donatella

donatella209423

ex traghettatrice di Quaggers

Quali sono le caratteristiche fondamentali per una start-up di successo?

Si parla tanto di start-up. Sono vari i settori in cui creativi, imprenditori, ricercatori, studenti si impegnano nella ricerca dell'idea vincente. Sta per partire in alcune università italiane il progetto pilota "Good Startups 101". Formerà studenti universitari in questo settore con workshops specifici, focalizzati sulle basi per ideare prodotti e servizi ad alto impatto sociale ed ambientale. Un punto di partenza per ispirare innovazione e crescita, in un campo dove la professionalità si può facilmente mischiare all'improvvisazione, con grossi sprechi di investimenti e risorse umane.

Quali sono gli elementi fondamentali per una start-up di successo e quali le ultime che considerate valide?

 05/07/2013 05:52:57 (modificato)
utente anonimo
Aggiungi il tuo commento
19 commenti
donato_basile

donato_basile614

dottore commercialista

Ogni start up dovrebbe utilizzare un approccio cosiddetto lean (approccio ancora poco utilizato in Italia)
Dovrebbe evolversi e svilupparsi in base ai feedback e ai riscontri degli utenti e via via modificarsi in base ad essi.
Ciao

 05/07/2013 09:45:46
donatella

donatella209423

ex traghettatrice di Quaggers

Premetto che non sono un'esperta di questo settore e la mia domanda mirava proprio ad acquisire conoscenze da utenti competenti. Mi scuso quindi per le probabili banalità che dirò. :-)

Ho letto un articolo: http://www.incubatorenapoliest.it/the-lean-startup-lapproccio-snello-spiegato-da-steve-blank/ Ridotto in termini molto semplici, si tratterebbe di sondare le esigenze del pubblico e poi proporre ciò che chiede? Quindi, non partire dalla voglia di proporre qualcosa di nuovo, ma basarsi su quanto il mercato richiede. Sembrerebbe la più logica delle attitudini. Qual'è la differenza con quanto avviene adesso e come mai questo approccio è poco utilizzato in Italia?

 06/07/2013 12:44:13 (modificato)
donato_basile

donato_basile614

dottore commercialista

Forse non ho chiarito bene, quindi provo a spiegarmi meglio.........
DEVI proporre qualcosa di nuovo E' NECESSARIO ma devi testarla pian piano (si dice in beta per le tecnologie) con quelli che pensi possano essere gli utenti interessati e modellarla in base ai feedback che ti inviano
Questo metodo permette di investire poco per volta e di modificare strada facendo la tua idea conformandola a quelle che sono l'esigenze dei clienti potenziali.
Due vantaggi
- investi poco per volta
- quando il prodotto o l'idea è pronta lo vendi più facilmente perchè ne conosci le preferenze degli utenti
Il metodo è poco usato ma probabilmente perchè di solito arriviamo dopo :)

 08/07/2013 10:22:16
donatella

donatella209423

ex traghettatrice di Quaggers

Grazie per il chiarimento. Pare che in Italia siamo sempre qualche metro indietro rispetto alle novità. Quali sono le principali differenze tra il metodo appena illustrato e quanto avviene normalmente qui? In termini molto pratici, quali sono gli errori più comuni che si riconoscono oggi nelle startups? Mi scuso per tutte queste domande, ma sono interessata a capire. Grazie in anticipo per qualsiasi ulteriore precisazione. :-)

 08/07/2013 10:50:17
donato_basile

donato_basile614

dottore commercialista

Attualmente si procede, nel 90% dei casi, con la redazione di business plan che prevede degli obiettivi puramente economici e su quelli ci si basa per chiedere credito.
I tanti fallimenti delle start-up evidenziano tutte uno stesso problema: mancanza di pianificazione e strategia alla base dell'idea.
In pratica, l'azienda vive fino all'esaurimento dei finanziamenti ricevuti.
Con il metodo lean parti con poco denaro e se la tua idea non è buona per il mercato hai perso meno denaro che con il metodo tradizionale

 08/07/2013 11:05:22
donatella

donatella209423

ex traghettatrice di Quaggers

Dunque la politica dei piccoli passi e degli aggiustamenti ragionevoli. Esporsi a rischi minimi di modo che, andando avanti, la direzione del progetto possa essere cambiata senza grosse perdite. Lineare direi. Grazie davvero per la disponibilità. :-)

 08/07/2013 13:47:56
Anubi

Anubi54288

義, Gi 勇, Yu 仁, Jin 礼, Rei 誠, Makoto

Assolutamente d' accordo su tutto con @DonatoBasile.

 08/07/2013 13:51:55

donato_basile, l'ascolto dei feedback di utenti e clienti è quello che non viene mai preso in considerazione da chi cerca sviluppare ed innovare in Italia.

 03/01/2018 22:23:18
Giovanni

Giovanni28646

Aziendalista

ad un famoso imprenditore, resosi tale per via delle numerose start-up da lui consolidate con successo, fu posta la stessa domanda: "quali sono gli elementi di successo in una start-up?" E lui rispose così: "gli elementi determinanti sono 5: l'idea, l'uomo, l'uomo, l'uomo, l'uomo". Senza idea e senza imprenditore vero non si va da nessuna parte. Le ultime start-up di successo? Tifo per Quag

 08/07/2013 12:58:45
donatella

donatella209423

ex traghettatrice di Quaggers

Eh sì...... FORZA QUAG!!!

 08/07/2013 13:48:28
Giovanni

Giovanni28646

Aziendalista

a parte gli aneddoti: l'idea è importante, chi gestisce e guida l'intrapresa è altrettanto importante. conosco tanti esempi di idee non necessariamente innovative, non necessariamente originali, ma che sono state portate al successo da imprenditori di talento. Conosco anche esempi di start-up mandate allo sbaraglio per l'incompetenza di chi doveva decidere e guidare.

 08/07/2013 14:31:09
donatella

donatella209423

ex traghettatrice di Quaggers

Certamente l'idea di base è importantissima, ma concordo sul fatto che la buona o cattiva gestione del progetto abbia altrettanto peso nel raggiungimento del successo. E'un po' come una squadra di calcio che, pur avvalendosi di ottimi elementi singoli, non raggiunga il successo per mancanza di una guida valida e di una strategia condivisa. E' anche vero che il mercato riceve sollecitazioni di ogni genere tutti i giorni, quindi qual'è quel "non so che" che fa la differenza? La pubblicità, il marketing, i social networks, la scelta di un testimonial di grosso richiamo? Oppure alla lunga sono comunque la qualità, la professionalità e la serietà a rivelarsi armi vincenti?

 08/07/2013 14:54:51
Giovanni

Giovanni28646

Aziendalista

@donatella ti sei risposta da sola. Il Marketing, pur fondamentale in una certa fase, se mal gestito è inefficace a volte addirittura inutile. Conta sempre la qualità del processo decisionale e della gestione sul campo.

 08/07/2013 15:21:15

Giovanni, d'accordisssssssssssssssssimo

 03/01/2018 22:24:22
carolus

carolus2509

Archeologo

Semplificare, dimensioni medio-piccole, innovare (ossia proporre tecnologie già esistenti in maniera inedita e innovativa). Questa è la mia personale sintesi attuale delle diverse opinioni nel mondo startup italiano, da startupper nel settore umanistico.

 17/07/2013 20:59:58
Anna

Anna48685

Web Specialist

A mio parere le caratteristiche fondamentali, di pari importanza sono:


1- L'idea: deve rispondere ad un bisogno vero e bisogna essere capaci di metterla in discussione, di plasmarla in base ai feedback ricevuti dagli utenti, come diceva @donato basile;


2- L'imprenditore ed il team, quindi l'uomo, come diceva @Giovanni


Se una startup non ha un imprenditore che sa gestire l'impresa ed un team affiatato, non andrà molto lontano. Se dovessi scegliere tra fattore-uomo e fattore-idea, per la mia piccolissima esperienza, il fattore umano è più importante.

 16/12/2013 17:35:49
sciamano

sciamano161

work in progress

Anna, Sono molto in sintonia. Ma il binomio è inscindibile  come nelle corse, se moto o auto non vanno ,il pilota ci può mettere tutto il coraggio e la capacità ma il risultato non arriva.Quindi prima di tutto idea buona poi realizzazione appassionata e un pò di fortuna perchè le strade franate fermano anche i campioni.

 07/10/2015 20:56:50
Anna

Anna48685

Web Specialist

in risposta a ↑

sciamano, sono tutti ingredienti fondamentali per una start-up, fortuna compresa!

 08/10/2015 07:58:16
SiamoSoci

SiamoSoci254

Dove le startup trovano le risorse per crescere

Ciao Donatella, 

rispondiamo alla tua domanda sperando di dare un contributo utile perché è senza tempo e interessante! 


Secondo noi per rispondere alla tua domanda... Bisogna porsi altre domande :) 

Cos'è una startup di successo? E' una startup che viene venduta a un colosso, facendo una buona exit (come WhatsApp, o l'italiana Gopago?) E' una business idea che diventa un'impresa, riesce a fatturare, sostiene i suoi dipendenti?


In entrambi i casi, a contare maggiormente spesso sono: 


a) Il team (e anche qui c'è molto da discutere, qui un articolo se ti interessa il tema)

b) il bisogno a cui risponde la startup: il mondo è "pieno" di bisogni, creare una startup che corrisponde a un bisogno che non c'è è più rischioso che partire da necessità esistenti. Per questo nel mondo delle startup si tende a valorizzare molto le idee che partono "dal basso"

c) il modo in cui l'idea viene realizzata. Amiamo ripetere questa cosa :), ma quanti social network c'erano quando è nato Facebook? O motori di ricerca quando è nato Google? Non pochi, anzi: eppure nessun altro è Google o Facebook. 


Speriamo di esserti stati utili! 

 23/04/2014 10:44:23
donatella

donatella209423

ex traghettatrice di Quaggers

Grazie mille @SiamoSoci per le informazioni preziose. Io non sono esperta del settore, ma mi incuriosiscono le novità e mi piace capire, almeno in parte, dunque mi fa molto piacere che la vostra risposta sia così chiara.


Ho letto il vostro articolo e anche lì ho trovato indicazioni comprensibili e molto utili. Mi piace molto la sezione in cui dite che "l'errore più comune in cui si potrebbe cadere è credere che un team di serie A sia formato dai migliori candidati possibili per quel ruolo: non sempre è così". Credo che questo concetto si applichi a qualsiasi attività lavorativa, nel senso che spesso avere una professionalità già formata, porta ad avere una struttura mentale che, per quanto altamente qualificata, potrebbe non essere adatta all'attività che si vuole iniziare. Proprio per quanto dite in riferimento a Google o Facebook, l'approccio a un progetto innovativo potrebbe essere più facile creando un team di persone non troppo strutturate a livello di attività lavorativa, di modo che possano invece formarsi all'interno del progetto e ruotarvi intorno.Non so se sono stata chiara, diciamo che avvicinarsi a una startup con la convinzione di averne già compreso i meccanismi, forse può essere controproducente, se si tratta di qualcosa che non ha paragoni sul mercato.


Grazie ancora per il vostro intervento, che mi ha fatto capire qualcosa in più.


 23/04/2014 12:04:57
SiamoSoci

SiamoSoci254

Dove le startup trovano le risorse per crescere

donatella, 

figurati, siamo sempre disponibili per confrontarci su questi argomenti! 

Tra l'altro, a proposito della tua osservazione sulla professionalità, che rischia di non essere adatta all'attività da intraprendere, abbiamo visto che c'è un'altra discussione interessante su Quag in merito alle caratteristiche che Google cerca nei suoi dipendenti. Secondo noi sono molto interessanti e, guarda caso :), sono affini a quel che le startup - a nostro parere - cercano nei compontenti per il proprio team. 

 23/04/2014 12:14:22

QUAG SI IMPEGNA A PROTEGGERE LA TUA PRIVACY

Cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Accettando questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.
Vedi il documento in dettaglio »


La presente informativa descrive “che cosa sono i cookie” e quali sono i tipi di cookie utilizzati da Quag nel proprio sito Web.

Che cosa sono i cookie?

Un “cookie” è un file di testo che i siti Web inviano al computer o a un altro dispositivo connesso a Internet del visitatore, per identificare univocamente il browser del visitatore stesso o per salvare informazioni o impostazioni nel browser.

Quag utilizza i cookie nel proprio sito Web?

Quag utilizza i cookie per migliorare il proprio sito Web, per fornire servizi e funzionalità agli utenti, per proporre contenuti e pubblicità in linea con gli interessi del singolo utente. È possibile limitare o disattivare l’utilizzo dei cookie tramite il proprio browser Web, tuttavia, in questo caso, alcune funzionalità del nostro sito potrebbero diventare inaccessibili.

Quali sono tipi di cookie utilizzati da Quag?

Cookie essenziali
Questi cookie sono essenziali per consentire all’utente di navigare nel Sito e utilizzare tutte le sue funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornire alcuni servizi o funzioni e la navigazione sul Sito non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere.

Cookie funzionali
Questi cookie consentono al sito Web di ricordare le scelte effettuate dall’utente al fine di ottimizzare le funzionalità. Ad esempio, i cookie funzionali consentono al sito Web di ricordare le impostazioni specifiche di un utente.

Cookie analitici
Questi cookie consentono di raccogliere dati sull’utilizzo del sito Web da parte dell’utente, compresi gli elementi su cui si fa clic durante la navigazione, al fine di migliorare le prestazioni e il design del sito stesso, ci aiutano inoltre a comprendere ogni difficoltà che l’utente può incontrare nell’utilizzo del Sito. I cookie in questione sono utilizzati esclusivamente per le finalità correlate alla gestione del nostro sito Web.

Cookie di profilazione
I cookie di profilazione vengono utilizzati per analizzare gli interessi e le abitudini di navigazione dei singoli utenti, per personalizzarne la navigazione, per proporre contenuti, anche pubblicitari, in linea con gli interessi dell’utente.

Cookie di terze parti
I cookie di terze parti possono essere sia tecnici che non tecnici, e vengono utilizzati per migliorare l’esperienza di utilizzo del sito da parte dell’utente, per proporre contenuti in linea con gli interessi dell’utente, per pubblicità di potenziale interesse per il singolo utente. I cookie possono essere erogati direttamente dal gestore del sito sul quale si sta navigando (cookie di prima parte) o, nel caso il sito si appoggi a servizi esterni per particolari funzioni, da terzi (cookie di terze parti).
Quag utilizza cookie sia tecnici che non tecnici, anche di terze parti, al fine di migliorare l’esperienza di utilizzo da parte dell’utente, ad esempio secondo il browser utilizzato, selezionando la tipologia dei contenuti visualizzati, proponendo pubblicità in linea con gli interessi per il singolo utente.
Se ti trovi sul sito Quag e visualizzi il banner informativo dell’esistenza dei cookie, accettandolo acconsenti all’utilizzo dei cookie descritti nella presente informativa e implementati nelle pagine del sito Quag.

Come si disattivano o si rimuovono i cookie?

E’ possibile disabilitare le funzioni dei cookie direttamente dal browser che si sta utilizzando, secondo le istruzioni fornite dai produttori.
La maggior parte dei browser permette di impostare regole per gestire i cookie e offre così agli utenti la possibilità di un controllo della privacy, negare la possibilità di ricezione dei cookie, modificare le scelte fatte. Di seguito sono riportate le indicazioni per la gestione dei cookie tramite le impostazioni dei principali browser, facendo ctrl+click sul nome del browser si verrà mandati alla pagina con le relative istruzioni:

Cookie di terze parti utilizzati da Quag
Durante la navigazione su Quag possono essere rilasciati cookie tecnici e non gestiti da terze parti, per finalità tecniche, statistica, per l’erogazione di pubblicità. Questi cookie sono gestiti esclusivamente da terze parti. Si riportano qui di seguito le terze parti coinvolte, i link ai loro siti e alle loro politiche di gestione dei cookie, con indicazione delle relative finalità.

Google Analytics - Cookie statistici
Cookies policy di Google

Google AdSense e DoubleClick (Google Inc.) - Cookie di profilazione
Cookies Policy in Advertising - OptOut

Newrelic e nr-data.net – cookie tecnici
Privacy Policy Newrelic

Facebook - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Facebook

Twitter - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Twitter

Linkedin - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Linkedin

embed.ly - Cookie tecnici
Privacy Policy di Embed

Per ulteriori informazioni sulla pubblicità comportamentale e per sapere come attivare o disattivare singolarmente i cookie e avere indicazioni sui software di gestione dei cookie, è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.youronlinechoices.com/it/

Per sapere come attivare o disattivare la profilazione pubblicitaria sulle applicazioni mobile è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.aboutads.info/appchoices

Ulteriori informazioni sul trattamento dei dati personali degli utenti da parte di Quentral possono essere consultate nella Informativa Privacy.


Questo sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.


Loader