Che tipologia di collega di lavoro siete?

Che tipologia di collega di lavoro siete?

Dopo aver chiesto ai quaggers che personaggio da film horror siete, volevo domandare:

che tipologia di collega di lavoro siete (o sareste...)?


I colleghi di lavoro si possono raggruppare in diverse tipologie, ognuna ben definita:


IL LAMENTOSO. C'è ne è uno in ogni posto di lavoro. E' quello che si lamenta di tutto: l'aria condizionata mi fa venire la cervicale, il bagno è sporco, questa cosa non è al suo posto, ...e via così fino a concludere la sequela di lamentazioni con la frase manifesto: "Non si può lavorare così !".

Ammettiamolo, anche noi l'abbiamo fatto almeno una volta! Attenzione, il lamento è contagioso, non facciamoci influenzare;


IL BATTUTARO. Pensa di avere una missione: generare ilarità. Purtroppo, assai più spesso, genera imbarazzo... al battutaro si risponde con le stesse armi letali, battute orrende e possibilmente offensive... giorno dopo giorno il suo stolto sorriso si spegnerà inesorabilmente;


IL COSPIRAZIONISTA. E' quello che ha una teoria su tutto. E' convinto che oscuri poteri, multiazionali, banche siano all'opera contro di voi. Forse non ha tutti i torti ma può rendervi la vita infernale... Criticherà ogni vostra scelta: l'auto che guidate inquina, il PC che avete appena comprato è progettato per rompersi il giorno dopo la scadenza della garanzia, negli hamburgher mettono sostanze che generano dipendeza...;


IL PALADINO DEI DIRITTI (SUOI). Si può considerare una sottocategoria del lamentoso. E' quello che rifiuta di farvi un favore perchè non è nel suo mansionario, è quello che cascasse il mondo, quando scatta l'ora di fine servizio è già pronto per uscire..., è quello che legge minuziosamente tutta la busta paga e chiede spiegazioni se i giorni di ferie sono 7,3 e non 7,2. Il paladino combatte solo per se stesso, per lui l'azienda è il nemico;


IL PRECISINO. il disordine lo fa star male fisicamente. Le loro richieste possono essere estremamente irritanti, per esempio: "la bottiglia d'acqua ti serve? posso buttarla?.." ;


LA SPIA. E' quello che estorce informazioni da rivendere al capo. Come smascherarlo? Ogni volta che chiede qualcosa bisogna fare altrettanto. Se darà risposte di circostanza o palesemente false smettere di parlare e spostate l'argomento sulla metereologia;


IL KAPO'. E' quello che ha le vostre stesse mansioni, ma i capi utilizzano la sua indole sadica per spargere terrore senza sporcarsi le mani. Il kapò gode nel sentirsi superiore ai suoi pari...;


IL SENSO DI COLPA AMBULANTE. Vi chiede scusa almeno dieci volte al giorno, si sente in colpa se non lavora almeno il triplo degli altri, si giustifica in continuazione, interpreta ogni nostra osservazione come una critica. I capi approfittano biecamente di lui... Mai farsi contagiare, il 90% delle sue preoccupazioni sono solo inutili paranoie...;


IL CASINISTA. arriva in ritardo, gli capitano mille sfighe, la sua vita sembra terribilmente stressante. Si dimentica sempre qualcosa di fondamentale. Bisogna tenerlo a debita distanza, commentando con distaccata cortesia i suoi racconti disastrosi: "Ah si? Ma pensa. Eh mi dispiace" e non fargli mai domande;


QUELLO DELLA PAUSA SIGARETTA. Vi guarda: "sigarettina?" e per voi è difficile resistere. Vi troverete ad aver fumato mezzo pacchetto a metà turno... esiste la variante "caffettino?"...;


L'UNTORE. Quello che per dimostrare la sua totale dedizione all'azienda si presenta al lavoro con un'orrenda tosse catarrosa, gli occhi cerchiati e i brividi di febbre...;


IL MALATO IMMAGINARIO. Ne ha sempre una: vertigini, capogiri, pruriti, allergie, insonnia, acidità di stomaco, secchezza oculare, reumatismi... vi racconta dei suoi sintomi con particolari a volte ributtanti, ma nonostante le sue difficili condizioni mai che prenda un giorno di malattia...;


L'ACCOLLO. E' il collega imbranato, può essere quello anziano che non sa usare le nuove tecnologie o quello appena arrivato, insicuro e lento. E' quello che interrompe ogni dieci minuto con una domanda! "Caro collega, ogni volta che stai per formulare una domanda morditi la lingua e scrivila. quando hai raggiunto le dieci domande me le fai tutte insieme, ok?";


IL TETRO. Trasuda tristezza e male di vivere da ogni poro. Scostante, a volte non saluta, non parla, e se parla è per dare cattive notizie;


IL CREATIVO. Quello che ha sempre soluzioni innovative per fare in modo migliore una determinata procedura. E' spesso un entusiasta che vuole imporvi le sue idee a tutti i costi. Il suo comportamento sottintende in realtà 1) gli altri sono tutti imbecilli; 2) vuol farsi bello agli occhi dei capi;


IL SOCIAL MEDIA ADDICTED. quelli malati di social network, che fotografano e condividono ogni istante della propria vita. quelli che inondano la vostra bacheca di catene di Sant'Antonio, video divertenti (?!), gatti... ".


[liberamente tratto da Il metodo sticazzi al lavoro]


E voi, appartenete ad una di queste categorie?

Avete colleghi che appartengono ad una di queste categorie?

Ci sono altre categorie?

 19/04/2015 10:07:49
utente anonimo
Aggiungi il tuo commento
135 commenti

Dove lavoro io c'è anche la categoria di quelli che non collaborano con nessuno. Come a scuola ☺

 19/04/2015 10:16:31

Claudia_the_queen, dici una versione di collega mutuata dal secchione scolastico, quello che non ti faceva mai copiare?

 19/04/2015 10:34:39
in risposta a ↑

robertoazzara9, assolutamente. Nel mio lavoro ci occupiamo di cose simili ma è difficile collaborare anche perché la collaborazione non viene premiata 

 19/04/2015 10:40:23
in risposta a ↑

Aristomache, visto dopo..... io lavoro in un posto di solitari

 19/04/2015 10:57:05
in risposta a ↑

Claudia_the_queen, per forza di cose nel mio lavoro la collaborazione dovrebbe essere tutto.

 19/04/2015 11:11:20
Questo utente si è disattivato

No non ho nessun collega così,da noi si lavora e basta

Non si ha tempo per queste cose 

Testa bassa e avanti, tanto non ti calcola nessuno,produzione produzione produzione

 19/04/2015 10:17:37
Emiloren

Emiloren25701

profiler a tempo perso

Mauriziopanebianco1, questo purtroppo spiega molte cose...

 19/04/2015 10:19:12
Questo utente si è disattivato
in risposta a ↑

Emiloren, sai che mi sento dire da sempre?

Non ti va bene?ci sono 1000 giovani laureati pronti per il tuo posto


 19/04/2015 10:21:28

Mauriziopanebianco1, infatti queste considerazioni rientrano nella categoria: "lotta tra poveri" ma l'intento è umoristico.

Posso capire che tu non badi a queste cose, ma non puoi non aver notato differenze tra collega e collega. Testa bassa e avanti è quello che vorrebbero i padroni, ma noi siamo umani, o no?

 19/04/2015 10:24:24
Questo utente si è disattivato
in risposta a ↑

robertoazzara9, no serviamo solo per la produzione 

I capi ,quelli grossi , sono umani noi solo produzione e non ri produzione

 19/04/2015 10:51:21
Questo utente si è disattivato
in risposta a ↑

robertoazzara9, siamo passati da quella annuale a quella trimestrale alla giornaliera , mi aspetto a breve la minutale

 19/04/2015 10:53:00
in risposta a ↑

Mauriziopanebianco1, so bene come i nostri capi ci vedono.

Ma il fatto che loro non ci considerano esseri umani non significa che non lo siamo.


Scusa ma non ho capito a cosa siete passati da quella annuale a quella giornaliera?

 19/04/2015 11:09:34
Questo utente si è disattivato
in risposta a ↑

robertoazzara9, produzione

 19/04/2015 11:10:40
Questo utente si è disattivato
in risposta a ↑

robertoazzara9, es.dovevi fare 100 in un anno

Adesso devi fare 0.50 al giorno

Cosa cambia? Ti chiamano e ti dicono "ancora non fatto?

 19/04/2015 11:12:10
in risposta a ↑

Mauriziopanebianco1, ah ecco, si capisco di cosa parli. Nel mio ambito, non producendo sostanzialmente niente di tangibile, si chiamano obiettivi, tutto deve puntare al raggiungimento di questi obiettivi.

 19/04/2015 11:18:13
Questo utente si è disattivato
in risposta a ↑

robertoazzara9, obiettivi sono per tutti

Se la verifica è giornaliera non hai tempo per pensare ad altro

Non c'entra con il discorso voglio solo aggiungere per capire ,molti dei miei colleghi pagano per lavorare

 19/04/2015 11:20:59
in risposta a ↑

Mauriziopanebianco1, forse l'hai già detto in altri post questo fatto di gente che paga per lavorare, ma l'intento di ciò qual'è? Sperare che prima o poi ti paghino?


 19/04/2015 11:52:22
in risposta a ↑

Mauriziopanebianco1, una cosa però l'ho capita, tu sei il TETRO.

 19/04/2015 23:34:06
Emiloren

Emiloren25701

profiler a tempo perso

Spero la prossima domanda sia rivolta a che tipo di capo siete, tanto per completare il quadro.

Tutte queste categorie potrebbero rientrare tra i personaggi horror !

 19/04/2015 10:23:43

Emiloren, beh, anche i capi hanno dei colleghi e un capo più in alto... 


In effetti hai ragione, anche se più che in un horror sembra di stare in un teatrino delle maschere. Dove lavoro io siamo una cinquantina, ognuno si più incasellare in una di queste e di altre categorie. Sembra che al lavoro si mostri, o venga fuori, solo un aspetto della nostra personalità.

 19/04/2015 10:33:38 (modificato)
Emiloren

Emiloren25701

profiler a tempo perso

in risposta a ↑

robertoazzara9, vero.

L' aspetto della nostra personalità che traspare maggiormente al lavoro per quanto mi riguarda é la precisione e l'attenzione ai dettagli e la capacità di gestire problematiche in prima persona senza demandare a nessuno. Molto di rado faccio apparire il mio lato ironico, dosandolo a contagocce solo nei momenti che penso siano più opportuni anche per il personale.

 20/04/2015 07:34:23
in risposta a ↑

Emiloren, ovviamente non volevo incentivare l'ironia fuori luogo durante le ore di lavoro, ma solo far notare delle caratteristiche caricaturali di alcuni colleghi che non posso non notare dopo anni che ci lavoro assieme.


PS pensa che il mio di capo non fa altro che demandare, dice che è una delle prerogative del capo   

 20/04/2015 08:02:59

Non so, essendo un autonomo il mio concetto di 'collega' è relativo e limitato rispetto ad ambienti lavorativi più estesi.

Non mi ci rivedo in una di queste categorie sinceramente, forse solo in parte, direi tra il precisino (ma senza essere rompi..... però) ed il creativo (giocoforza).

Ma se dovessi scegliere una categoria non inclusa nella lista io sceglierei quella dello stacanovista sicuramente, che solitamente detesta i pressapochisti, gli sfaticati e i lamentosi e che si lamenta a sua volta di quelli che gli fanno perdere tempo prezioso.


Riferendomi invece ad altri "colleghi" direi che negli anni mi è capitato di incontrare un po' tutte le categorie citate, in maggioranza lamentosi e malati immaginari finché restano dipendenti per poi diventare anche loro più o meno stacanovisti quando si mettono in proprio, e poi di battutari quanti ne vuoi, dalle mie parti sono tutti dei comici potenziali, in effetti alcuni persino più divertenti di alcuni comici che poi hanno avuto successo.   

 19/04/2015 10:35:48

Alterego, in effetti il giochino si applica più facilmente su chi lavora a stretto contatto con altri colleghi, dopo un po' si può arrivare a detestarli (o ad amarli...   ).


In effetti ho scordato lo STACANOVISTA, quello del "faccio tutto io". In parte rientra nella categoria dell'untore, quando sta male viene lo stesso a lavorare, infettandoci tutti.

Attento che il termine CREATIVO lo usavo in senso ironico   


Il BATTUTARO è una categoria universale, esiste in tutti i contesti, non solo lavorativi, a pensarci bene.

 19/04/2015 10:45:56
in risposta a ↑

robertoazzara9, si certo io infatti intendevo il creativo nel senso più nobile e intraprendente del termine. Riguardo lo stacanovista invece direi che differisce molto dall'untore, almeno nel mio caso, perché lo stacanovista non si ammala mai (se è autonomo) e gode quasi sempre di ottima salute, a me infatti non mi capita una febbre da oltre 10 anni, e di conseguenza non faccio mai festa praticamente.   

 19/04/2015 10:56:03
in risposta a ↑

Alterego, qualcuno che ci crede potrebbe dirti che se tu vivi in sintonia con te stesso non ti ammali mai, evidentemente ti piace quello che fai   

 19/04/2015 11:04:46
in risposta a ↑

robertoazzara9, non so, secondo me è la necessità che mi fa vigilare inconsciamente sul mio stato di salute, forse c'è anche una componente psicologica, ma di certo non mi faccio abbattere da un semplice mal di testa o un raffreddore, per dire.

 19/04/2015 11:10:41
in risposta a ↑

Alterego, ovviamente quando si lavora in proprio le motivazioni possono essere diverse da chi lavora come impiegato per quanto riguarda la percezione del proprio stato di salute.

 19/04/2015 11:14:36

Ormai è da tanto che lavoro da solo, quindi nessun collega da catalogare.

Quando ho lavorato con altre persone, ho sempre cercato di essere collaborativo e disponibile, ma volente o nolente, ho sempre dovuto assumere un ruolo di comando: lavorare male fa faticare di più e spesso ci vuole qualcuno in grado organizzare il lavoro in maniera più efficiente, per il bene di tutti.


 19/04/2015 10:41:01

Anticoguardiano, si certo, mi trovi d'accordo, si possono assumere ruoli di comando senza per forza passare per KAPO'. Capita anche a me nel mio lavoro, essendo uno dei "anziani" e con esperienza del gruppo. Spesso si tende a complicarsi la vita per mancanza di organizzazione e di metodo.


 19/04/2015 11:02:56

QUAG SI IMPEGNA A PROTEGGERE LA TUA PRIVACY

Cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Accettando questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.
Vedi il documento in dettaglio »


La presente informativa descrive “che cosa sono i cookie” e quali sono i tipi di cookie utilizzati da Quag nel proprio sito Web.

Che cosa sono i cookie?

Un “cookie” è un file di testo che i siti Web inviano al computer o a un altro dispositivo connesso a Internet del visitatore, per identificare univocamente il browser del visitatore stesso o per salvare informazioni o impostazioni nel browser.

Quag utilizza i cookie nel proprio sito Web?

Quag utilizza i cookie per migliorare il proprio sito Web, per fornire servizi e funzionalità agli utenti, per proporre contenuti e pubblicità in linea con gli interessi del singolo utente. È possibile limitare o disattivare l’utilizzo dei cookie tramite il proprio browser Web, tuttavia, in questo caso, alcune funzionalità del nostro sito potrebbero diventare inaccessibili.

Quali sono tipi di cookie utilizzati da Quag?

Cookie essenziali
Questi cookie sono essenziali per consentire all’utente di navigare nel Sito e utilizzare tutte le sue funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornire alcuni servizi o funzioni e la navigazione sul Sito non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere.

Cookie funzionali
Questi cookie consentono al sito Web di ricordare le scelte effettuate dall’utente al fine di ottimizzare le funzionalità. Ad esempio, i cookie funzionali consentono al sito Web di ricordare le impostazioni specifiche di un utente.

Cookie analitici
Questi cookie consentono di raccogliere dati sull’utilizzo del sito Web da parte dell’utente, compresi gli elementi su cui si fa clic durante la navigazione, al fine di migliorare le prestazioni e il design del sito stesso, ci aiutano inoltre a comprendere ogni difficoltà che l’utente può incontrare nell’utilizzo del Sito. I cookie in questione sono utilizzati esclusivamente per le finalità correlate alla gestione del nostro sito Web.

Cookie di profilazione
I cookie di profilazione vengono utilizzati per analizzare gli interessi e le abitudini di navigazione dei singoli utenti, per personalizzarne la navigazione, per proporre contenuti, anche pubblicitari, in linea con gli interessi dell’utente.

Cookie di terze parti
I cookie di terze parti possono essere sia tecnici che non tecnici, e vengono utilizzati per migliorare l’esperienza di utilizzo del sito da parte dell’utente, per proporre contenuti in linea con gli interessi dell’utente, per pubblicità di potenziale interesse per il singolo utente. I cookie possono essere erogati direttamente dal gestore del sito sul quale si sta navigando (cookie di prima parte) o, nel caso il sito si appoggi a servizi esterni per particolari funzioni, da terzi (cookie di terze parti).
Quag utilizza cookie sia tecnici che non tecnici, anche di terze parti, al fine di migliorare l’esperienza di utilizzo da parte dell’utente, ad esempio secondo il browser utilizzato, selezionando la tipologia dei contenuti visualizzati, proponendo pubblicità in linea con gli interessi per il singolo utente.
Se ti trovi sul sito Quag e visualizzi il banner informativo dell’esistenza dei cookie, accettandolo acconsenti all’utilizzo dei cookie descritti nella presente informativa e implementati nelle pagine del sito Quag.

Come si disattivano o si rimuovono i cookie?

E’ possibile disabilitare le funzioni dei cookie direttamente dal browser che si sta utilizzando, secondo le istruzioni fornite dai produttori.
La maggior parte dei browser permette di impostare regole per gestire i cookie e offre così agli utenti la possibilità di un controllo della privacy, negare la possibilità di ricezione dei cookie, modificare le scelte fatte. Di seguito sono riportate le indicazioni per la gestione dei cookie tramite le impostazioni dei principali browser, facendo ctrl+click sul nome del browser si verrà mandati alla pagina con le relative istruzioni:

Cookie di terze parti utilizzati da Quag
Durante la navigazione su Quag possono essere rilasciati cookie tecnici e non gestiti da terze parti, per finalità tecniche, statistica, per l’erogazione di pubblicità. Questi cookie sono gestiti esclusivamente da terze parti. Si riportano qui di seguito le terze parti coinvolte, i link ai loro siti e alle loro politiche di gestione dei cookie, con indicazione delle relative finalità.

Google Analytics - Cookie statistici
Cookies policy di Google

Google AdSense e DoubleClick (Google Inc.) - Cookie di profilazione
Cookies Policy in Advertising - OptOut

Newrelic e nr-data.net – cookie tecnici
Privacy Policy Newrelic

Facebook - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Facebook

Twitter - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Twitter

Linkedin - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Linkedin

embed.ly - Cookie tecnici
Privacy Policy di Embed

Per ulteriori informazioni sulla pubblicità comportamentale e per sapere come attivare o disattivare singolarmente i cookie e avere indicazioni sui software di gestione dei cookie, è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.youronlinechoices.com/it/

Per sapere come attivare o disattivare la profilazione pubblicitaria sulle applicazioni mobile è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.aboutads.info/appchoices

Ulteriori informazioni sul trattamento dei dati personali degli utenti da parte di Quentral possono essere consultate nella Informativa Privacy.


Questo sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.


Loader