Un ulteriore commento, se mi permettete:

Parlo da "appena entrato nel mondo della fotografia", ma una cosa che ho notato e si vede specialmente nelle foto in bianco e nero (anche dei più blasonati fotografi) la foto, le tinte ,la luminosità è diventato tutto più scuro. Nell'esempio proposto da @RuthMiriamCarmeli ,  la foto di James Dean, viene "sbiadita" passatemi la parola, rispetto all'originale, più scuro. Se invece vediamo quelle proposte dai moderni fotografi, e' esattamente il contrario. Sono più scure, sicuramente più nette con piu' contrasto ma anche meno aderenti alla realtà. certi "neri" sono troppo neri, quasi non esistono. A me sembra più una moda! Ci sarà il momento in cui il bianco non dovra' essere piu' così bianco ma un pò grigio e allora tutti con queste nuove impostazioni standard da settare su photoshop!

 24/04/2015 07:51:01
1minuto

1minuto476

informatico

Gincum, aumentando i contrasti diminuiscono i dettagli, si usa per dare un effetto piu pittorico alle foto.  Spesso i dettagli fini sono inutili e si tende a semplificare tramite questa tecnica.

Il nero stessa cosa aiuta a delineare volumi. Gincun ma il tuo sito di cosa parla? Non l'ho capito :D

 24/04/2015 10:10:58
in risposta a ↑

1minuto, Accidenti, quale sito? io avevo solo sperimentato questo:

https://gincum.wordpress.com/ oltretutto google non me lo trovava perchè l'indicizzazione non era andata a buon fine, ora invece me lo trova!!!!


 24/04/2015 10:16:42
1minuto

1minuto476

informatico

in risposta a ↑

Gincum, ma hai il dominio usa quello no???

Anche io sono wordpress   per l'indicizzazione ci vuole un po di tempo

 24/04/2015 10:32:43
in risposta a ↑

1minuto, Intanto grazie per la notizia (era un pò che non lo aggiornavo)! Era un esperimento per vedere in cosa consisteva wordpress.

Però mi divertivo a scrivere, più che altro qualche novità tecnologica, tirata fuori da personaggi di cui non si sa niente ma che hanno aiutato moltissimo (uno per tutti, l'architetto che ha creato il driver per le stampanti 3D). Era più una raccolta di notizie magari in alcuni casi non proprio allegre dove la tecnologia ha portato a problemi...

 24/04/2015 10:38:34
stefanofabris82

stefanofabris82606

Stampatore (tipografo)

Gincum, non sono d'accordo... chi fa bianco e nero sa che per ottenere risultati soddisfacenti non è sufficiente sfruttare qualche predefinito o qualche azione scaricata per photoshop. Per quanto riguarda la tua considerazione sulla scurezza innaturale delle foto, ti faccio notare che ormai la quasi totalità delle immagini viene prodotta solo ed esclusivamente per la visualizzazione a monitor e questo ha certamente un peso in merito. 

 24/04/2015 11:46:49
in risposta a ↑

stefanofabris82, Però anche cambiando monitor (e quindi computer) quello che noto e' che le foto negli anni si sono "scurite" (secondo quanto dici, se stampate sono scure, sul monitor le dovrei vedere non scure e non e' così)! All'epoca della pellicola le manipolazioni c'erano anche se più "real time": si usavano filtri sugli obiettivi (anti UV, polarizzati ecc) ed e' in camera oscura che si faceva post-produzione (diciamo), ma le foto erano più chiare (anche a colori); vuoi per la tecnologia delle lenti (trattamento a cui era sottoposta la lente, non lo so invento) vuoi per la tecnologia della pellicola (grana, iso ecc). Se dovessi definire la fotografia di oggi (quella in bianco e nero per semplicità) rispetto al passato, è "brunita". 

 24/04/2015 12:24:13
stefanofabris82

stefanofabris82606

Stampatore (tipografo)

in risposta a ↑

Gincum, beh filtri uv, polarizzatori, nd o altro si usano ancora moltissimo e non credo comunque centri molto.

Sulla questione monitor io intendevo che rispetto alla carta stampata a monitor si dispone di una gamma di colori e contrasto più ampia quindi ci si può permettere di giocare su neri e ombre senza perdere i dettagli. Uso una mia vecchia foto per spiegarmi meglio: come la trovi a monitor? A me non dispiace pur essendo molto scura, avrei potuto salvare dettagli come l'orecchio della bambina aprendo le ombre in camera raw, ma ho preferito perderle nel nero intenso e giocare sul baffo di luce sul suo viso, che illumina il gesto, cioè il bacio alla bambolina. Se io però mando questo file in stampa, chi se ne occupa o è un professionista e rimaneggia il file a dovere, o il rischio è quello del pataccone nero.


 24/04/2015 13:37:14
in risposta a ↑

stefanofabris82, Innanzitutto bella la foto! Questo però è un effetto voluto: lasciare tutto in scuro per evidenziare solo alcuni tratti /particolari. A me è successo al contrario, ho eccezionalmente sovraesposto (ma nel mio caso era una dimenticanza) e togliendo luminosità (se fosse stata la pellicola avrei bruciato il fotogramma in quanto era completamente bianca con qualche accenno di qualcosa...) ho trovato una foto particolare! Quello che volevo dire è che mi sembra che la gamma dei chiari scuri è cambiata per tutti verso lo scuro. E' come a dire che se dovessi fare un analisi spettrale di una foto degli anni 80/90 (e ovviamente antecedenti) e di una di oggi, la dinamica sembra si sia spostata verso il grigio scuro anzichè rimanere nei paraggi del grigio chiaro! Difficile da spiegare ma guardando anche le immagini su google ho questa sensazione!Tutto qua! Io poi non lo faccio di mestiere ma è solo un hobby e come tale rimane, anche se mi piace capire...guardare, anzi prima guardare e poi capire!   

 24/04/2015 14:01:51

Eh dipende da come è venuta la foto e soprattutto da cosa vuoi mettere in evidenza. Io adoro modificare, sia a colori che in bianco nero, perché il nero sia sempre più nero oppure il bianco sempre più bianco. Le tecniche sono tantissime e tutte da sperimentare 

 24/05/2019 05:56:18
panter

panter3531

cercatore di emozioni

Anch'io ho inizio da poco a ritoccate le foto, non ci trovo nulla di male dare più anima alle foto, anche perché non è facile fare foto in condizioni perfette

 26/05/2019 10:33:38
Michelle-Doc

Michelle-Doc96426

La dolcezza ottiene più della violenza

Le modifico con le luci,che nascondono qualche piccola impercettibile rughetta. 

Oppure un po' di trucco in più, solitamente non mi trucco molto. 

 04/06/2019 09:49:08

QUAG SI IMPEGNA A PROTEGGERE LA TUA PRIVACY

Cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Accettando questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.
Vedi il documento in dettaglio »


La presente informativa descrive “che cosa sono i cookie” e quali sono i tipi di cookie utilizzati da Quag nel proprio sito Web.

Che cosa sono i cookie?

Un “cookie” è un file di testo che i siti Web inviano al computer o a un altro dispositivo connesso a Internet del visitatore, per identificare univocamente il browser del visitatore stesso o per salvare informazioni o impostazioni nel browser.

Quag utilizza i cookie nel proprio sito Web?

Quag utilizza i cookie per migliorare il proprio sito Web, per fornire servizi e funzionalità agli utenti, per proporre contenuti e pubblicità in linea con gli interessi del singolo utente. È possibile limitare o disattivare l’utilizzo dei cookie tramite il proprio browser Web, tuttavia, in questo caso, alcune funzionalità del nostro sito potrebbero diventare inaccessibili.

Quali sono tipi di cookie utilizzati da Quag?

Cookie essenziali
Questi cookie sono essenziali per consentire all’utente di navigare nel Sito e utilizzare tutte le sue funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornire alcuni servizi o funzioni e la navigazione sul Sito non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere.

Cookie funzionali
Questi cookie consentono al sito Web di ricordare le scelte effettuate dall’utente al fine di ottimizzare le funzionalità. Ad esempio, i cookie funzionali consentono al sito Web di ricordare le impostazioni specifiche di un utente.

Cookie analitici
Questi cookie consentono di raccogliere dati sull’utilizzo del sito Web da parte dell’utente, compresi gli elementi su cui si fa clic durante la navigazione, al fine di migliorare le prestazioni e il design del sito stesso, ci aiutano inoltre a comprendere ogni difficoltà che l’utente può incontrare nell’utilizzo del Sito. I cookie in questione sono utilizzati esclusivamente per le finalità correlate alla gestione del nostro sito Web.

Cookie di profilazione
I cookie di profilazione vengono utilizzati per analizzare gli interessi e le abitudini di navigazione dei singoli utenti, per personalizzarne la navigazione, per proporre contenuti, anche pubblicitari, in linea con gli interessi dell’utente.

Cookie di terze parti
I cookie di terze parti possono essere sia tecnici che non tecnici, e vengono utilizzati per migliorare l’esperienza di utilizzo del sito da parte dell’utente, per proporre contenuti in linea con gli interessi dell’utente, per pubblicità di potenziale interesse per il singolo utente. I cookie possono essere erogati direttamente dal gestore del sito sul quale si sta navigando (cookie di prima parte) o, nel caso il sito si appoggi a servizi esterni per particolari funzioni, da terzi (cookie di terze parti).
Quag utilizza cookie sia tecnici che non tecnici, anche di terze parti, al fine di migliorare l’esperienza di utilizzo da parte dell’utente, ad esempio secondo il browser utilizzato, selezionando la tipologia dei contenuti visualizzati, proponendo pubblicità in linea con gli interessi per il singolo utente.
Se ti trovi sul sito Quag e visualizzi il banner informativo dell’esistenza dei cookie, accettandolo acconsenti all’utilizzo dei cookie descritti nella presente informativa e implementati nelle pagine del sito Quag.

Come si disattivano o si rimuovono i cookie?

E’ possibile disabilitare le funzioni dei cookie direttamente dal browser che si sta utilizzando, secondo le istruzioni fornite dai produttori.
La maggior parte dei browser permette di impostare regole per gestire i cookie e offre così agli utenti la possibilità di un controllo della privacy, negare la possibilità di ricezione dei cookie, modificare le scelte fatte. Di seguito sono riportate le indicazioni per la gestione dei cookie tramite le impostazioni dei principali browser, facendo ctrl+click sul nome del browser si verrà mandati alla pagina con le relative istruzioni:

Cookie di terze parti utilizzati da Quag
Durante la navigazione su Quag possono essere rilasciati cookie tecnici e non gestiti da terze parti, per finalità tecniche, statistica, per l’erogazione di pubblicità. Questi cookie sono gestiti esclusivamente da terze parti. Si riportano qui di seguito le terze parti coinvolte, i link ai loro siti e alle loro politiche di gestione dei cookie, con indicazione delle relative finalità.

Google Analytics - Cookie statistici
Cookies policy di Google

Google AdSense e DoubleClick (Google Inc.) - Cookie di profilazione
Cookies Policy in Advertising - OptOut

Newrelic e nr-data.net – cookie tecnici
Privacy Policy Newrelic

Facebook - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Facebook

Twitter - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Twitter

Linkedin - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Linkedin

embed.ly - Cookie tecnici
Privacy Policy di Embed

Per ulteriori informazioni sulla pubblicità comportamentale e per sapere come attivare o disattivare singolarmente i cookie e avere indicazioni sui software di gestione dei cookie, è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.youronlinechoices.com/it/

Per sapere come attivare o disattivare la profilazione pubblicitaria sulle applicazioni mobile è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.aboutads.info/appchoices

Ulteriori informazioni sul trattamento dei dati personali degli utenti da parte di Quentral possono essere consultate nella Informativa Privacy.


Questo sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.


Loader