Su invito di @donatella  riporto 'incipit  di "Uno nessuno e centomila" di Luigi Pirandello

– Che fai? – mia moglie mi domandò, vedendomi in solitamente indugiare davanti allo specchio.– Niente, – le risposi, – mi guardo qua, dentro il naso, in questa narice. Premendo, avverto un certo dolorino. Mia moglie sorrise e disse:– Credevo ti guardassi da che parte ti pende. Mi voltai come un cane a cui qualcuno avesse pestato la coda:– Mi pende? A me? Il naso? E mia moglie, placidamente:– Ma sí, caro. Guàrdatelo bene: ti pende verso destra. Avevo ventotto anni e sempre fin allora ritenuto il mio naso, se non proprio bello, almeno molto decente, come insieme tutte le altre parti della mia persona. Per cui m’era stato facile ammettere e sostenere quel che di solito ammettono e sostengono tutti coloro che non han no avuto la sciagura di sortire un corpo deforme: che cioè sia da sciocchi invanire per le proprie fattezze. La scoperta improvvisa e inattesa di quel difetto perciò mi stizzí come un immeritato castigo.

E nomino 

@Tzuin 

@Ippolita 

@Shiver 

@Antares_5 

@ffede 

 22/10/2018 08:02:03 (modificato)
donatella

donatella210653

ex traghettatrice di Quaggers

Bambina_nel_tempo, bellissimo incipit, molto significativo. Grazie per averlo condiviso e per aver accettato l'invito.   

 24/10/2018 08:04:51
in risposta a ↑

donatella, si mi piace molto e mi ci ritrovo molto e grazie a te   

 24/10/2018 08:07:01
rhapsody_in_blue

rhapsody_in_blue2281

Alice nel paese delle meraviglie

"Poiché l'illustrissimo signor Trelawney, il dottor Liversey e gli altri gentiluomini mi hanno chiesto di redigere la storia dell'Isola del Tesoro, con ogni dettaglio e dal principio alla fine, senza omettere nulla fuorché le coordinate dell'isola, perché una parte del tesoro è ancora là, prendo la penna nell'anno di grazia 17.. e torno indietro ai giorni in cui mio padre gestiva la locanda <<Ammiraglio Benbow>> e quel vecchio lupo di mare con la faccia abbronzata e sfregiata da una sciabola prese alloggio sotto il nostro tetto."

(L'Isola del Tesoro, Robert Louis Stevenson)


Infine, nomino cinque quagger:


@donatella, per il post, che trovo eccezionale,


@robertoazzara9, 


@Harry_Vanderpost, 


@Bambina_nel_tempo ,


@steste



 04/11/2019 18:36:15
donatella

donatella210653

ex traghettatrice di Quaggers

rhapsody_in_blue, grazie, mi fa piacere che lo apprezzi e grazie anche per la menzione. Cercherò un nuovo incipit da condividere.


Il libro che citi è meraviglioso, da bambina lo adoravo. Era uno dei miei preferiti. A dire il vero mi piace anche adesso.   

 13/11/2019 17:38:31

"Ogni persona sana di mente sa che cosa significa avere dei dubbi. Fa parte dell’essere umano sentirsi insicuri in determinate situazioni, non sapere precisamente che cosa sarebbe meglio fare o entrare in conflitto con i propri sentimenti e desideri. I dubbi sono anche un arricchimento e uno stimolo per migliorare la nostra esistenza. Senza questi la nostra vita è condannata all’immobilità. Perché quindi un libro per imparare a rapportarci serenamente con le nostre incertezze? Perché l’insicurezza può diventare così forte da influenzare negativamente il nostro agire e le nostre percezioni. Può ostacolare la nostra crescita, bloccandoci in una condizione di bisogno emotivo. Ogni impulso viene frenato dalla domanda: sono in grado di fare questa cosa? Mi è permesso farla? È giusto farla? I dubbi su noi stessi indeboliscono la nostra autostima e minano la fiducia in noi e negli altri. La fiducia è invece una base importante per riuscire nella vita, per superare e al limite impedire che nascano sentimenti di paura e insicurezza. Avere fiducia in se stessi significa trovare dentro di sé la sicurezza e stimarsi come persona, per come si è. Questa capacità è fortemente legata alla nostra autostima: quanto più questa è alta, tanto più avremo fiducia in noi stessi e tanto più saremo in grado di rapportarci serenamente con i nostri dubbi." 

Da "Pronto soccorso per insicuri cronici" di Bärbel Wardetzki

Nomino 

@Ghiandaiaimitatrice 

@Tzuin 

@Ippolita 

@ffede 

@FrancescoFrank 

 04/11/2019 19:46:00
Ippolita

Ippolita83566

Silenziosa, Malinconica, Introversa, Empatica

Bambina_nel_tempo,   

 04/11/2019 21:25:56
Ippolita

Ippolita83566

Silenziosa, Malinconica, Introversa, Empatica

Bambina_nel_tempo, camera vista monti per me in clinica xD!!! 

 04/11/2019 21:32:56
in risposta a ↑

Ippolita, non ho capito xD

 04/11/2019 21:35:52
Ippolita

Ippolita83566

Silenziosa, Malinconica, Introversa, Empatica

in risposta a ↑

Bambina_nel_tempo, "Pronto soccorso per insicuri cronici" dopo i primi accertamenti al pronto soccorso si passa nei reparti   

 04/11/2019 21:38:00
in risposta a ↑

Ippolita, aaaa no ma la nomina era a parte dall'incipit ahah

 04/11/2019 21:39:18
Ippolita

Ippolita83566

Silenziosa, Malinconica, Introversa, Empatica

in risposta a ↑

Bambina_nel_tempo, tranquilla io oltre che insicura sono anche lenta a capire xD!!! 

 04/11/2019 21:43:27
in risposta a ↑

Ippolita, ahahah ma no

 04/11/2019 21:52:27
Ippolita

Ippolita83566

Silenziosa, Malinconica, Introversa, Empatica

in risposta a ↑

Bambina_nel_tempo, comunque mi è piaciuta molto come introduzione devo leggere quel libro   

 04/11/2019 21:59:00
in risposta a ↑

Ippolita, l'ho letto anni fa e devo riprenderlo anche io   Ho un buon ricordo diciamo a riguardo

 04/11/2019 22:00:17
Ippolita

Ippolita83566

Silenziosa, Malinconica, Introversa, Empatica

in risposta a ↑

Bambina_nel_tempo, mi ha incuriosita appena riesco a scendere in città vedo se lo trovo 

 04/11/2019 22:16:41
donatella

donatella210653

ex traghettatrice di Quaggers

Bambina_nel_tempo, le parole di questo incipit sono bellissime e molto vere. Ti ringrazio per averlo condiviso.

 13/11/2019 17:38:44

"Anche adesso che sono passati diciott’anni, riesco ancora a ricordare chiaramente quel prato e il paesaggio intorno. Le montagne, che una dolce pioggia interminabile aveva lavato dalla polvere di tutta un’estate, si erano ricoperte di un verde profondo e smagliante, il vento di ottobre faceva fremere qui e là le piume dei susuki e nuvole lunghe e sottili aderivano perfettamente alla sommità del cielo, azzurro e trasparente come una lastra di ghiaccio. Il cielo era cosí infinito che a guardarlo fisso dava le vertigini. Il vento attraversava il prato facendo ondeggiare leggermente i capelli di lei prima di perdersi nel bosco. Sulle cime degli alberi le foglie frusciavano e in lontananza si sentiva un cane abbaiare. Era un abbaiare cosí lontano e fioco che sembrava provenire dai confini di un altro mondo. Ma per il resto il silenzio era assoluto. Nessun altro suono arrivava alle nostre orecchie, e non incontrammo anima viva. Vedemmo solo due uccelli di un rosso fiammante alzarsi in volo come se qualcosa li avesse spaventati, e allontanarsi in direzione del bosco. Mentre camminavamo, Naoko mi raccontava del pozzo.

Strana cosa la memoria. Nel momento in cui mi trovavo realmente lí, non mi rendevo nemmeno conto del paesaggio. Non mi sembrava che avesse niente di particolare, e non immaginavo neanche lontanamente che diciott’anni dopo avrei potuto ricordarmelo fin nei minimi dettagli. A dire la verità, in quel periodo non avrebbe potuto importarmene meno del paesaggio. Pensavo solo a me stesso, alla ragazza cosí bella che camminava al mio fianco, alla nostra storia, e poi ancora a me. Era un’età in cui qualunque cosa io potessi vedere, sentire, pensare, mi tornava sempre nelle mani come un boomerang. Per giunta ero innamorato, e quell’amore mi aveva portato in una situazione terribilmente complicata. Non c’era nessuno spazio per accorgersi del paesaggio."


Tokyo Blues Norwegian Wood - Haruki Murakami

 04/11/2019 20:21:49
donatella

donatella210653

ex traghettatrice di Quaggers

slowdive8666, bello. Mi piace Murakami. Se ti interessa, su Quag ci sono diversi post dedicati a questo scrittore. Grazie per aver partecipato.   

 13/11/2019 17:38:18
donatella

donatella210653

ex traghettatrice di Quaggers

Rispondo all'invito di @rhapsody_in_blue e pubblico l'incipit del libro che ho iniziato a leggere qualche giorno fa. Si intitola "Io non spengo nessun motore" e l'autore è Pietro Marrone. Cito dal libro: pescatore, comandante di pescherecci e di navi cargo, oggi lavora come comandante per le navi della Ong Mediterranea Saving Humans adibite al salvataggio in mare. 


Scelgo questo incipit perché credo che sia molto importante capire da fonti dirette ciò che veramente avviene in mare durante i salvataggi delle persone in difficoltà.


Il mare adesso è calmo. Giusto qualche cresta agita ancora le onde a ricordare quello che è successo. Copre tutto, il mare: i corpi, le urla, anche le azioni e i pensieri. Non sono neanche passate ventiquattr'ore da quando ho fatto andare i motori, passando la linea di confine. Le linee, nel mare, non si vedono. Quando le attraversi però lo capisci, senti che ci sono. I confini no, quelli non esistono, sono tutti mentali. Non ci sono muri, nel mare, e chi li vuole vedere vuol dire che li ha in testa. Così, quando mi hanno detto «Vi ordiniamo di fermare le macchine», con cinquanta naufraghi a bordo e con onde alte tre metri, io ci ho pensato, certo, ma non troppo a lungo. Non c’erano, in realtà, alternative ad andare avanti. Se qualcuno ci vuole morti dovrà affondarci di persona, ho pensato, come facevano i pirati saraceni tanto tempo fa. Io non mi fermo. Manco se mi sparano, e non è che non mi sia mai successo. Che mi sparassero, dico.


Come richiesto dal post, nomino cinque Quaggers e li invito a condividere il loro incipit, se hanno voglia di farlo:

@qvotds (che mi odierà, ma lo cito lo stesso)

@Carol76 

@Michelle-Doc 

@PaoloVincenti 

@GaldinoMazzi 


 13/11/2019 17:54:24
Carol76

Carol766961

Curiosa e amante di novità

donatella, grazie per l'invito.

Pubblico l'incipit di "Il più e il meno " di Erri De Luca, che sto leggendo in questi giorni.

"Non si chiamava più maestro, ma professore. Lasciato il casermone delle elementari, portavamo ancora i pantaloni corti, marchio dell'infanzia. Qualcuno con quelli lunghi sembrava più adulto e più goffo.

I temi in classe, alle medie, avevano per titolo le materie di studio, controllavano il livello di apprendimento. Ci attenevamo a un italiano statale, rigido come un modulo.

Senza potermelo spiegare, mi disgustava. 

La lingua imbalsamata faceva parte di una sottomissione generale al potere adulto. Nell'intervallo tra le ore ci sfogavamo col dialetto, una via di fuga. Ci sciacquavamo la bocca col napoletano."

 13/11/2019 21:40:01
donatella

donatella210653

ex traghettatrice di Quaggers

in risposta a ↑

Carol76, grazie a te per aver partecipato con il tuo incipit. Apprezzo molto Erri de Luca, come uomo e come scrittore. Tempo fa ho anche aperto un post, prendendo spunto dalla sua poesia "Considero valore".

 14/11/2019 19:15:00

QUAG SI IMPEGNA A PROTEGGERE LA TUA PRIVACY

Cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Accettando questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.
Vedi il documento in dettaglio »


La presente informativa descrive “che cosa sono i cookie” e quali sono i tipi di cookie utilizzati da Quag nel proprio sito Web.

Che cosa sono i cookie?

Un “cookie” è un file di testo che i siti Web inviano al computer o a un altro dispositivo connesso a Internet del visitatore, per identificare univocamente il browser del visitatore stesso o per salvare informazioni o impostazioni nel browser.

Quag utilizza i cookie nel proprio sito Web?

Quag utilizza i cookie per migliorare il proprio sito Web, per fornire servizi e funzionalità agli utenti, per proporre contenuti e pubblicità in linea con gli interessi del singolo utente. È possibile limitare o disattivare l’utilizzo dei cookie tramite il proprio browser Web, tuttavia, in questo caso, alcune funzionalità del nostro sito potrebbero diventare inaccessibili.

Quali sono tipi di cookie utilizzati da Quag?

Cookie essenziali
Questi cookie sono essenziali per consentire all’utente di navigare nel Sito e utilizzare tutte le sue funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornire alcuni servizi o funzioni e la navigazione sul Sito non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere.

Cookie funzionali
Questi cookie consentono al sito Web di ricordare le scelte effettuate dall’utente al fine di ottimizzare le funzionalità. Ad esempio, i cookie funzionali consentono al sito Web di ricordare le impostazioni specifiche di un utente.

Cookie analitici
Questi cookie consentono di raccogliere dati sull’utilizzo del sito Web da parte dell’utente, compresi gli elementi su cui si fa clic durante la navigazione, al fine di migliorare le prestazioni e il design del sito stesso, ci aiutano inoltre a comprendere ogni difficoltà che l’utente può incontrare nell’utilizzo del Sito. I cookie in questione sono utilizzati esclusivamente per le finalità correlate alla gestione del nostro sito Web.

Cookie di profilazione
I cookie di profilazione vengono utilizzati per analizzare gli interessi e le abitudini di navigazione dei singoli utenti, per personalizzarne la navigazione, per proporre contenuti, anche pubblicitari, in linea con gli interessi dell’utente.

Cookie di terze parti
I cookie di terze parti possono essere sia tecnici che non tecnici, e vengono utilizzati per migliorare l’esperienza di utilizzo del sito da parte dell’utente, per proporre contenuti in linea con gli interessi dell’utente, per pubblicità di potenziale interesse per il singolo utente. I cookie possono essere erogati direttamente dal gestore del sito sul quale si sta navigando (cookie di prima parte) o, nel caso il sito si appoggi a servizi esterni per particolari funzioni, da terzi (cookie di terze parti).
Quag utilizza cookie sia tecnici che non tecnici, anche di terze parti, al fine di migliorare l’esperienza di utilizzo da parte dell’utente, ad esempio secondo il browser utilizzato, selezionando la tipologia dei contenuti visualizzati, proponendo pubblicità in linea con gli interessi per il singolo utente.
Se ti trovi sul sito Quag e visualizzi il banner informativo dell’esistenza dei cookie, accettandolo acconsenti all’utilizzo dei cookie descritti nella presente informativa e implementati nelle pagine del sito Quag.

Come si disattivano o si rimuovono i cookie?

E’ possibile disabilitare le funzioni dei cookie direttamente dal browser che si sta utilizzando, secondo le istruzioni fornite dai produttori.
La maggior parte dei browser permette di impostare regole per gestire i cookie e offre così agli utenti la possibilità di un controllo della privacy, negare la possibilità di ricezione dei cookie, modificare le scelte fatte. Di seguito sono riportate le indicazioni per la gestione dei cookie tramite le impostazioni dei principali browser, facendo ctrl+click sul nome del browser si verrà mandati alla pagina con le relative istruzioni:

Cookie di terze parti utilizzati da Quag
Durante la navigazione su Quag possono essere rilasciati cookie tecnici e non gestiti da terze parti, per finalità tecniche, statistica, per l’erogazione di pubblicità. Questi cookie sono gestiti esclusivamente da terze parti. Si riportano qui di seguito le terze parti coinvolte, i link ai loro siti e alle loro politiche di gestione dei cookie, con indicazione delle relative finalità.

Google Analytics - Cookie statistici
Cookies policy di Google

Google AdSense e DoubleClick (Google Inc.) - Cookie di profilazione
Cookies Policy in Advertising - OptOut

Newrelic e nr-data.net – cookie tecnici
Privacy Policy Newrelic

Facebook - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Facebook

Twitter - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Twitter

Linkedin - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Linkedin

embed.ly - Cookie tecnici
Privacy Policy di Embed

Per ulteriori informazioni sulla pubblicità comportamentale e per sapere come attivare o disattivare singolarmente i cookie e avere indicazioni sui software di gestione dei cookie, è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.youronlinechoices.com/it/

Per sapere come attivare o disattivare la profilazione pubblicitaria sulle applicazioni mobile è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.aboutads.info/appchoices

Ulteriori informazioni sul trattamento dei dati personali degli utenti da parte di Quentral possono essere consultate nella Informativa Privacy.


Questo sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.


Loader