Ivan

Ivan846

Social Media Specialist

2 Agosto 1980 - La strage di Bologna

Sono 33 anni e ancora le famiglie delle 85 vittime aspettano giustizia. 
Chi ha voluto l'attentato terrostico alla stazione di Bologna? Chi sono i mandanti? La strage di Ustica e quella di Bologna sono davvero due eventi distinti?

 02/08/2013 08:54:26 (modificato)
utente anonimo
Aggiungi il tuo commento
8 commenti
Yasu

Yasu2936

Programmatore

L'articolo del Corriere di oggi riassume la situazione attuale alla perfezione, secondo il mio parere: http://corrieredibologna.corriere.it/bologna/notizie/cronaca/2013/2-agosto-2013/due-agosto-bologna-ricorda-delrio-risarcimenti-prossimo-dl-sicurezza-2222447444632.shtml la commozione, l'incapacità di trovare dei reali colpevoli, lo sguardo rivolto ad un passato che ora sembra lontano ma sarà davvero cosi? In questi anni si è parlato di mafia, di stato stesso e di tanti altri personaggi molto noti che sono scomparsi nell'oblio generale, senza colpe. La frase più significativa di oggi è quella della Boldrini a mio avviso:


Applauditissima la presidente della Camera Boldrini, che si dice «commossa». Ricorda che anche lei era a Bologna, quel 2 agosto 1980: da studentessa fuorisede, in quei giorni cercava casa in città. «È uno degli eventi della mia giovinezza che più mi ha condizionata», dice. In molti passaggi del suo discorso, il tema della ricerca della verità. A 33 anni dalla strage, dice, «ancora noi la giustizia completa non la abbiamo: e allora come si fa ad innamorarsi delle istituzioni? Come? Bisogna pretendere chiarezza completa, giustizia e trasparenza». [Dall'articolo citato]


Belle parole ma la chiarezza e trasparenza i cittadini, quelli normali, quelli che non hanno a che spartire con il potere, la pretendono da decenni. Il problema è ancora una volta tutto politico e per questo difficilmente risolvibile. Non ci resta che impegnarci ognuno nel proprio piccolo cercando di essere puliti e ricordare questi momenti, sperando che prima o poi le cose cambieranno e impegnandosi per farle cambiare, soprattutto.
 02/08/2013 14:40:35
 02/08/2016 20:51:26
pennepazze10

pennepazze1063661

ESTETA

Per l' esatezza son passati ben 36 anni...e se non si e' fatto niente sino ad ora niente si fara'...Non ci rimane che una mesta rassegnazione ed un doloroso ricordo....

 03/08/2016 05:11:20
FlavioBertamini

FlavioBertamini74434

Dead man walking

Un post importante! Un mio ricordo personale è ancora nitido: nell'autunno del 1980 ho cominciato a frequentare il terzo anno delle superiori, e nella primavera successiva, la gita annuale ebbe come meta proprio Bologna! Ricordo che suggerii al docente che doveva accompagnarci, di far visita pure alla stazione per riflettere su quell'avvenimento e rendere omaggio alle vittime: devo dire però che alla fine, la mia proposta venne dimenticata ....    

 03/08/2016 06:52:32
Dianissima

Dianissima61086

Artista e poetessa

Vedo solo adesso questo post, e vi aggiungo la mia esperienza. Quella mattina, mi stavo asciugando i capelli, e sento improvvisamente dalla tv accesa, voci concitate che parlano di scoppio caldaia a Bologna, di crollo stazione, di feriti ecc, penso sia una candid camera, vado a vedere e vedo il caos, ambulanze, macerie, e poi una lettiga con una ragazza con un abito azzurro che assomiglia tanto a mia sorella, la mediana di noi 3. La sorella piccola fa un'espressione terrificata e le dico che ci siamo sbagliate, non è lei, magari assomiglia, ma non é Sabina che dovrebbe essere a Rimini dai nonni che provo a chiamare, ma risulta sempre occupato, cosa che mi preoccupa, ma c'è la piccola da non spaventare, bisogna tenere nervi saldi. Poi arriva telefonata dela moglie del nonno che urla da farmi gelare il sangue, grida il nome di Sabina e non riesce a dire altro. La piccola sente e sembra mettersi a piangere, finalmente prende il telefono il nonno che mi dice subito che Sabina è viva e ricoverata a Bologna, ferita. Era in sala attesa stazione, per prendere coincidenza per Cividale del Friuli per andare a trovare il ragazzo militare lì. Abbiamo poi saputo che la ragazza diciottenne seduta a fianco a lei, è morta e che mia sorella, esaurite le ambulanze, è stata trasportata in ospedale in autobus come tanti altri tra morti e feriti. Lei ricorda che era distesa a fianco di un morto che ad ogni scossone e curva le rotolava addosso. Tutti i medici e il personale paramedico tornò di corsa dalle ferie, tanto che le direzioni degli ospedali dovettero rimandare in ferie parecchie persone perché ce ne erano in esubero. C'erano tanti cittadini che aiutavano come potevano, molti, in motorino o in auto, scortavano i parenti che non conoscevano la città, verso gli ospedali. Un gentile signore portò anche me in ospedale, dall'altra parte della città, per una scorciatoia che non conoscevo. Mia sorella è stata in ospedale più di un mese, con varie ossa rotte e trauma cranico e il viso tumefatto dalle schegge dei vetri scoppiati. È stata fortunata che, pur, essendo rimasta sepolta sotto le macerie, le è rimasta una mano fuori e un soccorritore si è messo a scavare e le ha liberato la faccia, così ha potuto respirare. 

 08/03/2019 13:10:30
Dianissima

Dianissima61086

Artista e poetessa

in risposta a ↑

__wachiwi__, non ne ha mai parlato molto, è di carattere riservato, ma, poco dopo il ritorno a casa, si senti un forte rumore di scoppio venire dalle finestre aperte, e Sabina, in un attimo, si precipitò sul terrazzo, e stava per scavalcare il davanzale, era terrorizzata, aveva 16 anni. Mia madre ed io ci siamo aggrappate a lei tirandola indietro. Eravamo al primo piano della casa, ma abbiamo comunque preso un gran spavento per questa reazione così veloce, un attimo prima era seduta sul divano e il momento dopo era a cavallo della ringhiera. A ricordare mi sembra ieri. E, paradossalmente, la cosa peggiore che ricordo, sono le urla della moglie di mio nonno che era come impazzita dalla notizia di Sabina e mi ha come pietrificato per qualche secondo e tolto il respiro. Per fortuna mio nonno prese in mano la situazione e permise a me di mantenere i nervi saldi anche in situazione così difficile. Ho imparato da allora, che è importantissimo dare con calma le brutte notizie per non peggiorare la situazione. 

 08/03/2019 18:06:45

QUAG SI IMPEGNA A PROTEGGERE LA TUA PRIVACY

Cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Accettando questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.
Vedi il documento in dettaglio »


La presente informativa descrive “che cosa sono i cookie” e quali sono i tipi di cookie utilizzati da Quag nel proprio sito Web.

Che cosa sono i cookie?

Un “cookie” è un file di testo che i siti Web inviano al computer o a un altro dispositivo connesso a Internet del visitatore, per identificare univocamente il browser del visitatore stesso o per salvare informazioni o impostazioni nel browser.

Quag utilizza i cookie nel proprio sito Web?

Quag utilizza i cookie per migliorare il proprio sito Web, per fornire servizi e funzionalità agli utenti, per proporre contenuti e pubblicità in linea con gli interessi del singolo utente. È possibile limitare o disattivare l’utilizzo dei cookie tramite il proprio browser Web, tuttavia, in questo caso, alcune funzionalità del nostro sito potrebbero diventare inaccessibili.

Quali sono tipi di cookie utilizzati da Quag?

Cookie essenziali
Questi cookie sono essenziali per consentire all’utente di navigare nel Sito e utilizzare tutte le sue funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornire alcuni servizi o funzioni e la navigazione sul Sito non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere.

Cookie funzionali
Questi cookie consentono al sito Web di ricordare le scelte effettuate dall’utente al fine di ottimizzare le funzionalità. Ad esempio, i cookie funzionali consentono al sito Web di ricordare le impostazioni specifiche di un utente.

Cookie analitici
Questi cookie consentono di raccogliere dati sull’utilizzo del sito Web da parte dell’utente, compresi gli elementi su cui si fa clic durante la navigazione, al fine di migliorare le prestazioni e il design del sito stesso, ci aiutano inoltre a comprendere ogni difficoltà che l’utente può incontrare nell’utilizzo del Sito. I cookie in questione sono utilizzati esclusivamente per le finalità correlate alla gestione del nostro sito Web.

Cookie di profilazione
I cookie di profilazione vengono utilizzati per analizzare gli interessi e le abitudini di navigazione dei singoli utenti, per personalizzarne la navigazione, per proporre contenuti, anche pubblicitari, in linea con gli interessi dell’utente.

Cookie di terze parti
I cookie di terze parti possono essere sia tecnici che non tecnici, e vengono utilizzati per migliorare l’esperienza di utilizzo del sito da parte dell’utente, per proporre contenuti in linea con gli interessi dell’utente, per pubblicità di potenziale interesse per il singolo utente. I cookie possono essere erogati direttamente dal gestore del sito sul quale si sta navigando (cookie di prima parte) o, nel caso il sito si appoggi a servizi esterni per particolari funzioni, da terzi (cookie di terze parti).
Quag utilizza cookie sia tecnici che non tecnici, anche di terze parti, al fine di migliorare l’esperienza di utilizzo da parte dell’utente, ad esempio secondo il browser utilizzato, selezionando la tipologia dei contenuti visualizzati, proponendo pubblicità in linea con gli interessi per il singolo utente.
Se ti trovi sul sito Quag e visualizzi il banner informativo dell’esistenza dei cookie, accettandolo acconsenti all’utilizzo dei cookie descritti nella presente informativa e implementati nelle pagine del sito Quag.

Come si disattivano o si rimuovono i cookie?

E’ possibile disabilitare le funzioni dei cookie direttamente dal browser che si sta utilizzando, secondo le istruzioni fornite dai produttori.
La maggior parte dei browser permette di impostare regole per gestire i cookie e offre così agli utenti la possibilità di un controllo della privacy, negare la possibilità di ricezione dei cookie, modificare le scelte fatte. Di seguito sono riportate le indicazioni per la gestione dei cookie tramite le impostazioni dei principali browser, facendo ctrl+click sul nome del browser si verrà mandati alla pagina con le relative istruzioni:

Cookie di terze parti utilizzati da Quag
Durante la navigazione su Quag possono essere rilasciati cookie tecnici e non gestiti da terze parti, per finalità tecniche, statistica, per l’erogazione di pubblicità. Questi cookie sono gestiti esclusivamente da terze parti. Si riportano qui di seguito le terze parti coinvolte, i link ai loro siti e alle loro politiche di gestione dei cookie, con indicazione delle relative finalità.

Google Analytics - Cookie statistici
Cookies policy di Google

Google AdSense e DoubleClick (Google Inc.) - Cookie di profilazione
Cookies Policy in Advertising - OptOut

Newrelic e nr-data.net – cookie tecnici
Privacy Policy Newrelic

Facebook - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Facebook

Twitter - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Twitter

Linkedin - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Linkedin

embed.ly - Cookie tecnici
Privacy Policy di Embed

Per ulteriori informazioni sulla pubblicità comportamentale e per sapere come attivare o disattivare singolarmente i cookie e avere indicazioni sui software di gestione dei cookie, è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.youronlinechoices.com/it/

Per sapere come attivare o disattivare la profilazione pubblicitaria sulle applicazioni mobile è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.aboutads.info/appchoices

Ulteriori informazioni sul trattamento dei dati personali degli utenti da parte di Quentral possono essere consultate nella Informativa Privacy.


Questo sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.


Loader