Come risolvereste il debito pubblico e la disoccupazione ?

Quale formula servirebbe all'italia per sistemare il debito pubblico, il lavoro e le imprese che fuggono  all'estero ?

 12/07/2013 06:00:39 (modificato)
utente anonimo
Aggiungi il tuo commento
22 commenti
Tizy

Tizy5675

Bè... questa domanda dovrebbe essere posta ai nostri Ministri, stiamo ancora aspettando risposta da loro!

Banalmente, posso rispondere dicendo che servirebbe una normativa che permetta alle aziende di produrre in Italia, magari grazie ad agevolazioni che possano permettere nuove assunzioni. Un'agevolazione fiscale dovrebbe permettere alle aziende di assumere nuovo personale e un sistema di "sorveglianza" dovrebbe tutelare il lavoratore in modo da non essere sfruttato come ormai accade ovunque. Purtroppo, oggi, la maggior parte degli italiani è assunta part time ma lavora full time, molte persone sono costrette a prelevare la loro 13/14° per restituirla al datore di lavoro, e l'elenco continua...


Ovviamente, mi rendo conto che le aziende pagano su ogni lavoratore tantissime tasse, ma il lavoratore non può pagare sulla propria pelle queste spese... Mutuo ("quando sei tanto fortunato da poterlo avere"), affitto, figli ricadono anche sui dipendenti, non solo sui manager! L'italia, in questo momento storico, è un cane che si morde la coda!

 12/07/2013 11:27:35
Giovanni

Giovanni28666

Aziendalista

semplice @Bolzano: cambiando questo paese. Spendendo meglio, spendendo meno, assumendosi, ognuno singolarmente, la responsabilità di pagare il dovuto senza furbate, rinunciando a privilegi non più sostenibili. Ogni altra via è solo chiasso. Mi viene sempre in mente il discorso lacrimevole che mi fece un giorno una persona che esprimeva la sua preoccupazione per il futuro dei suoi figli "in un paese che non offre prospettive" e esprimendo, nel contempo, la sua indignazione verso la classe politica artefice di questo disastro. Peccato che quella stessa persona avesse ottenuto di andare in pensione a 40 anni (si, 40 anni! le famoe pensioni baby) con 18 anni di contributi versati. Ed è stato difficile, direi che non ci sono proprio riuscito, far capire che sono state queste diffuse sacche di privilegio che alla lunga hanno portato allo stato in cui oggi siamo. Non so: sento tanti che si lamentano e si indignano. Nell'immaginario collettivo si è arrivati ad attribuire la responsabilità al governo Monti, pensa un po'! Ma non ho ancora trovato nessuno che ammetta di prendere dal sistema più di quanto sia lecito ottenere e, soprattutto, che se si vuole costruire un paese migliore per tutti ognuno deve anche dare e non solo pretendere.

 12/07/2013 12:47:25
gavinice

gavinice4077

Infermiera

Mah intanto iniziando a pagare le tasse, senza cercare scorciatoie e mezzucci,e facendole pagare a tutti, anche se magari ci sembra di guadagnarci. Scoraggiando il lavoro in nero e non accettando di farlo nè di assumerlo.
Chiedendo solo quello che veramente ci spetta o di cui abbiamo bisogno, senza pretendere trattamenti speciali dovuti a chissà quali meriti, se non li abbiamo. Non facendo i furbetti a scapito degli altri.
Insomma aprendoci la testa e mettendoci un cervello nuovo, perchè aimè siamo mentalmente preddisposti per fare ( e lo facciamo) tutto ciò che ci può tornare utile, senza pensare che lo stato " non caga soldi" come faceva la gallina dalle uova d'oro ( e guai se lo facesse...!!!) e che quindi ogni cosa che si prende da qualche parte va a pescare....

Abbiamo preso per decenni e dato il meno possibile. Ed ecco il risultato.

Per quanto riguarda la disoccupazione, ad esempio iniziando ad incentivare l'apprendistato e e la formazione professionale e mollando le università che sono diventate un parcheggio...
Non c'è bisogno di tutti questi laureati ma di gente che si voglia sporcare le mani. Ma anche questo in molti casi non ci piace.

 12/07/2013 13:35:33 (modificato)
Giovanni

Giovanni28666

Aziendalista

quoto @gavinice

 12/07/2013 14:09:56

Il debito pubblico non credo sia risolvibile, cerca su internet SIGNORAGGIO viene spiegato perchè i soldi che abbiamo sono un debito incolmabile. Per la disoccupazine direi che il modo migliore è abbassare le tasse alle aziende in modo che possano tornare ad assumere le persone!

 16/07/2013 16:35:50

Attualmente ogni famiglia paga circa 4000 euro solo d'interessi sul debito pubblico, voluto dai Signori che invenstono in titoli e sono i primi che hanno interesse ad aumentare ogni anno il debito stesso, evadendo il fisco. Quindi basta privacy e cacchiate varie, controllare filo per segno il flusso di reddito delle aziende e ogni minimo movimento, dalle grandi multinazionali alle piccole imprese. Da qui abbassare il tasso d'interesse sui titoli (che paghiamo noi con le nostre tasse) e avviato il processo d'investimento delle imprese e aumenterà l'occupazione. Le tasse le dobbiamo pagare, ma non solo le famiglie! E lo dico io che sono uno che ha una mentalità aziendalista! Ormai nel mondo aziendale esiste una sorta di cannibalismo! Chi ne paga le conseguenze sono gli onesti che si trovano a pagare tasse a fine anno, anche di quelli che non lo fanno!

 13/08/2013 15:54:16

QUAG SI IMPEGNA A PROTEGGERE LA TUA PRIVACY

Cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Accettando questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.
Vedi il documento in dettaglio »


La presente informativa descrive “che cosa sono i cookie” e quali sono i tipi di cookie utilizzati da Quag nel proprio sito Web.

Che cosa sono i cookie?

Un “cookie” è un file di testo che i siti Web inviano al computer o a un altro dispositivo connesso a Internet del visitatore, per identificare univocamente il browser del visitatore stesso o per salvare informazioni o impostazioni nel browser.

Quag utilizza i cookie nel proprio sito Web?

Quag utilizza i cookie per migliorare il proprio sito Web, per fornire servizi e funzionalità agli utenti, per proporre contenuti e pubblicità in linea con gli interessi del singolo utente. È possibile limitare o disattivare l’utilizzo dei cookie tramite il proprio browser Web, tuttavia, in questo caso, alcune funzionalità del nostro sito potrebbero diventare inaccessibili.

Quali sono tipi di cookie utilizzati da Quag?

Cookie essenziali
Questi cookie sono essenziali per consentire all’utente di navigare nel Sito e utilizzare tutte le sue funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornire alcuni servizi o funzioni e la navigazione sul Sito non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere.

Cookie funzionali
Questi cookie consentono al sito Web di ricordare le scelte effettuate dall’utente al fine di ottimizzare le funzionalità. Ad esempio, i cookie funzionali consentono al sito Web di ricordare le impostazioni specifiche di un utente.

Cookie analitici
Questi cookie consentono di raccogliere dati sull’utilizzo del sito Web da parte dell’utente, compresi gli elementi su cui si fa clic durante la navigazione, al fine di migliorare le prestazioni e il design del sito stesso, ci aiutano inoltre a comprendere ogni difficoltà che l’utente può incontrare nell’utilizzo del Sito. I cookie in questione sono utilizzati esclusivamente per le finalità correlate alla gestione del nostro sito Web.

Cookie di profilazione
I cookie di profilazione vengono utilizzati per analizzare gli interessi e le abitudini di navigazione dei singoli utenti, per personalizzarne la navigazione, per proporre contenuti, anche pubblicitari, in linea con gli interessi dell’utente.

Cookie di terze parti
I cookie di terze parti possono essere sia tecnici che non tecnici, e vengono utilizzati per migliorare l’esperienza di utilizzo del sito da parte dell’utente, per proporre contenuti in linea con gli interessi dell’utente, per pubblicità di potenziale interesse per il singolo utente. I cookie possono essere erogati direttamente dal gestore del sito sul quale si sta navigando (cookie di prima parte) o, nel caso il sito si appoggi a servizi esterni per particolari funzioni, da terzi (cookie di terze parti).
Quag utilizza cookie sia tecnici che non tecnici, anche di terze parti, al fine di migliorare l’esperienza di utilizzo da parte dell’utente, ad esempio secondo il browser utilizzato, selezionando la tipologia dei contenuti visualizzati, proponendo pubblicità in linea con gli interessi per il singolo utente.
Se ti trovi sul sito Quag e visualizzi il banner informativo dell’esistenza dei cookie, accettandolo acconsenti all’utilizzo dei cookie descritti nella presente informativa e implementati nelle pagine del sito Quag.

Come si disattivano o si rimuovono i cookie?

E’ possibile disabilitare le funzioni dei cookie direttamente dal browser che si sta utilizzando, secondo le istruzioni fornite dai produttori.
La maggior parte dei browser permette di impostare regole per gestire i cookie e offre così agli utenti la possibilità di un controllo della privacy, negare la possibilità di ricezione dei cookie, modificare le scelte fatte. Di seguito sono riportate le indicazioni per la gestione dei cookie tramite le impostazioni dei principali browser, facendo ctrl+click sul nome del browser si verrà mandati alla pagina con le relative istruzioni:

Cookie di terze parti utilizzati da Quag
Durante la navigazione su Quag possono essere rilasciati cookie tecnici e non gestiti da terze parti, per finalità tecniche, statistica, per l’erogazione di pubblicità. Questi cookie sono gestiti esclusivamente da terze parti. Si riportano qui di seguito le terze parti coinvolte, i link ai loro siti e alle loro politiche di gestione dei cookie, con indicazione delle relative finalità.

Google Analytics - Cookie statistici
Cookies policy di Google

Google AdSense e DoubleClick (Google Inc.) - Cookie di profilazione
Cookies Policy in Advertising - OptOut

Newrelic e nr-data.net – cookie tecnici
Privacy Policy Newrelic

Facebook - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Facebook

Twitter - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Twitter

Linkedin - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Linkedin

embed.ly - Cookie tecnici
Privacy Policy di Embed

Per ulteriori informazioni sulla pubblicità comportamentale e per sapere come attivare o disattivare singolarmente i cookie e avere indicazioni sui software di gestione dei cookie, è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.youronlinechoices.com/it/

Per sapere come attivare o disattivare la profilazione pubblicitaria sulle applicazioni mobile è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.aboutads.info/appchoices

Ulteriori informazioni sul trattamento dei dati personali degli utenti da parte di Quentral possono essere consultate nella Informativa Privacy.


Questo sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.


Loader