utente anonimo
Aggiungi il tuo commento
6 commenti
Anna

Anna48820

Web Specialist

Ho un paio di amiche fermamente convinte che i vaccini siano il male del secolo, se penso a loro non credo che si farebbero facilmente convincere dalla notizia di nuove scoperte. Le ultime notizie sui vaccini purtroppo credo abbiano rafforzato convinzioni come le loro.
 10/12/2014 12:53:44
Kiko

Kiko2845

Aspirante surfer professionista

Mi permetto di evidenziare che in Italia più di una sentenza ha sancito la correlazione tra vaccino e autismo risarcendo le famiglie per il danno. Inoltre è comunque importante considerare che i potenziali effetti collaterali (anche gravi a danno del sistema cerebrale ) sono molti e ben documentati dalla letteratura scientifica.

In questo post, molto ben scritto e documentato, una serie di scandali in cui sono coinvolte le case produttrici di vaccini.

http://autismovaccini.org/2014/09/28/merck-chiamata-a-fornire-risposte-sul-vaccino-trivalente-morbillo-parotite-rosolia/?blogsub=confirming#blog_subscription-3

In un ultimo caso, le accuse riguardano l’occultamento dei dati che evidenziano un rischio maggiore di autismo nei ragazzi afro-americani, rispetto ad altra popolazione non esente da rischio, dopo che sono stati vaccinati con il vaccino MMR.

Consiglio in Italiano il libro di Francesco Serravalle: "Bambini supervaccinati", chiaro e semplice e scritto da un medico.

Qui: http://www.macrolibrarsi.it/libri/_bambini-super-vaccinati-il-leone-verde-libro.php

Qui una recente intervista fatta da Minoli ad esperti pro e contro (parla anche Serravalle ed un avvocato che ha avuto il figlio danneggiato).

[http://youtu.be/8t94_unmxGA]

Inoltre aggiungo una folta letteratura scientifica che potrebbe interessare chi vuole approfondire l'argomento:

1. Caffey, J. (1972), "On the theory and practice of shaking infants", Am. J. Dis. Child 124. agosto 1972. 2. Caffey, J. (1974), “The whiplash shaken infants syndrome: manual shaking by the extremities with whiplash-induced intracranial and intraocular bleeding, linked with residual permanent brain damage and mental retardation", Pediatrics 54(4):396-403. 3. Reece, R. M. (1993), "Fatal child abuse and sudden infant death syndrome", Pediatrics 91:423-429. 4. Duhaime, A. C., Alario, A. J., Lewander, W. J. et al. (1 992), "Head injury in very young children mechanisms, iniury types and opthaimologic finditigs in 10. hospitalized patients younger then two years of age", Pediatrics 90(2. 179-185 5. S. Levine, S. e Sowinski, R. (1973), "Hyperacute allergic encephalomyelitis", Am. J. Pathol. 73:247-260. 6. lwasa, A., Ishida, S., Akama, K. (1985), "Swelling of the brain caused by pertussis vaccine: its quantitative determination and the responsible factors in the vaccine", Japan J. Med. Sci. Biol. 38:53-65. 7. Munoz, J. J., Aral, H., Bergman, R. K. e Sadowski, P. (1981), "Biological activities of crystalline pertussigen from Bordetella pertussis", Infection and Immunity, settembre 1981. pp. 820-826. 8. Wilkins, J. (1988), "What is 'significant' and DTP reactions" (lettera), Pediatrics 81(6):912-913. 9. Devin, F., Roques, G., Disdier, P., Rodor, F. e Weiller, P. J. (1996), "Occlusion of central retinal vein after hepatitis B vaccination", Lancet 347:1626. 8 giugno 1996. 10. Goetting, M. G. e Sowa, B. (1990), "Retinal haemorrhage after cardiopulmonary resuscitation in children: an etiologic evaluation", Pediatrics 85(4):585-588. 11. Jacob, J. e Mannino, F. (1979), "Increased intracranial pressure after diphtheria, tetanus and pertussis immunization", Am. J. Dis. Childi 133:217-218. 12. Woerner, S. J., Abildgaard, C. F. e French, B. N. (1981), "Intracranial haemorrhage in children with idiopathic thrombocytopenic purpura", Pediatrics 67(4):453-460. 13. Cody, C, L., Baraff, L. J., Cherry, J. D., Marcy, S. C. e Manclark (1981), "Nature and rates of adverse reactions associated with DTP and DT immunizations in infants and children", Pediatrics 68(5):650-660. 14. Meadow, R. (1995), "What is and what is not 'Munchausen syndrome per proxy' ?", Arch, Dis. Child 72:534-538. 15. Yawata, Makoto (1994), "Japan's troubles with measles-mumps-rubella vaccine", Lancet 343:105-106. 8 gennaio 1994. 16. Higson, N. (1995), "Evaluating the measles immunisation campaign", British Medical Journal 311:62. 17. Wakefield, A. J, Murch, S. H., Anthony, A., Linnell, J. et al. (1998), "lleal-lymphoid-nodular hyperplasia, non-specific colitis and pervasive developmental disorder in children", Lancet 351:637-641. 2. febbraio 1998, 18. Ronne, T. (1985), "Measles virus infection without rash in childhood is related to disease in adult life", Lancet. 5 gennaio 1985. pp. 1-5. 19. West, R. O. (1996), "Epidemiologic studies of malignancies of the ovaries", Cancer, luglio 1966. pp. 1001-07. 20. Craighead, J. E. (1975), "Report of a workshop: disease accentuation after immunisation with inactivated microbial vaccines", J. Infect. Dis. 1312(6):749-754. Altra Bibliografia: 1. Beyer, W.E.P.; et. al. Influenza-epidemie in een verpleeghuis door een virus dat niet in het vaccin was opgenomen. Ned Tijdschr Geneeskd, 1993. 137/39:1973-7 2. Palache, A.M.; Influenza subunit vaccine - ten years experience. Eur J Clin Res, 1992. 3:117-38 3. Coulter, H.L.; Fisher, B.L. DPT, a shot in the dark, p 275. Harcourt Brace Jovanovich 4. Ehrengut, W.; Allerdist, H.; Über neurologische Komplikationen nach der Influenzaschutzimpfung. Münch. med. Wschr., 1977. 119/705-710 5. Rabin, J.; JAMA, 1973. 225:63 6. Stuart-Harris, C.H.; BMJ, 1966. 149:1(1966)217 7. Wells, C.E.C.; BMJ, 1971/2:755 8. Hennessen, W.; Jacob, H.; Quast, U.; Neurologische Affektionen nach Influenza - Impfung. Der Nervenarzt, 1978. 49/90-96 9. Morb. a. Mort.; Wkly Rep. 2. (1977. 430. 2. (1977. 7. 2. (1977. 52 10. Bryan, J.; Noble, G.R.; Guillain-Barré Syndrome after administration of killed vaccines. Genf: Ref: IABS Symposium on Influenza Immunization 1.6-4.6.1977 11. Felix, J.K.; Schwartz, R.H.; Myers, G.J.; Isolated Hypoglossal Nerve Paralysis Following Influenza Vaccination. Amer. J. Dis. Child., 1976. 130/1:82-3 12. Furlow, T.W.; Neuropathy after Influenza Vaccination. Lancet, 1977. i: 253 13. Schumm, F.; Neurologische Komplikationen nach Grippe-Impfung. Fragen aus der Praxis. Dtsch med Wschr, 1976. 101/18:720-21 14. Woods, C.A.; Ellison, G.W.; Encephalopathy following Influenza Immunization. J. Pediat., 1964. 65,5:7458 15. Warren, W.R.; Encephalopathy due to Influenza Vaccine. A.M.A. Archives of Internal Medicine, 1956. 97:803 16. JAMA, 1962;181:70 17. Miller, H.; Cendrowski, W.; Schapira, K.; Multiple Sclerosis and Vaccinations. BMJ 1967;April 22. 210-3 18. Yahr, M.D.; Lobo-Antunes, J.; Relapsing Encephalomyelitis Following the Use of Influenza Vaccine. Arch Neurol, 1972. 27:182-3 Hennessen et al 19. Sibley, W.; Foley, J.; Infection and Immunization in Multiple Sclerosis. Ann Ac Sci fenn , 1965. A 122:45. 68 20. Sibley, W.; Bamford, C.R.; Laguna, J.F.; Influenza vaccination in Patients with Multiple Sclerosis. JAMA, 1976. 236. 17:1965-66 21. Stöhr, M.; Mayer, K.; Neurologische Erkrankungen nach Grippeschutzimpfung. Med. Welt, 1976. 27/912-14 Altra Bibliografia: Less than 1 percent of all hepatitis B cases occur in children younger than 1. years. Alter, M.J., Hadler, S.C., et al. "The changing epidemiology of hepatitis B in the United States". Journal of the American Medical Association 1990. 263. pp. 1218-1222. Health workers who are frequently exposed to infected individuals may become naturally immunized rather than infected. Dienstag, J.L., and Ryan, D.M. "Occupational exposure to hepatitis B virus in hospital personnel: infection or immunization ?" American Journal of Epidemiology 1982. 115(1): pp. 26-39. Dr. J. Barthelow Classen, M.D., a former researcher at the National Institutes of Health, analyzed vaccination and disease statistics in foreign countries and reported that there was a 6. percent increase in juvenile diabetes (Type I) following mass hepatitis B vaccine campaigns. Classen, J. B., New Zealand Medical Journal, (May 24. 1996). Classen, J. B., Infectious Diseases in Clinical Practice, (October 22. 1997). Jacobson, I. M., Dienstag, J.L., et al. "Lack of effect of hepatitis B vaccine of T-cell phenotypes”. New England Journal of Medicine 1984. 311(16): pp. 1030-1032. Shaw, F.E., Graham, D.J., et al. "Postmarketing surveillance for neurologic adverse events reported after hepatitis B vaccination". American Journal of Epidemiology 1988. 127(2): pp. 337-352. Ribera, E.F., Dutka, A.J. "Polyneuropathy associated with administration of hepatitis B vaccine”. New England Journal of Medicine 1983. 309. pp. 614-615. Poullin, P., Gabriel, B. "Thrombocytopenic purpura after recombinant hepatitis B vaccine". Lancet 1994. 334. p. 1293. Lilic, D., Ghosh, S.K. "Liver dysfunction and DNA antibodies after hepatitis B vaccination". Lancet 1994. 344. pp. 1292-1293. Trevisani, F., et al. "Transverse myelitis following hepatitis B vaccination". Journal of Hepatology 1993. 19. pp. 317-318. Gross, K., et al. "Arthritis after hepatitis B vaccination: report of three cases”. Scandinavian Journal of Rheumatology 1995. 24. pp. 50-52. Vautier, G., Carter, J.E. "Acute sero-positive rheumatoid arthritis occurring after hepatitis B vaccination”. British Journal of Rheumatology 1994. 33. p. 991. Hachulla, E., et al. "Reactive arthritis after hepatitis B vaccination”. Journal of Rheumatology 1990. 17. pp. 1250-1251. Martinez, E., Domingo, P. "Evans's syndrome triggered by recombinant hepatitis B vaccine". Clinical Infectious Diseases 1992. 15. p. 1051. Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS), Rockville, MD. Australian Adverse Drug Reactions Bulletin, August 1990. Institute of Medicine, "Adverse Events Associated with Childhood Vaccines: Evidence Bearing on Causality”. Washington, DC: National Academy Press, 1994. In one study of 77. individuals vaccinated with the hepatitis B vaccine, after 5 years antibody levels (presumed to correlate with immunity) in 4. percent of the recipients declined sharply or no longer existed. In addition, 4.4 percent became infected with the virus ! New England Journal of Medicine, July 24. 1986. Stevens, C.E., et al. "Prospects for control of hepatitis B virus infection: implications of childhood vaccination and long-term protection”. Pediatrics 1992. 90. pp. 170-173. In another study of the hepatitis B vaccine, 4. percent of the vaccine recipients had inadequate antibody levels after four years. Pasko, M.T., Beam, T.R. "Persistence of anti-HBs among health care personnel immunized with hepatitis B vaccine”. American Journal of Public Health 1990. 80. pp. 590-593. The medical literature contains other case studies documenting vaccine failures: Ballinger, A.B., Clark, M.L. "Severe acute hepatitis B infection after vaccination”. Lancet 1994. 344. pp. 1292-1293. Goffin, E., et al. "Acute hepatitis B infection after vaccination”. Lancet 1995. 345. p. 263. Despite immunization programs targeting high-risk groups, the incidence of hepatitis B has risen 3. percent since the introduction of the vaccine. Freed, G.L., et al. "Reactions of pediatricians to a new Centers for Disease Control recommendation for universal immunization of infants with hepatitis B vaccine”. Pediatrics 1993. 91. pp. 699-702. Plunkett, J. "Hepatitis B becoming more prevalent”. Medical Economics Publishing April 8. 1992. Surveys indicate that a majority of pediatricians and family practitioners (8. percent) do not believe the hepatitis B vaccine is needed by their newborn patients. Freed, G.L., et al. "Reactions of pediatricians to a new Centers for Disease Control recommendation for universal immunization of infants with hepatitis B vaccine”. Pediatrics 1993. 91. pp. 699-702. Freed, G.L., et al. "Family physician acceptance of universal hepatitis B immunization of infants”. Journal of Family Practice 1993. 36. pp. 153-157.

 18/12/2014 08:18:30
Aspie96

Aspie961282

Studente

Non era nemmeno il caso di smentire questa storia, visto che si sa essere nata da una truffa.

Tuttavia, è una credenza che rimarrà ancora molto, come la vicinissima e legatissima credenza sulla correlazione tra mercurio e autismo (derivano l'una dall'altra).


Chissà se adesso le persone avranno ancora paura di farsi vaccinare dopo il polverone di questi ultimi tempi?

Sì.

si ...sono curiosa di capire chi "avrebbe" fatto la fantomatica scoperta che dovrebbe togliere ogni dubbio sul commercio dei vaccini e sul miliardario mercato di questi ultimi.... indovianiamo?? Sarà mica un ricercatore di una casa farmaceutica??? ah ah ah


 04/01/2015 08:02:29
Aspie96

Aspie961282

Studente

@barbaradallolio, purtroppo non sono informato su questo punto.


In compenso, so che la correlazione tra autismo e vaccini era stata prima "dimostrata" (virgolette d'obbligo, visto che i test sono stati truccati) da un medico il cui scopo era prendere soldi dai risarcimenti da parte delle case farmaceutiche (non direttamente, in realtà. Lui collaborava illegalmente con un avvocato. L'avvocato avrebbe vinto la causa con l'aiuto del medico e sarebbe stato pagato dalle famiglie di bambini autistici, che avevano ottenuto il risarcimento da parte delle case farmaceutiche. L'avvocato avrebbe dato una parte di questi soldi al dottor Wakefield).


Insomma, in questa storia le case farmaceutiche sono la vittima.

 04/01/2015 10:09:24
Kiko

Kiko2845

Aspirante surfer professionista

in risposta a ↑

@Aspie96,

Ti copio un po' di appunti di fonti diverse da quelle ufficiali, poi decidi tu se le case farmaceutiche sono vittime..

"Il bugiardino del vaccino Tripedia DTaP (antidifterite-tetano-pertosse) della Sanofi Pasteur Msd, segnala le seguenti reazioni avverse: “Adverse events reported during post-approval use of Tripedia vaccine include idiopathic thrombocytopenic purpura, SIDS, anaphylactic reaction, cellulitis, AUTISM, convulsion/grand mal convulsion, ENCEPHALOPATHY, hypotonia, NEUROPATHY, somnolence and apnea”.

(Traduzione): "Le reazioni avverse riportate durante l'uso post-approvazione del vaccino Tripedia includono purpura trombocitopenica idiopatica, SIDS, reazione anafilattica, cellulite, AUTISMO, convulsioni / convulsioni da grande male, ENCEFALOPATIA, ipotonia, NEUROPATIA, sonnolenza e apnea".

Lo trovi qui:

[http://www.fda.gov/downloads/BiologicsBloodVaccines/Vaccines/ApprovedProducts/ucm101580.pdf]

(http://www.fda.gov/downloads/BiologicsBloodVaccines/Vaccines/ApprovedProducts/ucm101580.pdf)

Procura indaga

http://www.unita.it/scienza/vaccino-trivalente-autismo-inchiesta-infanrix-hexa-esavalente-pericoloso-glaxo--1.559006

http://autismovaccini.org/2014/08/09/vaccino-esavalente-infanrix-hexa-casi-di-autismo-insorti-durante-i-trial-clinici-omessi-intenzionalmente-dallazienda-produttrice/

Vaccino esavalente Infanrix Hexa: casi di autismo insorti durante i trial clinici omessi intenzionalmente dall’azienda produttrice.

A dicembre 201. divulgammo il contenuto di un corposo documento confidenziale della ditta GlaxoSmithKline produttrice del vaccino esavalente illegale che viene somministrato, come vaccinazione primaria, a pochi mesi di vita ai nostri figli e, come vaccinazione di richiamo [booster] tra i 1. e i 2. mesi di vita.

Considerato che da più parti, Ministro della Salute in testa, proseguono i soliti messaggi di promozione, secondo cui “non bisogna avere paura dei vaccini“, anzi “occorre farli in massa, come prevede il nostro sistema sanitario” – e il nostro sistema sanitario prevede l’obbligatorietà per soli 4 vaccini anziché per l’esavalente – credo sia opportuno ricordare a codesti “commercianti” ciò che sta emergendo dalle indagini di alcune Procure italiane.Molti genitori di bambini autistici danneggiati da vaccino proseguono a sentirsi ripetere, fra i tanti slogan, che “non esiste nemmeno un caso di autismo da vaccinazione“.

Orbene, la smentita giunge a pagina 59. del documento confidenziale della GlaxoSmithKline; una smentita che più ufficiale non potrebbe essere, essendone autore l’azienda stessa.

A pagina 59. esordisce un lungo elenco riassuntivo, sconcertante per il numero e la varietà delle reazioni avverse, dal titolo: “Cumulative tabulation of all unlisted events from serious unlisted spontaneous reports and all serious unlisted reactions from clinical trial cases reported since launch“ovvero, “tabulazione sinottica di tutti gli eventi [avversi] da segnalazioni gravi non in elenco e di tutte le reazioni gravi emerse dall’inizio della sperimentazione clinica“.

Nel lungo elenco generale di reazioni avverse, riportate da pagina 59. a pagina 645. compaiono a pagina 62. gli effetti avversi del vaccino sul Sistema Nervoso Centrale, e alla pagina successiva [626. sono finalmente riportati i dati relativi ai Mental Impairment Disorders, altrimenti conosciuti come “Disturbi da ritardo mentale” che, secondo le nuove disposizioni elencate dal DSM V, rientrano a pieno titolo nella categoria dei “Disturbi del Neurosviluppo” di cui fa parte il “Disturbo dello Spettro Autistico“.

1 caso di autismo non grave ; 5 casi di autismo grave ; 2 casi di disturbo cognitivo non grave ; 2 casi di disturbo dell’attenzione non grave ; 1 caso di disturbo della memoria non grave ; 7 casi di disturbo mentale non grave ; 5 casi di ritardo mentale non grave ; segnalati durante i trial, ma rimasti “unlisted” ovvero “omessi” dall’elenco degli effetti avversi sottoposto alle autorità sanitarie per l’autorizzazione al commercio del vaccino.

A pagina 1. del foglietto illustrativo dell’azienda produttrice, in linea con quanto dichiarato nel documento confidenziale, si apprende quanto riportato nella fotografia qui allegataIn sostanza sono stati accorpati più studi clinici per arrivare a soddisfare un profilo di sicurezza adeguato, maggiore di 1600. soggetti, da sottoporre alle autorità regolatrici per ottenere l’autorizzazione alla commercializzazione del prodotto.Qualcuno potrà contestare che 5 casi di autismo grave su migliaia di dosi commercializzate [che non significa iniettate/utilizzate] rappresentano un granello infinitesimale di polvere in confronto ai grandi numeri di bambini coinvolti dalla tragedia del Disturbo dello Spettro Autistico.Purtroppo per costoro, è fin troppo facile dissentire e proferire smentita quando si apprende dai documenti ufficiali dell’EMEA [ente europeo di regolamentazione dei farmaci] che il “trial clinico“, ovvero la “sperimentazione del vaccino” prima dell’immissione in commercio, ha interessato 1350. dosi ripartite in più di 450. bambini per la vaccinazione primaria e più di 230. bambini per la dose di richiamo tra i 1. e i 2. mesi.A fronte di tutte queste informazioni, considerando il numero minimo di bambini ai quali è stato somministrato il vaccino Infanrix Hexa durante i trials clinici [6800], si ottengono i seguenti risultati:su 2. casi di “Disturbi del Neurosviluppo” si ottiene una prevalenza di malattia [casi/popolazione] pari a 1 bambino ogni 29. [arrotondato per eccesso];nel caso specifico del “Disturbo della Spettro Autistico grave” si ottiene una prevalenza di malattia pari a 1 bambino ogni 1360;nella globalità dei 6 casi segnalati di “Disturbo dello Spettro Autistico” si ottiene una prevalenza di malattia pari a 1 bambino ogni 1133;ipotizzando un numero di bambini uguale al numero di fiale somministrate durante il trial clinico [13500. – dato ottimistico non rispondente alla realtà, in quanto utilizzate anche come dosi di richiamo – si ottengono i seguenti risultati:su 2. casi di “Disturbi del Neurosviluppo” si ottiene una prevalenza di malattia [casi/popolazione] pari a 1 bambino ogni 58. [arrotondato per eccesso];nel caso specifico del “Disturbo della Spettro Autistico grave” si ottiene una prevalenza di malattia pari a 1 bambino ogni 2700;nella globalità dei 6 casi segnalati di “Disturbo dello Spettro Autistico” si ottiene una prevalenza di malattia pari a 1 bambino ogni 2250.

Questa situazione di fatto, corrispondente a verità assoluta in quanto documentata dalla più attendibile delle fonti [la stessa azienda produttrice], dovrebbe contribuire a zittire talune campane assai più di quanto i numeri [di per se modesti nell'ipotesi più ottimistica] potrebbero suggerire. Viene meno, infatti, la posizione intransigente ed arrogante di quei Pediatri che, anche tramite taluni prostituti lacchè, sul web, proseguono ad affermare e ribadire, senza il minimo beneficio di inventario, che sui pochi casi oggetto della sperimentazione clinica del vaccino Infanrix Hexa “non vi sarebbe traccia di autismo“.

Considerato poi che il trial clinico non sia stato esente da “under reporting” oppure da “altre irregolarità” [inclusioni / esclusioni come sopra], e tante altre omissioni che abbiamo più volte denunciato da queste pagine [presenza certa di Thiomersale e presenza indebita di inquinanti], è su questo “dubbio legittimo” che si stanno muovendo alcune Procure, in quanto appare più che evidente come il vaccino può spiegare, da solo, una parte considerevole dei Disturbi dello Spettro Autistico attualmente segnalati alle autorità sanitarie.Ecco quindi che la reale prevalenza del Disturbo dello Spettro Autistico attribuibile all’Infanrix Hexa potrebbe essere molto superiore a quella teoricamente stimata, avvicinandosi a quella totale oggi nota.Pertanto, il vaccino esavalente rappresenta una causa non più solo sufficientemente probabile nell’insorgenza del Disturbo dello Spettro Autistico, ma rappresenta una causa documentata di un “danno” che dovrebbe essere chiamato col suo vero nome: Disturbo dello Spettro Vaccinale.Documento confidenziale Gsk

http://autismoevaccini.files.wordpress.com/2012/12/vaccin-dc3a9cc3a8s.pdf

http://autismoevaccini.files.wordpress.com/2014/08/dossier_glaxo_626.jpg?w=700

http://autismoevaccini.files.wordpress.com/2014/08/infanrix-hexa_studi-clinici-primari.jpg?w=909&h=126

http://autismovaccini.org/2014/09/28/merck-chiamata-a-fornire-risposte-sul-vaccino-trivalente-morbillo-parotite-rosolia/?blogsub=confirming#blog_subscription-3

http://autismoevaccini.files.wordpress.com/2011/12/vaccines-get-the-full-story_ita.pdfhttp://edition.cnn.com/2014/08/27/health/irpt-cdc-autism-vaccine-study/

Un caso recente è quello di un funzionario del CDC americano, l'ente che deve controllare i farmaci, che ha ammesso di aver falsificato i dati di una ricerca ufficiale sulla correlazione vaccini autismo.

Qui l'ammissione in una telefonata registrata : http://youtu.be/q62DcaNs_0M

Qui un media indipendente spiega bene la vicenda:

http://youtu.be/THGbJnpywyw

I video che ne parlano. cerca "Brian Hooker the whistleblower "

https://www.google.it/search?client=safari&hl=it&biw=320&bih=460&tbs=qdr%3Ay&tbm=vid&ei=UWWLVNuHLdHiaLa4gKgD&q=brian+hooker+autism&oq=brian+hooker+autism&gs_l=mobile-gws-serp.3...3611.44270.0.44600.35.35.0.0.0.13.264.5507.0j25j8.33.0.msedr...0...1c.1.60.mobile-gws-serp..25.10.1526.K8Ydml1Sa-o

 04/01/2015 23:50:14

QUAG SI IMPEGNA A PROTEGGERE LA TUA PRIVACY

Cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Accettando questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.
Vedi il documento in dettaglio »


La presente informativa descrive “che cosa sono i cookie” e quali sono i tipi di cookie utilizzati da Quag nel proprio sito Web.

Che cosa sono i cookie?

Un “cookie” è un file di testo che i siti Web inviano al computer o a un altro dispositivo connesso a Internet del visitatore, per identificare univocamente il browser del visitatore stesso o per salvare informazioni o impostazioni nel browser.

Quag utilizza i cookie nel proprio sito Web?

Quag utilizza i cookie per migliorare il proprio sito Web, per fornire servizi e funzionalità agli utenti, per proporre contenuti e pubblicità in linea con gli interessi del singolo utente. È possibile limitare o disattivare l’utilizzo dei cookie tramite il proprio browser Web, tuttavia, in questo caso, alcune funzionalità del nostro sito potrebbero diventare inaccessibili.

Quali sono tipi di cookie utilizzati da Quag?

Cookie essenziali
Questi cookie sono essenziali per consentire all’utente di navigare nel Sito e utilizzare tutte le sue funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornire alcuni servizi o funzioni e la navigazione sul Sito non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere.

Cookie funzionali
Questi cookie consentono al sito Web di ricordare le scelte effettuate dall’utente al fine di ottimizzare le funzionalità. Ad esempio, i cookie funzionali consentono al sito Web di ricordare le impostazioni specifiche di un utente.

Cookie analitici
Questi cookie consentono di raccogliere dati sull’utilizzo del sito Web da parte dell’utente, compresi gli elementi su cui si fa clic durante la navigazione, al fine di migliorare le prestazioni e il design del sito stesso, ci aiutano inoltre a comprendere ogni difficoltà che l’utente può incontrare nell’utilizzo del Sito. I cookie in questione sono utilizzati esclusivamente per le finalità correlate alla gestione del nostro sito Web.

Cookie di profilazione
I cookie di profilazione vengono utilizzati per analizzare gli interessi e le abitudini di navigazione dei singoli utenti, per personalizzarne la navigazione, per proporre contenuti, anche pubblicitari, in linea con gli interessi dell’utente.

Cookie di terze parti
I cookie di terze parti possono essere sia tecnici che non tecnici, e vengono utilizzati per migliorare l’esperienza di utilizzo del sito da parte dell’utente, per proporre contenuti in linea con gli interessi dell’utente, per pubblicità di potenziale interesse per il singolo utente. I cookie possono essere erogati direttamente dal gestore del sito sul quale si sta navigando (cookie di prima parte) o, nel caso il sito si appoggi a servizi esterni per particolari funzioni, da terzi (cookie di terze parti).
Quag utilizza cookie sia tecnici che non tecnici, anche di terze parti, al fine di migliorare l’esperienza di utilizzo da parte dell’utente, ad esempio secondo il browser utilizzato, selezionando la tipologia dei contenuti visualizzati, proponendo pubblicità in linea con gli interessi per il singolo utente.
Se ti trovi sul sito Quag e visualizzi il banner informativo dell’esistenza dei cookie, accettandolo acconsenti all’utilizzo dei cookie descritti nella presente informativa e implementati nelle pagine del sito Quag.

Come si disattivano o si rimuovono i cookie?

E’ possibile disabilitare le funzioni dei cookie direttamente dal browser che si sta utilizzando, secondo le istruzioni fornite dai produttori.
La maggior parte dei browser permette di impostare regole per gestire i cookie e offre così agli utenti la possibilità di un controllo della privacy, negare la possibilità di ricezione dei cookie, modificare le scelte fatte. Di seguito sono riportate le indicazioni per la gestione dei cookie tramite le impostazioni dei principali browser, facendo ctrl+click sul nome del browser si verrà mandati alla pagina con le relative istruzioni:

Cookie di terze parti utilizzati da Quag
Durante la navigazione su Quag possono essere rilasciati cookie tecnici e non gestiti da terze parti, per finalità tecniche, statistica, per l’erogazione di pubblicità. Questi cookie sono gestiti esclusivamente da terze parti. Si riportano qui di seguito le terze parti coinvolte, i link ai loro siti e alle loro politiche di gestione dei cookie, con indicazione delle relative finalità.

Google Analytics - Cookie statistici
Cookies policy di Google

Google AdSense e DoubleClick (Google Inc.) - Cookie di profilazione
Cookies Policy in Advertising - OptOut

Newrelic e nr-data.net – cookie tecnici
Privacy Policy Newrelic

Facebook - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Facebook

Twitter - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Twitter

Linkedin - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Linkedin

embed.ly - Cookie tecnici
Privacy Policy di Embed

Per ulteriori informazioni sulla pubblicità comportamentale e per sapere come attivare o disattivare singolarmente i cookie e avere indicazioni sui software di gestione dei cookie, è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.youronlinechoices.com/it/

Per sapere come attivare o disattivare la profilazione pubblicitaria sulle applicazioni mobile è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.aboutads.info/appchoices

Ulteriori informazioni sul trattamento dei dati personali degli utenti da parte di Quentral possono essere consultate nella Informativa Privacy.


Questo sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.


Loader