donatella

donatella210603

ex traghettatrice di Quaggers

Vivere per lavorare o lavorare per vivere? Che ne pensate?

Renzo Rosso dice "Lavorate per passione, non per soldi. Se credete in ciò che fate, prima o poi qualcosa accade". Cosa ne dite? Un lavoro deve per forza piacere e soddisfare, oppure può solo essere un mezzo che ci permette di fare ciò che ci piace fare? Insomma, è meglio impegnarsi per avere il lavoro ideale oppure saremmo più felici con un lavoro così così, ma che ci aiuta a regalarci soddisfazioni fuori dall'ambito professionale?

 16/04/2015 14:28:21 (modificato)
utente anonimo
Aggiungi il tuo commento
139 commenti
Questo utente si è disattivato

Va bene un lavoro che fai tanti soldi. ...il resto è fuffa 

 16/04/2015 14:31:12
donatella

donatella210603

ex traghettatrice di Quaggers

Mauriziopanebianco1, ti stavo aspettando. Hai impiegato solo due minuti a rispondere ed ero certa della tua risposta. Ti assegno il voto positivo per la coerenza!

 16/04/2015 14:32:45
Questo utente si è disattivato
in risposta a ↑

donatella, doni sono così , che c'è vuoi fa..aspetto le belle ed articolate con motivazioni alte e nobili dei miei colleghi quagger...si dice così no?

 16/04/2015 14:34:29
donatella

donatella210603

ex traghettatrice di Quaggers

in risposta a ↑

Mauriziopanebianco1, doni?   

 16/04/2015 14:35:16
Questo utente si è disattivato
in risposta a ↑

donatella, scusa , donatella. , sto scrivendo in corriera su uno smart

 16/04/2015 14:36:59

Allora un contadino disse: Parlaci del Lavoro.

E lui rispose dicendo:

Voi lavorate per assecondare il ritmo della terra e l'anima della terra.

Poiché oziare è estraniarsi dalle stagioni e uscire dal corso della vita, che avanza in solenne e fiera sottomissione verso l'infinito.

Quando lavorate siete un flauto attraverso il quale il sussurro del tempo si trasforma in musica.

Chi di voi vorrebbe essere una canna silenziosa e muta quando tutte le altre cantano all'unisono?

Sempre vi è stato detto che il lavoro è una maledizione e la fatica una sventura.

Ma io vi dico che quando lavorate esaudite una parte del sogno più remoto della terra, che vi fu dato in sorte quando il sogno stesso ebbe origine.

Vivendo delle vostre fatiche, voi amate in verità la vita.

E amare la vita attraverso la fatica è comprenderne il segreto più profondo.

Ma se nella vostra pena voi dite che nascere è dolore e il peso della carne una maledizione scritta sulla fronte, allora vi rispondo: tranne il sudore della fronte niente laverà ciò che vi è stato scritto.

Vi è stato detto che la vita è tenebre e nella vostra stanchezza voi fate eco

a ciò che è stato detto dagli uomini esausti.

E io vi dico che in verità la vita è tenebre fuorché quando è slancio,

E ogni slancio è cieco fuorché quando è sapere,

E ogni sapere è vano fuorché quando è lavoro,

E ogni lavoro è vuoto fuorché quando è amore;

E quando lavorate con amore voi stabilite un vincolo con voi stessi, con gli altri e con Dio.

E cos'è lavorare con amore?

E' tessere un abito con i fili del cuore, come se dovesse indossarlo il vostro amato.

E' costruire una casa con dedizione come se dovesse abitarla il vostro amato.

E' spargere teneramente i semi e mietere il raccolto con gioia, come se Ma voi, figli dell'aria, insonni nel sonno, non sarete ingannati né domati.

La vostra casa non sarà l'ancora, ma l'albero della nave.

Non sarà il velo lucente che ricopre la ferita, ma la palpebra a difesa dell'occhio.

Non ripiegherete le ali per attraversare le porte, non chinerete la testa per non urtare la volta, non tratterrete il respiro per paura che le mura si incrinino e crollino.

Non dimorerete in sepolcri edificati dai morti per i vivi.

E sebbene magnifica e splendida, la vostra casa non custodirà il vostro segreto né darà riparo alle vostre brame.


Da Kahlil Gibran – Il Profeta

 16/04/2015 14:33:12
donatella

donatella210603

ex traghettatrice di Quaggers

giovannibattistagalimberti, raccontarci cosa ne pensi tu, ti prego. Citazioni su citazioni...

 16/04/2015 14:34:30
in risposta a ↑

cara amica @donatella, sono pigro da un lato e se ho' postato questo pezzo di Gibran e' perche' lo condivido pienamente.

Come avevo già espresso al mio amico @carlo_martinuzzi, in un'altro argomento , vi sono varie tipologie di vita:

 

a) fare un lavoro che piace e farlo intensamente 

b) fare un lavoro per guadagnare ed avere altri Hobbies.


Io ho scelto la prima a) , e mi reputo fortunato , conosco persone che hanno scelto la seconda ed hanno comunque vissuto benissimo , magari guadagnando come me.


 16/04/2015 14:53:08
donatella

donatella210603

ex traghettatrice di Quaggers

in risposta a ↑

giovannibattistagalimberti, grazie.

 16/04/2015 17:01:11
in risposta a ↑

cara @donatella, invece , quale e' la tua posizione al riguardo ?

 16/04/2015 17:04:31
donatella

donatella210603

ex traghettatrice di Quaggers

in risposta a ↑

giovannibattistagalimberti, che bella domanda! La mia posizione è molto incerta in linea teorica, ma estremamente decisa in linea pratica. Non ho un lavoro fisso, lavoro 7/8 mesi l'anno e poi sono "felicemente disoccupata", mi godo la libertà e cerco di fare ciò che più amo, cioè viaggiare. Non ho mai avuto un lavoro ideale, ho fatto di tutto e non ho mai rifiutato alcun lavoro, nemmeno il più umile, cercando sempre di impegnarmi al massimo (ho anche pulito bagni, per citare ciò che dice @That_guy ). Quindi, cosa posso dire? La mia vita non ha come punto centrale il lavoro. Questo non significa che non mi dia soddisfazioni, ma non è la parte più importante della mia vita: il lavoro mi serve per vivere bene.

 16/04/2015 17:21:50
in risposta a ↑

carissima amica @donatella, che bella domanda ? , la tua !

comunque sono completamente d'accordo con te , e mi ripeto.


Io ho scelto la prima , conosco persone che hanno scelto la seconda ed hanno comunque vissuto benissimo 

 16/04/2015 17:25:30
donatella

donatella210603

ex traghettatrice di Quaggers

in risposta a ↑

giovannibattistagalimberti, ma infatti va tutto bene, non c'è alcun giudizio da dare. Usi proprio la frase-chiave: "io ho scelto".   

 16/04/2015 17:29:35
ticonzero

ticonzero49408

Fantasma [ tra non molto ]

giovannibattistagalimberti, bellissimo brano !

Ma vallo a spiegare a un minatore di zolfo nella Sicilia del primo novecento....

Non per nulla Pirandello ci scrisse una breve novella...

Ciàula scopre la luna

( è un poco lunga ma forse vale proprio la pena di leggerla ..)

I picconieri, quella sera, volevano smettere di lavorare senz’aver finito d’estrarre le tante casse di zolfo che bisognavano il giorno appresso a caricar la calcara. Cacciagallina, il soprastante, s’affierò contr’essi, con la rivoltella in pugno, davanti la buca della Cace, per impedire che ne uscissero.

– Corpo di... sangue di... indietro tutti, giù tutti di nuovo alle cave, a buttar sangue fino all’alba, o faccio fuoco!

– Bum! – fece uno dal fondo della buca. – Bum! – echeggiarono parecchi altri; e con risa e bestemmie e urli di scherno fecero impeto, e chi dando una gomitata, chi una spallata, passarono tutti, meno uno.

Chi? Zi’ Scarda, si sa, quel povero cieco d’un occhio, sul quale Cacciagallina poteva fare bene il gradasso. Gesù, che spavento! Gli si scagliò addosso, che neanche un leone; lo agguantò per il petto e, quasi avesse in pugno anche gli altri, gli urlò in faccia, scrollandolo furiosamente:

– Indietro tutti, vi dico, canaglia! Giù tutti alle cave, o faccio un macello!

Zi’ Scarda si lasciò scrollare pacificamente. Doveva pur prendersi uno sfogo, quel povero galantuomo, ed era naturale se lo prendesse su lui che, vecchio com’era, poteva offrirglielo senza ribellarsi. Del resto, aveva anche lui, a sua volta, sotto di sé qualcuno più debole, sul quale rifarsi più tardi: Ciàula, il suo caruso.

Quegli altri... eccoli là, s’allontanavano giù per la stradetta che conduceva a Comitini; ridevano e gridavano:

– Ecco, sì! tiènti forte codesto, Cacciagallì! Te lo riempirà lui il calcherone per domani!

– Gioventù! sospirò con uno squallido sorriso d’indulgenza zi’ Scarda a Cacciagallina.

E, ancora agguantato per il petto, piegò la testa da un lato, stiracchiò verso il lato opposto il labbro inferiore, e rimase così per un pezzo, come in attesa.

Era una smorfia a Cacciagallina? o si burlava della gioventù di quei compagni là?

Veramente, tra gli aspetti di quei luoghi, strideva quella loro allegria, quella velleità di baldanza giovanile. Nelle dure facce quasi spente dal bujo crudo delle cave sotterranee, nel corpo sfiancato dalla fatica quotidiana, nelle vesti strappate, avevano il livido squallore di quelle terre senza un filo d’erba, sforacchiate dalle zolfare, come da tanti enormi formicai.

Ma no: zi’ Scarda, fisso in quel suo strano atteggiamento, non si burlava di loro, né faceva una smorfia a Cacciagallina. Quello era il versaccio solito, con cui, non senza stento, si deduceva pian piano in bocca la grossa lagrima, che di tratto in tratto gli colava dall’altro occhio, da quello buono.

Aveva preso gusto a quel saporino di sale, e non se ne lasciava scappar via neppur una.

Poco: una goccia, di tanto in tanto; ma buttato dalla mattina alla sera laggiù, duecento e più metri sottoterra, col piccone in mano, a ogni colpo gli strappava come un ruglio di rabbia dal petto, zi’ Scarda aveva sempre la bocca arsa: e quella lagrima, per la sua bocca, era quel che per il naso sarebbe stato un pizzico di rapè.

Un gusto e un riposo.

Quando si sentiva l’occhio pieno, posava per un poco il piccone e, guardando la rossa fiammella fumosa, della lanterna confitta nella roccia, che alluciava nella tenebra dell’antro infernale qualche scaglietta di zolfo qua e là, o l’acciajo del paolo o della piccozza, piegava la testa da un lato, stiracchiava il labbro inferiore e stava ad aspettar che la lagrima gli colasse giù, lenta, per il solco scavato dalle precedenti.

Gli altri, chi il vizio del fumo, chi quello del vino; lui aveva il vizio della sua lagrima.

Era del sacco lacrimale malato e non di pianto, quella lagrima; ma si era bevute anche quelle di pianto, zi’ Scarda, quando, quattr’anni addietro, gli era morto l’unico figliolo, per lo scoppio d’una mina, lasciandogli sette orfanelli e la nuora da mantenere. Tuttora gliene veniva giù qualcuna più salata delle altre; ed egli la riconosceva subito: scoteva il capo, allora, e mormorava un nome:

– Calicchio.

In considerazione di Calicchio morto, e anche dell’occhio perduto per lo scoppio della stessa mina, lo tenevano ancora lì a lavorare. Lavorava più e meglio di un gio­vane; ma ogni sabato sera, la paga gli era data, e per dir la verità lui stesso se la prendeva, come una carità che gli facessero: tanto che, intascandola, diceva sottovoce, quasi con vergogna:

– Dio gliene renda merito.

Perché, di regola, doveva presumersi che uno della sua età non poteva più lavorar bene.

Quando Cacciagallina alla fine lo lasciò per correre dietro agli altri e indurre con le buone maniere qualcuno a far nottata, zi’ Scarda lo pregò di mandare almeno a casa uno di quelli che ritornavano al paese, ad avvertire che egli rimaneva alla zolfara e che perciò non lo aspettassero e non stessero in pensiero per lui; poi si volse attorno a chiamare il suo caruso, che aveva più di trent’anni (e poteva averne anche sette o settanta, scemo com’era); e lo chiamò col verso con cui si chiamava le cornacchie ammaestrate:

– Tè, pà! tè, pà!

Ciàula stava a rivestirsi per ritornare al paese.

Rivestirsi per Ciàula significava togliersi prima di tutto la camicia, o quella che un tempo era stata forse una camicia: l’unico indumento che, per modo di dire, lo coprisse durante il lavoro. Toltasi la camicia, indossava sul torace nudo, in cui si poteva­no contare a una a una tutte le costole, un panciotto bello largo e lungo, avuto in elemosina, che doveva essere stato un tempo elegantissimo e sopraffino (ora il luridume vi aveva fatto una tal roccia, che a posarlo per terra stava ritto). Con somma cura Ciàula ne affibbiava i sei bottoni, tre dei quali ciondolavano, e poi se lo mirava addosso, passandoci sopra le mani, perché veramente ancora lo stimava superiore a’ suoi meriti: una galanteria. Le gambe nude, misere e sbilenche, durante quell’ammirazione, gli si accapponavano, illividite dal freddo. Se qualcuno dei compagni gli dava uno spintone e gli allungava un calcio, gridandogli: – Quanto sei bello! – egli apriva fino alle orecchie ad ansa la bocca sdentata a un riso di soddisfazione, poi infilava i calzoni, che avevano più d’una finestra aperta sulle natiche e sui ginocchi: s’avvolgeva in un cappottello d’albagio tutto rappezzato, e, scalzo, imitando meravigliosamente a ogni passo il verso della cornacchia – cràh! cràh! – (per cui lo avevano soprannominato Ciàula), s’avviava al paese.

– Cràh! cràh! – rispose anche quella sera al richiamo del suo padrone; e gli si pre­sentò tutto nudo, con la sola galanteria di quel panciotto debitamente abbottonato.

– Va’, va’ a rispogliarti, – gli disse zi’ Scarda. – Rimettiti il sacco e la camicia. Oggi per noi il Signore fa notte.

Ciàula non fiatò; restò un pezzo a guardarlo a bocca aperta, con occhi da ebete; poi si poggiò le mani sulle reni e, raggrinzando in su il naso, per lo spasimo, si stirò e disse:

– Gna bonu! (Va bene).

E andò a levarsi il panciotto.

Se non fosse stato per la stanchezza e per il bisogno del sonno, lavorare anche di notte non sarebbe stato niente, perché laggiù, tanto, era sempre notte lo stesso. Ma questo, per zi’ Scarda.

Per Ciàula, no. Ciàula, con la lumierina a olio nella rimboccatura del sacco su la fronte, e schiacciata la nuca sotto il carico, andava su e giù per la lubrica scala sotterranea, erta, a scalini rotti, e su, su, affievolendo a mano a mano, con fiato mòzzo, quel suo crocchiare a ogni scalino, quasi un gemito di strozzato, rivedeva a ogni salita la luce del sole. Dapprima ne rimaneva abbagliato; poi col respiro che traeva nel liberarsi del carico, gli aspetti noti delle cose circostanti gli balzavano davanti; restava, an­cora ansimante, a guardarli un poco e, senza che n’avesse chiara coscienza, se ne sentiva confortare.

Cosa strana: della tenebra fangosa delle profonde caverne, ove dietro ogni svolto stava in agguato la morte, Ciàula non aveva paura, né paura delle ombre mostruose, che qualche lanterna suscitava a sbalzi lungo le gallerie, né del subito guizzare di qualche riflesso rossastro qua e là in una pozza, in uno stagno d’acqua sulfurea: sapeva sempre dov’era; toccava con la mano in cerca di sostegno le viscere della montagna: e ci stava cieco e sicuro come dentro il suo alvo materno.

Aveva paura, invece, del bujo vano della notte.

Conosceva quello del giorno, laggiù, intramezzato da sospiri di luce, di là dall’imbuto della scala, per cui saliva tante volte al giorno, con quel suo specioso arrangolio di cornacchia strozzata. Ma il bujo della notte non lo conosceva.

Ogni sera, terminato il lavoro, ritornava al paese con zi’ Scarda; e là, appena finito d’ingozzare i resti della minestra, si buttava a dormire sul saccone di paglia per terra, come un cane; e invano i ragazzi, quei sette nipoti orfani del suo padrone, lo pesta­vano per tenerlo desto e ridere della sua sciocchezza; cadeva subito in un sonno di piombo, dal quale, ogni mattina, alla punta dell’alba, soleva riscuoterlo un noto piede.

La paura che egli aveva del bujo della notte gli proveniva da quella volta che il figlio di zi’ Scarda, già suo padrone, aveva avuto il ventre e il petto squarciato dallo scoppio della mina, e zi’ Scarda stesso era stato preso in un occhio.

Giù nei varii posti a zolfo, si stava per levar mano, essendo già sera, quando s’era sentito il rimbombo tremendo di quella mina scoppiata. Tutti i picconieri e i carusi erano accorsi sul luogo dello scoppio; egli solo, Ciàula, atterrito, era scappato a ripa­rarsi in un antro noto soltanto a lui.

Nella furia di cacciarsi là, gli s’era infranta contro la roccia la lumierina di terracotta, e quando alla fine, dopo un tempo che non aveva potuto calcolare, era uscito dall’antro nel silenzio delle caverne tenebrose e deserte, aveva stentato a trovare a tentoni la galleria che lo conducesse alla scala; ma pure non aveva avuto paura. La paura lo aveva assalito, invece, nell’uscir dalla buca nella notte nera, vana.

S’era messo a tremare, sperduto, con un brivido per ogni vago alito indistinto nel silenzio arcano che riempiva la sterminata vacuità, ove un brulichio infinito di stelle fitte, piccolissime, non riusciva a diffondere alcuna luce.

Il bujo, ove doveva essere lume, la solitudine delle cose che restavan lì con un loro aspetto cangiato e quasi irriconoscibile, quando più nessuno le vedeva, gli avevano messo in tale subbuglio l’anima smarrita, che Ciàula s’era all’improvviso lanciato in una corsa pazza, come se qualcuno lo avesse inseguito.

Ora, ritornato giù nella buca con zi’ Scarda, mentre stava ad aspettare che il carico fosse pronto, egli sentiva a mano a mano crescersi lo sgomento per quel bujo che avrebbe trovato, sbucando dalla zolfara. E più per quello, che per questo delle gallerie e della scala, rigovernava attentamente la lumierina di terracotta.

Giungevano da lontano gli stridori e i tonfi cadenzati della pompa, che non posava mai, né giorno né notte. E nella cadenza di quegli stridori e di quei tonfi s’intercalava il ruglio sordo di zi’ Scarda, come se il vecchio si facesse ajutare a muovere le braccia dalla forza della macchina lontana.

Alla fine il carico fu pronto, e zi’ Scarda ajutò Ciàula a disporlo e rammontarlo sul sacco attorto dietro la nuca.

A mano a mano che zi’ Scarda caricava, Ciàula sentiva piegarsi, sotto, le gambe. Una, a un certo punto, prese a tremargli convulsamente così forte che, temendo di non più reggere al peso, con quel tremitìo, Ciàula gridò:

– Basta! basta!

– Che basta, carogna! – gli rispose zi’ Scarda.

E seguitò a caricare.

Per un momento la paura del bujo della notte fu vinta dalla costernazione che, così caricato, e con la stanchezza che si sentiva addosso, forse non avrebbe potuto arrampicarsi fin lassù. Aveva lavorato senza pietà tutto il giorno. Non aveva mai pensato Ciàula che si potesse aver pietà del suo corpo, e non ci pensava neppur ora; ma sentiva che, proprio, non ne poteva più.

Si mosse sotto il carico enorme, che richiedeva anche uno sforzo d’equilibrio. Sì, ecco, sì, poteva muoversi, almeno finché andava in piano. Ma come sollevar quel peso, quando sarebbe cominciata la salita?

Per fortuna, quando la salita cominciò, Ciàula fu ripreso dalla paura del bujo della notte, a cui tra poco si sarebbe affacciato.

Attraversando le gallerie, quella sera, non gli era venuto il solito verso della cor­nacchia, ma un gemito raschiato, protratto. Ora, su per la scala, anche questo gemito gli venne meno, arrestato dallo sgomento del silenzio nero che avrebbe trovato nella impalpabile vacuità di fuori.

La scala era così erta, che Ciàula, con la testa protesa e schiacciata sotto il carico, pervenuto all’ultima svoltata, per quanto spingesse gli occhi a guardare in su, non poteva veder la buca che vaneggiava in alto.

Curvo, quasi toccando con la fronte lo scalino che gli stava di sopra, e su la cui lubricità la lumierina vacillante rifletteva appena un fioco lume sanguigno, egli veniva su, su, su, dal ventre della montagna, senza piacere, anzi pauroso della prossima liberazione. E non vedeva ancora la buca, che lassù lassù si apriva come un occhio chiaro, d’una deliziosa chiarità d’argento.

Se ne accorse solo quando fu agli ultimi scalini. Dapprima, quantunque gli paresse strano, pensò che fossero gli estremi barlumi del giorno. Ma la chiaria cresceva, cresceva sempre più, come se il sole, che egli aveva pur visto tramontare, fosse rispuntato.

Possibile?

Restò – appena sbucato all’aperto – sbalordito. Il carico gli cadde dalle spalle. Sollevò un poco le braccia; aprì le mani nere in quella chiarità d’argento.

Grande, placida, come in un fresco luminoso oceano di silenzio, gli stava di faccia la Luna.

Sì, egli sapeva, sapeva che cos’era; ma come tante cose si sanno, a cui non si è dato mai importanza. E che poteva importare a Ciàula, che in cielo ci fosse la Luna?

Ora, ora soltanto, così sbucato, di notte, dal ventre della terra, egli la scopriva.

Estatico, cadde a sedere sul suo carico, davanti alla buca. Eccola, eccola là, eccola là, la Luna... C’era la Luna! la Luna!

E Ciàula si mise a piangere, senza saperlo, senza volerlo, dal gran conforto, dalla grande dolcezza che sentiva, nell’averla scoperta, là, mentr’ella saliva pel cielo, la Luna, col suo ampio velo di luce, ignara dei monti, dei piani, delle valli che rischiarava, ignara di lui, che pure per lei non aveva più paura, né si sentiva più stanco, nella notte ora piena del suo stupore.

 

 20/04/2015 19:37:22

Bello quello che dice Renzo Rosso e per un periodo della mia vita ho fatto un lavoro molto bello. Però poi quando vai al supermercato per comprare da mangiare servono i soldi...

 16/04/2015 14:38:01
donatella

donatella210603

ex traghettatrice di Quaggers

Gincum, e quindi cosa hai fatto? Hai cercato un altro lavoro? Naturalmente rispondi solo se hai voglia di condividere con noi questa tua esperienza, non voglio essere invadente.   

 16/04/2015 17:45:41
in risposta a ↑

donatella, Mi sono creato una alternativa che mi appassiona e che non e' un lavoro: mi sono iscritto all'universita' ho fatto già diversi esami. Alla fine potrebbe diventare un alternativa nel senso che potrebbe aiutarmi a trovare di meglio. Comunque e' più una soddisfazione personale. Sapere cose nuove e meglio...bello!!!   

 17/04/2015 08:38:42
donatella

donatella210603

ex traghettatrice di Quaggers

in risposta a ↑

Gincum, giusto! Complimenti, mi pare un'ottima scelta: nutri la passione per il sapere e cerchi di trasformarla in una svolta futura.

 17/04/2015 11:44:26

La prima, per quanto possibile. Per sè ma anche per la collettività.

 16/04/2015 14:42:02
donatella

donatella210603

ex traghettatrice di Quaggers

Grazie EmmaRei, dunque per te la soddisfazione sul lavoro dovrebbe venire prima di tutto?

 16/04/2015 17:47:05

Ciao @donatella, sicuramente lavorare con la passione per cio' che facciamo sarebbe il non plus ultra se permettesse di realizzarci in altri ambiti di vita.  Per quel che mi riguarda cio' che guadagno e gran parte del mio tempo e' investito quasi totalmente in attività per migliorare la mia posizione lavorativa con l' effetto che non solo non sto cavando un ragno dal buco, ma non riesco a trovare uno spazio per la mia vita privata,  non riesco a coltivare nuovi rapporti, non riesco a fare un viaggio,  avere denaro per realizzare desideri materiali, ma soprattutto sto arrivando a pensare,  nonostante non riesca a immaginarmi in un lavoro diverso dal mio, che avrei dovuto iniziare con un lavoro meno specializzato ma con un fisso come punto di partenza per accrescere con tutta tranquillità altri aspetti della mia esistenza. 


 16/04/2015 14:49:11
donatella

donatella210603

ex traghettatrice di Quaggers

oliol18, difficile, se non impossibile, immaginare cosa sarebbe stato se... Ti faccio un sacco di auguri. Che la tua passione ti aiuti a trovare la meritata soddisfazione.

 16/04/2015 19:07:28
in risposta a ↑

donatella, grazie!!!...E come si dice da noi: "ucca tua santa"!!!

 16/04/2015 19:34:27

oliol18, spesso questo tipo di situazioni che conosco finisce per diminuire l'investimento passionale che abbiamo nel nostro lavoro. Riuscire a conciliare le proprie inclinazioni con le necessità della propria vita in generale non é facile

 16/04/2015 20:24:15
in risposta a ↑

albival71, sicuramente la mia passione rimane, ma e' un periodo in cui sono veramente sovrasforzo, non riesco a fidanzarmi nemmeno col benzinaio come mi hai suggerito! 

 16/04/2015 20:53:53
in risposta a ↑

oliol18, il problema é che nel nostro e anche in altri lavori diventa difficile tirarsi indietro..e questo va a discapito di altre belle cose con cui riempirci la vita. Io avendo figli riesco a staccare la spina perché loro sono la mia più grande passione...forse per te diventa più difficile ritagliarsi degli spazi personali...un amore certo aiuterebbe...bisogna trovarlo però..immagino mi risponderai...

 16/04/2015 21:08:49
in risposta a ↑

albival71, sicuramente aiuterebbe...

 16/04/2015 21:16:45
in risposta a ↑

oliol18, la foto del profilo non aiuta mi sa!

 16/04/2015 21:18:19
in risposta a ↑

albival71, beh, spero di non aver bisogno di trovarlo on line! E' una psichiatra molto simpatica:)

 16/04/2015 21:22:43
in risposta a ↑

oliol18, ah pensavo avessi cambiato taglio di capelli...online spero per te no! Poi qua rischi di trovare o qualche poeta squattrinato o qualche filosofo sognatore...in famiglia é sempre meglio essere solo uno a vivere di sogni!

 16/04/2015 21:26:17
in risposta a ↑

albival71, ahaha...hai ragione!


...beh effettivamente dovrei tagliare i capelli! Il taglio si somiglia, non il colore purtroppo (blu non azzarderei anche se mi piacerebbe!).

 16/04/2015 21:30:50

QUAG SI IMPEGNA A PROTEGGERE LA TUA PRIVACY

Cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Accettando questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.
Vedi il documento in dettaglio »


La presente informativa descrive “che cosa sono i cookie” e quali sono i tipi di cookie utilizzati da Quag nel proprio sito Web.

Che cosa sono i cookie?

Un “cookie” è un file di testo che i siti Web inviano al computer o a un altro dispositivo connesso a Internet del visitatore, per identificare univocamente il browser del visitatore stesso o per salvare informazioni o impostazioni nel browser.

Quag utilizza i cookie nel proprio sito Web?

Quag utilizza i cookie per migliorare il proprio sito Web, per fornire servizi e funzionalità agli utenti, per proporre contenuti e pubblicità in linea con gli interessi del singolo utente. È possibile limitare o disattivare l’utilizzo dei cookie tramite il proprio browser Web, tuttavia, in questo caso, alcune funzionalità del nostro sito potrebbero diventare inaccessibili.

Quali sono tipi di cookie utilizzati da Quag?

Cookie essenziali
Questi cookie sono essenziali per consentire all’utente di navigare nel Sito e utilizzare tutte le sue funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornire alcuni servizi o funzioni e la navigazione sul Sito non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere.

Cookie funzionali
Questi cookie consentono al sito Web di ricordare le scelte effettuate dall’utente al fine di ottimizzare le funzionalità. Ad esempio, i cookie funzionali consentono al sito Web di ricordare le impostazioni specifiche di un utente.

Cookie analitici
Questi cookie consentono di raccogliere dati sull’utilizzo del sito Web da parte dell’utente, compresi gli elementi su cui si fa clic durante la navigazione, al fine di migliorare le prestazioni e il design del sito stesso, ci aiutano inoltre a comprendere ogni difficoltà che l’utente può incontrare nell’utilizzo del Sito. I cookie in questione sono utilizzati esclusivamente per le finalità correlate alla gestione del nostro sito Web.

Cookie di profilazione
I cookie di profilazione vengono utilizzati per analizzare gli interessi e le abitudini di navigazione dei singoli utenti, per personalizzarne la navigazione, per proporre contenuti, anche pubblicitari, in linea con gli interessi dell’utente.

Cookie di terze parti
I cookie di terze parti possono essere sia tecnici che non tecnici, e vengono utilizzati per migliorare l’esperienza di utilizzo del sito da parte dell’utente, per proporre contenuti in linea con gli interessi dell’utente, per pubblicità di potenziale interesse per il singolo utente. I cookie possono essere erogati direttamente dal gestore del sito sul quale si sta navigando (cookie di prima parte) o, nel caso il sito si appoggi a servizi esterni per particolari funzioni, da terzi (cookie di terze parti).
Quag utilizza cookie sia tecnici che non tecnici, anche di terze parti, al fine di migliorare l’esperienza di utilizzo da parte dell’utente, ad esempio secondo il browser utilizzato, selezionando la tipologia dei contenuti visualizzati, proponendo pubblicità in linea con gli interessi per il singolo utente.
Se ti trovi sul sito Quag e visualizzi il banner informativo dell’esistenza dei cookie, accettandolo acconsenti all’utilizzo dei cookie descritti nella presente informativa e implementati nelle pagine del sito Quag.

Come si disattivano o si rimuovono i cookie?

E’ possibile disabilitare le funzioni dei cookie direttamente dal browser che si sta utilizzando, secondo le istruzioni fornite dai produttori.
La maggior parte dei browser permette di impostare regole per gestire i cookie e offre così agli utenti la possibilità di un controllo della privacy, negare la possibilità di ricezione dei cookie, modificare le scelte fatte. Di seguito sono riportate le indicazioni per la gestione dei cookie tramite le impostazioni dei principali browser, facendo ctrl+click sul nome del browser si verrà mandati alla pagina con le relative istruzioni:

Cookie di terze parti utilizzati da Quag
Durante la navigazione su Quag possono essere rilasciati cookie tecnici e non gestiti da terze parti, per finalità tecniche, statistica, per l’erogazione di pubblicità. Questi cookie sono gestiti esclusivamente da terze parti. Si riportano qui di seguito le terze parti coinvolte, i link ai loro siti e alle loro politiche di gestione dei cookie, con indicazione delle relative finalità.

Google Analytics - Cookie statistici
Cookies policy di Google

Google AdSense e DoubleClick (Google Inc.) - Cookie di profilazione
Cookies Policy in Advertising - OptOut

Newrelic e nr-data.net – cookie tecnici
Privacy Policy Newrelic

Facebook - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Facebook

Twitter - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Twitter

Linkedin - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Linkedin

embed.ly - Cookie tecnici
Privacy Policy di Embed

Per ulteriori informazioni sulla pubblicità comportamentale e per sapere come attivare o disattivare singolarmente i cookie e avere indicazioni sui software di gestione dei cookie, è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.youronlinechoices.com/it/

Per sapere come attivare o disattivare la profilazione pubblicitaria sulle applicazioni mobile è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.aboutads.info/appchoices

Ulteriori informazioni sul trattamento dei dati personali degli utenti da parte di Quentral possono essere consultate nella Informativa Privacy.


Questo sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.


Loader