal browser che si sta utilizzando, secondo le istruzioni fornite dai produttori.
La maggior parte dei browser permette di impostare regole per gestire i cookie e offre così agli utenti la possibilità di un controllo della privacy, negare la possibilità di ricezione dei cookie, modificare le scelte fatte. Di seguito sono riportate le indicazioni per la gestione dei cookie tramite le impostazioni dei principali browser, facendo ctrl+click sul nome del browser si verrà mandati alla pagina con le relative istruzioni:

Cookie di terze parti utilizzati da Quag
Durante la navigazione su Quag possono essere rilasciati cookie tecnici e non gestiti da terze parti, per finalità tecniche, statistica, per l’erogazione di pubblicità. Questi cookie sono gestiti esclusivamente da terze parti. Si riportano qui di seguito le terze parti coinvolte, i link ai loro siti e alle loro politiche di gestione dei cookie, con indicazione delle relative finalità.

Google Analytics - Cookie statistici
Cookies policy di Google

Google AdSense e DoubleClick (Google Inc.) - Cookie di profilazione
Cookies Policy in Advertising - OptOut

Newrelic e nr-data.net – cookie tecnici
Privacy Policy Newrelic

Facebook - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Facebook

Twitter - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Twitter

Linkedin - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Linkedin

embed.ly - Cookie tecnici
Privacy Policy di Embed

Per ulteriori informazioni sulla pubblicità comportamentale e per sapere come attivare o disattivare singolarmente i cookie e avere indicazioni sui software di gestione dei cookie, è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.youronlinechoices.com/it/

Per sapere come attivare o disattivare la profilazione pubblicitaria sulle applicazioni mobile è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.aboutads.info/appchoices

Ulteriori informazioni sul trattamento dei dati personali degli utenti da parte di Quentral possono essere consultate nella Informativa Privacy.


Questo sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.


Loader