ilmiozio

ilmiozio203731

Estremista di destra e di sinistra

Non vorrei fare il pignolo, ma aforismi e citazioni sono due cose completamente diverse.

Un'aforisma può essere oggetto di citazione, al pari di qualunque altro elemento di un testo.

Non esiste alcuna particolare o esclusiva relazione tra i due termini.

Il fenomeno social, della "citazione selvaggia" di aforismi indubbiamente esiste, ma non rappresenta altro che una degenerazione nell'uso di un importante strumento esplicativo, altrimenti molto efficace e non ritengo sia un buon motivo per penalizzare l'aforisma.

Il fastidio che deriva dall'uso diciamo così, intensivo, nasce da una non del tutto ingiustificata forma di gelosia intellettuale:

Da operazione riservata a chi aveva effettiva conoscenza dei classici, oltre che buona memoria e discrete competenze di archivistica, la citazione aforistica diventa ozioso esercizio di copia incolla accessibile a qualsiasi parvenu della cultura. Ma questo avviene prevalentemente sul social blu.

Qua(g) non ho sinceramente riscontrato usi smodati che eccedessero rispetto una reale esigenza esplicativa o rafforzativa del proprio pensiero.

In sé, l'aforisma, ovvero la proposizione che riassume in brevi e sentenziose parole il risultato di precedenti osservazioni o che afferma genericamente una regola o una massima di vita pratica, e più in generale la brevità della scrittura, rappresenta a mio modesto parere il segno dello scrittore competente, laddove la prolissità è sempre segno di idee confuse. Ma questo è già un altro argomento.

 14/10/2015 18:55:10
donatella

donatella211533

ex traghettatrice di Quaggers

ilmiozio, hai ragione, infatti nel post intendevo parlare soprattutto di aforismi e non di citazioni, ma ho scelto l'immagine che riporta i due termini, sbagliando. Non capisco bene cosa intenda con la frase "Il fastidio che deriva dall'uso diciamo così, intensivo, nasce da una non del tutto ingiustificata forma di gelosia intellettuale". Da parte mia non c'è una demonizzazione dell'aforisma come genere, mai detto questo. Ritengo però che spesso se ne faccia un uso superficiale, che ne fa perdere il valore. Non capisco nemmeno in che senso tu dica che "la prolissità è sempre segno di idee confuse". Si tratta di due maniere diverse di comunicare, ciascuna con il suo peso espressivo. Ma forse non ho capito niente.

 14/10/2015 19:38:24 (modificato)

In un periodo compreso tra i 35 anni dopo( frequentavo la I media) e i 33 anni dopo( frequentavo la III media) rimane ancora scolpito nella memoria l'insegnamento della professoressa di lettere a riguardo dei proverbi( capitò a riguardo di un personaggio de "I Malavoglia" che li usa a valanga):dicono tutto senza esprimere alcunchè.

Che si tratti di proverbi, aforismi, citazioni o quantaltro mi sono accorto nel lungo corso delle mie letture storiografiche( io parlo di " parole d'ordine")di come si usino veloci frasi ad effetto per estreme sintesi quanto forzate:può anche andar bene ma, un ma grande come una casa, solo se si è studiato tutto quanto sta dietro altrimenti si tratta solo di parole vuote e pure dannose ai fini della corretta conoscenza storica.

Concludendo, usiamole pure:male non fanno ma con moderazione! E la mia personale aggiunta:approfondiamo la conoscenza sulla frase elevata a slogan!

Meglio se, pur non avendo lo stesso effetto, rendiamo il pensiero con parole nostre: abbiamo fatto lavorare il nostro cervello e forse abbiamo anche recepito e interiorizzato il significato:ad esempio, ma tu guarda!, quello della frase attribuita a Voltaire ... Che noi italiani, geni!, ce l'abbiamo impressa in Costituzione!!!!!!!!!!!! Articoli II e III: il rispetto della singola dignità umana e tutti aventi pari diritti, ognuno nella propria diversità.

 15/10/2015 05:55:21
donatella

donatella211533

ex traghettatrice di Quaggers

AntonioAtzeni, no, aspe', mi sono persa, questa di Voltaire e della Costituzione Italiana me la devi spiegare bene.

 29/10/2015 17:50:39
in risposta a ↑

donatella, 

" Non la penso come te ma ..."  e gli articoli II e III ( rispetto della dignità umana e uguaglianza nella diversità).

 30/10/2015 03:51:27
TheTraveller

TheTraveller18106

Vagabondo ,chitarrista, cantastorie e sognatore.

Ultimamente apprezzo molto gli aforismi,,, ma me li tengo più per me,,, me li appunto su un quadernetto o da qualche altra parte ,,, a volte gli aforismi possono rispecchiare gli umori di quel momento   

 15/10/2015 07:31:53
Ablator

Ablator1461

creatore contenuti web

quoto appieno il tuo post, anche se a volte capita di imbattersi in aforismi talmente brillanti, ficcanti e spiritosi che si ha la tentazione di condividerli

 15/10/2015 08:32:49
donatella

donatella211533

ex traghettatrice di Quaggers

Ablator, secondo me non c'è mica niente di male, una volta ogni tanto. Non mi piace tanto quando diventa una costante e si condividono solo aforismi, senza altre parole o senza traccia di personalizzazione.

 15/10/2015 11:50:31
Perla4

Perla415811

Strega - Ordine di Merlino - Seconda classe

Quando parlo di qualcosa, è inevitabile (almeno per me), fare istintivamente una serie di associazioni, che mi riportano a cose già viste o sentite. Qualche volta queste associazioni le tengo per me, a volte le esprimo. Perciò mi capita di dire: "a questo proposito mia nonna diceva sempre....", così come mi capita di pensare "C'era una frase, o un aforisma, che ho letto da poco ed esprime in modo chiaro questa cosa". Così (se in quel momento posso) lo vado a cercare e lo cito. 

 15/10/2015 08:36:01
donatella

donatella211533

ex traghettatrice di Quaggers

Perla4, credo che lo facciamo un po' tutti, anche a me capita spesso di fare associazioni con letture, film, ricordi. Riguardo al "mia nonna diceva...", sono convinta che riportare le esperienze presenti a quelle dei nostri avi sia un'abitudine bellissima e costruttiva, ci aiuta a riportare a galla le radici e tradizioni, a capire da dove arriviamo.

 15/10/2015 18:54:57

QUAG SI IMPEGNA A PROTEGGERE LA TUA PRIVACY

Cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Accettando questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.
Vedi il documento in dettaglio »


La presente informativa descrive “che cosa sono i cookie” e quali sono i tipi di cookie utilizzati da Quag nel proprio sito Web.

Che cosa sono i cookie?

Un “cookie” è un file di testo che i siti Web inviano al computer o a un altro dispositivo connesso a Internet del visitatore, per identificare univocamente il browser del visitatore stesso o per salvare informazioni o impostazioni nel browser.

Quag utilizza i cookie nel proprio sito Web?

Quag utilizza i cookie per migliorare il proprio sito Web, per fornire servizi e funzionalità agli utenti, per proporre contenuti e pubblicità in linea con gli interessi del singolo utente. È possibile limitare o disattivare l’utilizzo dei cookie tramite il proprio browser Web, tuttavia, in questo caso, alcune funzionalità del nostro sito potrebbero diventare inaccessibili.

Quali sono tipi di cookie utilizzati da Quag?

Cookie essenziali
Questi cookie sono essenziali per consentire all’utente di navigare nel Sito e utilizzare tutte le sue funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornire alcuni servizi o funzioni e la navigazione sul Sito non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere.

Cookie funzionali
Questi cookie consentono al sito Web di ricordare le scelte effettuate dall’utente al fine di ottimizzare le funzionalità. Ad esempio, i cookie funzionali consentono al sito Web di ricordare le impostazioni specifiche di un utente.

Cookie analitici
Questi cookie consentono di raccogliere dati sull’utilizzo del sito Web da parte dell’utente, compresi gli elementi su cui si fa clic durante la navigazione, al fine di migliorare le prestazioni e il design del sito stesso, ci aiutano inoltre a comprendere ogni difficoltà che l’utente può incontrare nell’utilizzo del Sito. I cookie in questione sono utilizzati esclusivamente per le finalità correlate alla gestione del nostro sito Web.

Cookie di profilazione
I cookie di profilazione vengono utilizzati per analizzare gli interessi e le abitudini di navigazione dei singoli utenti, per personalizzarne la navigazione, per proporre contenuti, anche pubblicitari, in linea con gli interessi dell’utente.

Cookie di terze parti
I cookie di terze parti possono essere sia tecnici che non tecnici, e vengono utilizzati per migliorare l’esperienza di utilizzo del sito da parte dell’utente, per proporre contenuti in linea con gli interessi dell’utente, per pubblicità di potenziale interesse per il singolo utente. I cookie possono essere erogati direttamente dal gestore del sito sul quale si sta navigando (cookie di prima parte) o, nel caso il sito si appoggi a servizi esterni per particolari funzioni, da terzi (cookie di terze parti).
Quag utilizza cookie sia tecnici che non tecnici, anche di terze parti, al fine di migliorare l’esperienza di utilizzo da parte dell’utente, ad esempio secondo il browser utilizzato, selezionando la tipologia dei contenuti visualizzati, proponendo pubblicità in linea con gli interessi per il singolo utente.
Se ti trovi sul sito Quag e visualizzi il banner informativo dell’esistenza dei cookie, accettandolo acconsenti all’utilizzo dei cookie descritti nella presente informativa e implementati nelle pagine del sito Quag.

Come si disattivano o si rimuovono i cookie?

E’ possibile disabilitare le funzioni dei cookie direttamente dal browser che si sta utilizzando, secondo le istruzioni fornite dai produttori.
La maggior parte dei browser permette di impostare regole per gestire i cookie e offre così agli utenti la possibilità di un controllo della privacy, negare la possibilità di ricezione dei cookie, modificare le scelte fatte. Di seguito sono riportate le indicazioni per la gestione dei cookie tramite le impostazioni dei principali browser, facendo ctrl+click sul nome del browser si verrà mandati alla pagina con le relative istruzioni:

Cookie di terze parti utilizzati da Quag
Durante la navigazione su Quag possono essere rilasciati cookie tecnici e non gestiti da terze parti, per finalità tecniche, statistica, per l’erogazione di pubblicità. Questi cookie sono gestiti esclusivamente da terze parti. Si riportano qui di seguito le terze parti coinvolte, i link ai loro siti e alle loro politiche di gestione dei cookie, con indicazione delle relative finalità.

Google Analytics - Cookie statistici
Cookies policy di Google

Google AdSense e DoubleClick (Google Inc.) - Cookie di profilazione
Cookies Policy in Advertising - OptOut

Newrelic e nr-data.net – cookie tecnici
Privacy Policy Newrelic

Facebook - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Facebook

Twitter - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Twitter

Linkedin - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Linkedin

embed.ly - Cookie tecnici
Privacy Policy di Embed

Per ulteriori informazioni sulla pubblicità comportamentale e per sapere come attivare o disattivare singolarmente i cookie e avere indicazioni sui software di gestione dei cookie, è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.youronlinechoices.com/it/

Per sapere come attivare o disattivare la profilazione pubblicitaria sulle applicazioni mobile è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.aboutads.info/appchoices

Ulteriori informazioni sul trattamento dei dati personali degli utenti da parte di Quentral possono essere consultate nella Informativa Privacy.


Questo sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.


Loader