Questo utente si è disattivato

in teoria 

in pratica sono egocentrici e assolutamente non collaborativi incapaci di lavorare in squadra e pensano solo al proprio tornaconto circondandosi di signor si 

siccome sono quasi tutti cosi' non ci viene il dubbio che debba essere cosi?

 05/12/2014 18:38:10
something_iaias

something_iaias1972

Indagatrice dell'assurdo

mauriziopanebianco, a me no sinceramente. I leader veri, quelli che hanno cambiato la storia, non sono così. Pensa a Gandhi. Pensa al povero Steve Jobs che si è fatto sbatter fuori dalla sua propria azienda ed è tornato trionfalmente, perchè era un innovatore vero.


Secondo me è proprio perchè c'è un'idea di leadership vecchia ed oscurantista che si finisce a pensare così.


Ti lascio con delle parole dette da uno molto più saggio di me (che ho conosciuto personalmente).


"Leadership is about people. You manage a budget, you manage a project. But you don't lead them. You don't lead a budget. You lead people. And many, many people will follow, but only if you are a true leader"

 05/12/2014 18:46:52
Questo utente si è disattivato
in risposta a ↑

something_iaias, ghandy non era un leader era un anti leader infatti appena finito la sua mission e' stato messo da parte e poi parliamo sempre di uno solo o al limte di due su miliardi di persone 

steve jobs era proprio come ti ho descrito sopra ,poi  la pubblicita'  ha fatto il resto , 

non ho bisogno di parole ma di fatti e quelli sono molto latitanti

 05/12/2014 18:52:03
Questo utente si è disattivato
in risposta a ↑ something_iaias, e quelle parole sono solo parole , niente di concreto
 05/12/2014 18:53:42
something_iaias

something_iaias1972

Indagatrice dell'assurdo

in risposta a ↑

mauriziopanebianco, mi spiace che tu abbia avuto brutte esperienze con i tuoi capi. Magari a questo è dovuta molta della negatività che esprimi con le tue parole.


Io dei leader veri li ho visti in azione, e ti assicuro che quando lavori con loro la tua testa cambia, e inizi a pensare che tutto sia possibile.

 05/12/2014 19:01:40
Questo utente si è disattivato
in risposta a ↑ something_iaias, tipo cosa ? ne ho visti tanti e sono stati selezionati da altri per essere cosi'....
 05/12/2014 19:07:31
something_iaias

something_iaias1972

Indagatrice dell'assurdo

in risposta a ↑ mauriziopanebianco, mi sembri molto scettico e un po' chiuso, come se avessi già deciso. Dimmi che sei aperto alle mie spiegazioni e ti racconterò. Ma aperto davvero. 
 05/12/2014 19:18:08
Questo utente si è disattivato
in risposta a ↑ something_iaias,  ,se ti do' ragione sono aperto se invece discuto con mie tesi sono chiuso?semplicemente come studioso della cominicazione e del linguaggio trovo incongruenze non nelle tue tesi che mi sono sempre piaciute ,nate nella new age dagli anni 80, dico che la realta' e' molto diversa e aspetto che qualcuno mi dimostri il contrario in modo neutro
 05/12/2014 19:23:13
eleuteria0

eleuteria05473

Regista teatrale

Sulla funzione di "leader" c'è un immane trattazione sia dal punto di vista della psicologia, del marketing, della sociologia, della filosofia, ecc. Posso darti la mia impressione, vissuta sulla mia pelle, quindi esperienza "sul campo" come "leader". Intanto non sono un uomo ma una donna, come natura mia ho uno stile cooperativo, mi piace essere allo stesso livello delle persone che collaborano con me. Purtroppo questo stile cooperativo, quando lavori con persone scelte a caso, solo attraverso una passione comune, può essere interpretato da persone abituate ad essere "sottomesse" e educate con stile educativo autoritario e coercitivo, come segno di debolezza e fragilità di carattere. Nell'ambito dei gruppi, può avvenire che ci siano persone per natura autoritarie e "dispotiche", con fame di potere, che possono rappresentare la risposta giusta all'esigenza di persone "sottomesse", con autostima latitante. Le persone autoritarie pensano di togliere al leader in carica la "dirigenza" del gruppo, pur non avendone, nè la motivazione, nè la competenza, nè la conoscenza del progetto da realizzare. Ciò che mi ha salvato è stato l'avere fiducia nel progetto da realizzare, accettare di perdere il gruppo, non il progetto e il tempo mi ha dato ragione. Secondo me un buon leader deve credere nel suo progetto, obiettivo, scopo, poi le persone del gruppo, essendo per natura facilmente vulnerabili, hanno bisogno di sentire la forza del leader, nel non abbandonare il progetto, e nel cambiare lo stile, un pò meno cooperativo e un pò più direttivo, sempre nel rispetto della sensibilità degli altri. Quindi un leader deve avere esperienza, fermezza, chiarezza di principi e di intenti, regole condivise, e soprattutto accettare di ricominciare tutto da capo se il gruppo non è coeso, anche a costo di restare da solo, sino a trovare le persone giuste per il progetto che intende realizzare. 
 05/12/2014 19:23:59
something_iaias

something_iaias1972

Indagatrice dell'assurdo

eleuteria0, uno, complimenti per il coraggio.


Due, sono donna anche io e anche io voglio capire se uno stile più cooperativo è possibile, invece di utilizzare uno stile coercitivo che non mi appartiene e mi sembra dannoso.


Grazie mille per avermi raccontato la tua esperienza, non solo è appassionante, ma è anche una conferma in più che un altro modello di leadership è possibile.


Buona fortuna per tutto quello che farai.

 05/12/2014 19:33:34
Questo utente si è disattivato
eleuteria0, ne esistono?
 05/12/2014 19:36:38
eleuteria0

eleuteria05473

Regista teatrale

in risposta a ↑ something_iaias, grazie sei molto gentile, grazie anche per la "buona fortuna". Tra lo stile cooperativo e lo stile coercitivo, esiste l'autorevolezza, quella zona nè nera nè bianca, ma grigia, dove i confini sono ben definiti,  resiste il rispetto per i collaboratori e la preziosa risorsa che è il loro apporto, il loro punto di vista. Il leader ascolta, e valuta se accogliere le richieste, si consulta col gruppo ed espone le proprie resistenze, oppure abbandona le proprie resistenze se i collaboratori offrono delle alternative valide al progetto. E' il progetto che diventa il punto comune per il gruppo, fa da bilanciere, il leader riporta sempre il gruppo a ciò che si vuole raggiungere e la strada si spiana da sola. 
 05/12/2014 19:57:37
eleuteria0

eleuteria05473

Regista teatrale

in risposta a ↑ mauriziopanebianco, non ho capito la domanda: cosa intendi per "ne esistono"?
 05/12/2014 19:58:37
Questo utente si è disattivato
in risposta a ↑

eleuteria0, in sociologia non esistono quei tipi di leader , esistono due tipi

leader dominante e il leader carismatico,come il poliziotto buono e cattivo 

non esiste in sociologia un leader che riassume le due caratteristiche ,non perche' non sia auspicabile semplicemente non esiste

il primo e autoreferenziale ,il secondo ne costruisce di altri uno assieme per adesso non e' ancora esistito

 06/12/2014 19:46:33
Questo utente si è disattivato
 06/12/2014 20:09:30
eleuteria0

eleuteria05473

Regista teatrale

in risposta a ↑ mauriziopanebianco, il mio intervento non è di natura sociologica, né scientifica, ho descritto cosa è per me essere leader. I termini che ho utilizzato sono, di natura psicologica, anche se la terminologia, assolutamente "libera". 
 06/12/2014 23:27:37 (modificato)
Questo utente si è disattivato
in risposta a ↑ eleuteria0, dicevo che non esiste e non puo' esistere un leader cosi' ,e sognarlo va bene
 08/12/2014 09:17:45
eleuteria0

eleuteria05473

Regista teatrale

in risposta a ↑ mauriziopanebianco, tranquillo che se anche esiste un leader così ci sarà qualcuno dei suoi collaboratori che avrà qualcosa da obiettare.....per quanto il frutto sia buono....anzi più il frutto è buono.....più attira i parassiti....quindi o il leader utilizza anticrittogamici....o rimedi naturali...o convive con i vermi...oppure sceglie di far guastare il frutto..............
 08/12/2014 11:50:09

Un buon leader è colui che sicuramente è autorevole, ma non tiranno, motiva il gruppo,  lo guida, lo rassicura, lo incoraggia,  ha fiducia nei membri che lo compongono e riesce a infondere in ogni individuo l'importanza dell'azione individuale per una maggior efficacia e funzionamento del lavoro collettivo. 

Almeno gli studi in materia di comunicazione e di leadership hanno fatto emergere questo, poi tra il consigliare e il "fare"...

 05/12/2014 20:05:02
something_iaias

something_iaias1972

Indagatrice dell'assurdo

oliol18, siamo tutti teorici qui. Sempre bello avere un'opinione in più :) Condivisibilissima, peraltro.

 05/12/2014 20:22:55
something_iaias

something_iaias1972

Indagatrice dell'assurdo

oliol18, "riesce a infondere in ogni individuo l'importanza dell'azione individuale per una maggior efficacia e funzionamento del lavoro collettivo." piace tanto.
 05/12/2014 20:23:23
in risposta a ↑

something_iaias, ogni azione personale, si intreccia con quella degli altri inevitabilmente e il leader ne deve tenere conto.  Io ci ho messo una cifra per capirlo. Se una squadra di calcio deve raggiungere l'obiettivo di vincere, ci devono credere tutti, e tutti devono sentirsi indispensabili e essere predisposti ad agire insieme. Se il giocatore oggettivamente  più forte pensasse di essere il migliore e volesse dimostrare la sua supremazia assoluta, ritenendo solo se stesso indispensabile, avrà la collaborazione dei compagni? no, perchè la vincita della partita sarà sentita dagli altri non come appartenente a tutti ma come qualcosa che soddisfa solo l'aspettativa e il bisogno narcisistico di quel giocatore..

ahah...non so se sono stata spiegata:)))

 05/12/2014 20:43:52
HEISENBERG73

HEISENBERG7320726

Imbiancatrulli moderno

Deve possedere autocritica e saper criticare costruttivamente restando pronto al dialogo, ma anche a prendere una decisione quando è necessario. Rispettoso (per avere rispetto occorre portarlo) ed equo. Se non si tratta le persone con equità è facile che si perda la stima di qualche collaboratore.
Deve trattare i collaboratori come persone e non come numeri, cosa che spesso viene dimenticata.

 05/12/2014 21:00:10

Autorevolezza , non autorità .

Poi lungimiranza , dedizione per l'obbiettivo , senso del dovere e sacrificio.

Intelligenza e comprensione dei problemi altrui.

Ma , cosa deve fare il leader per raggiungere il suo obbiettivo ?

Può sacrificare alcune persone per il bene collettivo ?

E se il suo obbiettivo è solo l'arricchimento , come leader di impresa , o l'arricchimento degli azionisti ............

 05/12/2014 22:04:37

QUAG SI IMPEGNA A PROTEGGERE LA TUA PRIVACY

Cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Accettando questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.
Vedi il documento in dettaglio »


La presente informativa descrive “che cosa sono i cookie” e quali sono i tipi di cookie utilizzati da Quag nel proprio sito Web.

Che cosa sono i cookie?

Un “cookie” è un file di testo che i siti Web inviano al computer o a un altro dispositivo connesso a Internet del visitatore, per identificare univocamente il browser del visitatore stesso o per salvare informazioni o impostazioni nel browser.

Quag utilizza i cookie nel proprio sito Web?

Quag utilizza i cookie per migliorare il proprio sito Web, per fornire servizi e funzionalità agli utenti, per proporre contenuti e pubblicità in linea con gli interessi del singolo utente. È possibile limitare o disattivare l’utilizzo dei cookie tramite il proprio browser Web, tuttavia, in questo caso, alcune funzionalità del nostro sito potrebbero diventare inaccessibili.

Quali sono tipi di cookie utilizzati da Quag?

Cookie essenziali
Questi cookie sono essenziali per consentire all’utente di navigare nel Sito e utilizzare tutte le sue funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornire alcuni servizi o funzioni e la navigazione sul Sito non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere.

Cookie funzionali
Questi cookie consentono al sito Web di ricordare le scelte effettuate dall’utente al fine di ottimizzare le funzionalità. Ad esempio, i cookie funzionali consentono al sito Web di ricordare le impostazioni specifiche di un utente.

Cookie analitici
Questi cookie consentono di raccogliere dati sull’utilizzo del sito Web da parte dell’utente, compresi gli elementi su cui si fa clic durante la navigazione, al fine di migliorare le prestazioni e il design del sito stesso, ci aiutano inoltre a comprendere ogni difficoltà che l’utente può incontrare nell’utilizzo del Sito. I cookie in questione sono utilizzati esclusivamente per le finalità correlate alla gestione del nostro sito Web.

Cookie di profilazione
I cookie di profilazione vengono utilizzati per analizzare gli interessi e le abitudini di navigazione dei singoli utenti, per personalizzarne la navigazione, per proporre contenuti, anche pubblicitari, in linea con gli interessi dell’utente.

Cookie di terze parti
I cookie di terze parti possono essere sia tecnici che non tecnici, e vengono utilizzati per migliorare l’esperienza di utilizzo del sito da parte dell’utente, per proporre contenuti in linea con gli interessi dell’utente, per pubblicità di potenziale interesse per il singolo utente. I cookie possono essere erogati direttamente dal gestore del sito sul quale si sta navigando (cookie di prima parte) o, nel caso il sito si appoggi a servizi esterni per particolari funzioni, da terzi (cookie di terze parti).
Quag utilizza cookie sia tecnici che non tecnici, anche di terze parti, al fine di migliorare l’esperienza di utilizzo da parte dell’utente, ad esempio secondo il browser utilizzato, selezionando la tipologia dei contenuti visualizzati, proponendo pubblicità in linea con gli interessi per il singolo utente.
Se ti trovi sul sito Quag e visualizzi il banner informativo dell’esistenza dei cookie, accettandolo acconsenti all’utilizzo dei cookie descritti nella presente informativa e implementati nelle pagine del sito Quag.

Come si disattivano o si rimuovono i cookie?

E’ possibile disabilitare le funzioni dei cookie direttamente dal browser che si sta utilizzando, secondo le istruzioni fornite dai produttori.
La maggior parte dei browser permette di impostare regole per gestire i cookie e offre così agli utenti la possibilità di un controllo della privacy, negare la possibilità di ricezione dei cookie, modificare le scelte fatte. Di seguito sono riportate le indicazioni per la gestione dei cookie tramite le impostazioni dei principali browser, facendo ctrl+click sul nome del browser si verrà mandati alla pagina con le relative istruzioni:

Cookie di terze parti utilizzati da Quag
Durante la navigazione su Quag possono essere rilasciati cookie tecnici e non gestiti da terze parti, per finalità tecniche, statistica, per l’erogazione di pubblicità. Questi cookie sono gestiti esclusivamente da terze parti. Si riportano qui di seguito le terze parti coinvolte, i link ai loro siti e alle loro politiche di gestione dei cookie, con indicazione delle relative finalità.

Google Analytics - Cookie statistici
Cookies policy di Google

Google AdSense e DoubleClick (Google Inc.) - Cookie di profilazione
Cookies Policy in Advertising - OptOut

Newrelic e nr-data.net – cookie tecnici
Privacy Policy Newrelic

Facebook - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Facebook

Twitter - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Twitter

Linkedin - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Linkedin

embed.ly - Cookie tecnici
Privacy Policy di Embed

Per ulteriori informazioni sulla pubblicità comportamentale e per sapere come attivare o disattivare singolarmente i cookie e avere indicazioni sui software di gestione dei cookie, è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.youronlinechoices.com/it/

Per sapere come attivare o disattivare la profilazione pubblicitaria sulle applicazioni mobile è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.aboutads.info/appchoices

Ulteriori informazioni sul trattamento dei dati personali degli utenti da parte di Quentral possono essere consultate nella Informativa Privacy.


Questo sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.


Loader