Spero comincino a scavare, altrimenti così sono solo supposizioni e... pubblicità!

In effetti nel mio viaggio di luglio farò anche una puntata a Londra e dintorni ma credo che, per quanto fortemente tentata e affascinata, eviterò di andare... in mezzo ad un orda di turisti non credo si possa percepire nulla di "esoterico"! Putroppo.


 22/06/2016 11:07:10

dandelion, solo supposizioni? Supposizioni sull'uso delle strutture scoperte od supposizioni sull'individuazione delle strutture in quanto tale?

 22/06/2016 11:55:51
in risposta a ↑

SamLivingstone, supposizioni sull'individuazione delle strutture, credo che solo gli scavi possano dare i pieni riscontri di ciò che ora hanno individuato dalla superficie.

Un po' come nell'Isola di Pasqua, solo scavando hanno trovato i corpi sottostanti le teste.


 22/06/2016 12:02:06
in risposta a ↑

dandelion,sull'individuazione delle strutture? Ah! Quindi i sondaggi di natura geofisica quali la geolettrica, la sismica, i sondaggi con il georadar ed i "sondaggi" da remoto con i satelliti in varie lunghezze d'onda usate al giorno d'oggi nella ricerca archelogica (E non solo) per individuare strutture murarie, strade ed affini, danno come risultato supposizioni. Si, vero. Supposizioni sono le sole immagini da remoto in varie lunghezze d'onda che dicono solo che cè qualcosa sotto terra, ma non dicono cosa.
E non a caso si fanno altre indagini di natura geofisica, cercando di recuperare quanti più dati possibili e diversi da integrare. Sono prospezioni geofisiche, le stesse fatte prima di lavori d'ingegneria quali strade, dighe, gallerie. Gli stessi si fanno anche in archeologia. 
Si fanno indagini generando correnti elettriche nel sottosuolo che si propagano a seconda dei valori di resistività dei materiali attraversati; dalle anomalie nella resistività elettrica si risale al materiale che quelle anomalie genera. Si possono fare tali indagini nel sito individuato da satelite e vedere se il qualcosa individuato genera anomalie nella resistività, se questo qualcosa "spicca" rispetto al materiale circostante dal punto di vista elettrico: se ciò accade, si può capire il materiale del qualcosa in questione. Se vi sono più interpretazioni, si fanno altri studi che eliminano i dubbi.
Se la geoelettrica funziona, ma da risultati dubbi (o non da alcun risultato), c'è sempre il georadar, che genera onde elettromagnetiche che si propagano nel sottosuolo e ritornano, alla stessa maniera di un'ecografia. Da anomalie nella propagazione in corrispndenza del qualcosa, anche qui si risale al qualcosa. Il georadar è usato in ambiente urbano per individuare il percorso delle condotte idriche ed altre strutture sotterranee.

Quindi altro che supposizioni! Se il radar ti dice che qualcosa c'è, basta fare le analisi giuste (Geoelettrica, georadar, forse anche prospezioni magnetiche, ma eviterei la sismica) per capire la natura del qualcosa.

 22/06/2016 12:26:41
in risposta a ↑

SamLivingstone, interessantissimo, te ne occupi lavorativamente?

 22/06/2016 12:36:33
in risposta a ↑

Ele1Aquitania, è geofisica applicata, materia che si insegna in Scienze Geologiche, la base per le esplorazioni del sottosuolo senza le quali non si potrebbe conoscere ciò che abbiamo sotto i piedi. Non è il mio campo di studio (io sono più per le rocce)... ma l'abbiamo studiata in tutti i suoi vari processi: sismica (a riflessione e rifrazione), geoelettrica, prospezioni magnetiche e di gravità (inutili in ambito archeologico).

La supposizione ci sta se si studia un luogo con un solo metodo. Lì ci sono interpretazioni possibili e non a caso si complementano con altri metodi che "eliminino" ambiguità. Per cui se si dice che sono stati scoperti delle strutture sepolte in quel di Stonehenge e ci sono dati geofisici a disposizione, i casi sono due:
1) O l'autore di questa affermazione è un perfetto idiota e pubblica articoli basati su dati derivati da un solo metodo, passibili quindi di errori o di ambiguità;
2) O ha fatto altri studi, integrando dati da molti metodi, elaborandoli, decifrandoli, studiando gli errori fatti e quindi generando un modello unico che si adatta a tutte le osservazioni fatte, da cui l'articolo.

EDIT: se c'è un articolo in letteratura, o anche nel sito dell'Ente che ha promosso lo studio, allora inizierei a pensare che le supposizioni sono state eliminate da un pezzo.


 22/06/2016 12:46:06
in risposta a ↑

SamLivingstone, grazie dell'approfondimento, a me interesssa storia e archeo ma onestamente di geologia fisica e geofisica non ci capisco una cippa, dalle tue parole risulta molto affascinante come ambito di studio

 22/06/2016 12:54:06
in risposta a ↑

SamLivingstone, sì ma l'articolo linkato nel post è del novembre 2014, ora ho si è iniziato a scavare anche una modesta porzione, oppure il fatto che si siano trovati due scheletri non autoctoni, non mi prova tutte le ipotesi elencate. Certo, le moderne tecnologie rivelano la conformazione del sottosuolo ma da qui, a parlare a chissà quali reperti e costruzioni sotterranee ce ne passa!!!

Del resto, non credo che al Regno Unito manchino le risorse economiche per eseguire i lavori di scavo! Vedremo...


 22/06/2016 14:50:41
in risposta a ↑

dandelion, ok. Hai ragione: le moderne tecnologie servono solo a sondare il terreno e non ad individuare strutture sotterrate. Quindi che dici, questa pagina delle mie dispense di Geofisica applicata dedicata al georadar la butto?



Ed a che ci sono dico al mio professore che è un truffatore, che mi ha insegnato cose che non stanno né in cielo, né soprattutto sottoterra. Che le prospezioni non servono nemmeno ad individuare strutture sepolte (e non solo), ma solo ad individuare la conformazione del sottosuolo.

E nel frattempo mi chiederò com'è che dei palazzi romani e relative strade sono state individuate con il georadar...Mbah...  misteri.



 22/06/2016 15:19:29
in risposta a ↑

SamLivingstone, certo, non ho detto che i rilevamenti non servano a nulla ma non sono esaustivi, soprattutto rispetto a situazioni diciamo "senza precedenti"... voglio dire di rovine di città dell'antica Roma ce ne sono a centinaia, c'è quindi un'ampia, ampissima casistica!!! Quindi è facile, già soltanto dal reticolato, di individuarne: si conosce la loro logica costruttiva perfettamente.

Nel caso di Stonehenge il dicorso è molto differente, tanto che se leggi l'articolo è pieno zeppo di condizionali... ho digitato con lo strumento "trova" la parola "ebbe" quale indicatore del condizionale  e ne ho contati ben 31...

Sull'articolo si parla sempre e solo al condizionale il che significa che le ipotesi non sono ovviamente suffragate da prove!!!

Ecco perché tali strumenti da te elencati possono, in questo caso, avanzare suppostizioni su cosa possa esserci nascosto sotto il suolo, non di certezze... l'aver poi trovato due scheletri non autocnoni non spiega tutta la faccenda...


 22/06/2016 15:53:49

andai anni fa, ricordo bellissimo, ci tornerei subito


 22/06/2016 11:30:04

Ele1Aquitania, adesso mi fai venir voglia! ... ed io che ormai ci avevo rinunciato!

Uhm... vedremo... tu sai che nei dintorni di Londra ho una cosa più importante da fare!    

 22/06/2016 11:35:27
in risposta a ↑

dandelion, idea grandiosa....gli chiedi di venire a visitare Ston con te    ... al chiaro di luna, sotto le stelle, nessuno intorno, solo voi, silenzio.....credo sarebbe una proposta che nessuna gli ha mai fatto... wow   

 22/06/2016 11:37:41
in risposta a ↑

Ele1Aquitania, ad immaginare solo la scena mi prende un accidente!   

Comunque idea grandiosa!!!

Partendo dal famoso caffè... che già solo quello è un mezzo miracolo!!!   

 22/06/2016 11:45:28
in risposta a ↑

dandelion, tentar non nuoce, sai mai...nella vita a volte bisogna buttarsi, anche senza rete....ne varrebbe la pena credo   

 22/06/2016 11:50:44
in risposta a ↑

Ele1Aquitania, sììì assolutamente sì, la fortuna aiuta gli audaci!!!

Poi ho delle buone sensazioni... ma va preso moooolto con le pinze, di fronte all'irruenza si scoccia tremendamente!  

 22/06/2016 11:58:07

Ci sono stato poco tempo fa, nella guida si parlava di questi ritrovamenti ma procedere agli scavi è molto pericoloso per le strutture stesse.


 23/06/2016 16:47:02

QUAG SI IMPEGNA A PROTEGGERE LA TUA PRIVACY

Cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Accettando questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.
Vedi il documento in dettaglio »


La presente informativa descrive “che cosa sono i cookie” e quali sono i tipi di cookie utilizzati da Quag nel proprio sito Web.

Che cosa sono i cookie?

Un “cookie” è un file di testo che i siti Web inviano al computer o a un altro dispositivo connesso a Internet del visitatore, per identificare univocamente il browser del visitatore stesso o per salvare informazioni o impostazioni nel browser.

Quag utilizza i cookie nel proprio sito Web?

Quag utilizza i cookie per migliorare il proprio sito Web, per fornire servizi e funzionalità agli utenti, per proporre contenuti e pubblicità in linea con gli interessi del singolo utente. È possibile limitare o disattivare l’utilizzo dei cookie tramite il proprio browser Web, tuttavia, in questo caso, alcune funzionalità del nostro sito potrebbero diventare inaccessibili.

Quali sono tipi di cookie utilizzati da Quag?

Cookie essenziali
Questi cookie sono essenziali per consentire all’utente di navigare nel Sito e utilizzare tutte le sue funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornire alcuni servizi o funzioni e la navigazione sul Sito non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere.

Cookie funzionali
Questi cookie consentono al sito Web di ricordare le scelte effettuate dall’utente al fine di ottimizzare le funzionalità. Ad esempio, i cookie funzionali consentono al sito Web di ricordare le impostazioni specifiche di un utente.

Cookie analitici
Questi cookie consentono di raccogliere dati sull’utilizzo del sito Web da parte dell’utente, compresi gli elementi su cui si fa clic durante la navigazione, al fine di migliorare le prestazioni e il design del sito stesso, ci aiutano inoltre a comprendere ogni difficoltà che l’utente può incontrare nell’utilizzo del Sito. I cookie in questione sono utilizzati esclusivamente per le finalità correlate alla gestione del nostro sito Web.

Cookie di profilazione
I cookie di profilazione vengono utilizzati per analizzare gli interessi e le abitudini di navigazione dei singoli utenti, per personalizzarne la navigazione, per proporre contenuti, anche pubblicitari, in linea con gli interessi dell’utente.

Cookie di terze parti
I cookie di terze parti possono essere sia tecnici che non tecnici, e vengono utilizzati per migliorare l’esperienza di utilizzo del sito da parte dell’utente, per proporre contenuti in linea con gli interessi dell’utente, per pubblicità di potenziale interesse per il singolo utente. I cookie possono essere erogati direttamente dal gestore del sito sul quale si sta navigando (cookie di prima parte) o, nel caso il sito si appoggi a servizi esterni per particolari funzioni, da terzi (cookie di terze parti).
Quag utilizza cookie sia tecnici che non tecnici, anche di terze parti, al fine di migliorare l’esperienza di utilizzo da parte dell’utente, ad esempio secondo il browser utilizzato, selezionando la tipologia dei contenuti visualizzati, proponendo pubblicità in linea con gli interessi per il singolo utente.
Se ti trovi sul sito Quag e visualizzi il banner informativo dell’esistenza dei cookie, accettandolo acconsenti all’utilizzo dei cookie descritti nella presente informativa e implementati nelle pagine del sito Quag.

Come si disattivano o si rimuovono i cookie?

E’ possibile disabilitare le funzioni dei cookie direttamente dal browser che si sta utilizzando, secondo le istruzioni fornite dai produttori.
La maggior parte dei browser permette di impostare regole per gestire i cookie e offre così agli utenti la possibilità di un controllo della privacy, negare la possibilità di ricezione dei cookie, modificare le scelte fatte. Di seguito sono riportate le indicazioni per la gestione dei cookie tramite le impostazioni dei principali browser, facendo ctrl+click sul nome del browser si verrà mandati alla pagina con le relative istruzioni:

Cookie di terze parti utilizzati da Quag
Durante la navigazione su Quag possono essere rilasciati cookie tecnici e non gestiti da terze parti, per finalità tecniche, statistica, per l’erogazione di pubblicità. Questi cookie sono gestiti esclusivamente da terze parti. Si riportano qui di seguito le terze parti coinvolte, i link ai loro siti e alle loro politiche di gestione dei cookie, con indicazione delle relative finalità.

Google Analytics - Cookie statistici
Cookies policy di Google

Google AdSense e DoubleClick (Google Inc.) - Cookie di profilazione
Cookies Policy in Advertising - OptOut

Newrelic e nr-data.net – cookie tecnici
Privacy Policy Newrelic

Facebook - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Facebook

Twitter - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Twitter

Linkedin - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Linkedin

embed.ly - Cookie tecnici
Privacy Policy di Embed

Per ulteriori informazioni sulla pubblicità comportamentale e per sapere come attivare o disattivare singolarmente i cookie e avere indicazioni sui software di gestione dei cookie, è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.youronlinechoices.com/it/

Per sapere come attivare o disattivare la profilazione pubblicitaria sulle applicazioni mobile è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.aboutads.info/appchoices

Ulteriori informazioni sul trattamento dei dati personali degli utenti da parte di Quentral possono essere consultate nella Informativa Privacy.


Questo sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.


Loader