Ciambella93

Ciambella934702

Ricercatrice della felicità, futura maestra

Il tradimento è biologico?

Ho letto da qualche parte che tradire è scritto nei nostri geni e si rifà all'istinto primario di ogni animale, cioè far sopravvivere la specie. Oggi a tavola si parlava di questo argomento e nel modo più banale possibile mia mamma ha affermato: gli animali vanno con animali della stessa specie ma sempre diversi, eppure il loro "partner" precedente mica si arrabbia:) questo è molto semplicisticamente il succo del discorso.. Il fatto che il tradimento non sia accettato dalla specie umana è una conseguenza dell'evoluzione, che ha reso questo fatto carico di significati etici sociali psicologici e chi più ne più ne metta. Io personalmente non conosco NESSUNA coppia o ex coppia per l'appunto, a cui non sia capitato almeno una volta di tradire il proprio compagno/a. Poi se dopo il tradimento la coppia ha continuato a esistere o meno è un altro discorso, io credo che questo articolo che ho letto sia tristemente vero, con questo non significa che l'amore vero non esista. Io credo che l'amore possa durare 1 anno come 30 anni ma che prima o poi il tradimento, la scappatella ecc succede.Proprio perché l'amore vero forse ha una scadenza temporale, dopo un certo periodo si resta insieme per affetto,abitudine,per i figli. Forse mi sbaglio ed esiste davvero al mondo una coppia che sta insieme da tutta la vita e nessuno dei due ha mai avuto altri partner, boh. Faccio questo discorso perché conosco ragazze convinte che il loro fidanzato sia il più sincero e innamorato del mondo, e poi mi è capitato di incontrare questi fantomatici fidanzati in discoteca a rimorchiare allegramente altre ragazze, mentre la povera fidanzata ignara di tutto era a casa.Oppure altri ragazzi convinti che i loro genitori siano una coppia felice e sincera, quando in realtà se ne sono fatte di ogni, ma che ovviamente ai figli non lo vanno a dire per paura di rovinare la loro vetrina di famiglia della Mulino Bianco. Insomma, che ne pensate?  
 08/11/2014 15:41:07
utente anonimo
Aggiungi il tuo commento
48 commenti
l'ultima ricerca dei soliti americani dice che il 56% delle donne e l'83% degli uomini, desiderano rapporti extraconiugali. Io propendo per la parità, su questo le donne alzano le difese antizoccola, e molte di loro avranno mentito. Cioè tutti desideriamo accoppiarci con partner differenti. Non siamo monogami, infatti l'amore passionale, quello che ti tiene legato al partner, in media dura tre-4 anni, che è quanto serve al cucciolo di uomo per formarsi e giungere a un minimo di indipendenza, almeno da non richiedere le continue attenzioni della madre che in questo caso ha bisogno di essere accudita perchè non ha tempo di procacciarsi il cibo. Il nucleo familiare nasce per questo, padre a procacciare il cibo per se e per la famiglia. Madre impegnata ad accudire la prole. Finito questo idillio, non si è più innamorati, si ricomincia. I maschi sono progettati per ingravidare pure tre donne al giorno, la donna meno. Questo spiega la maggiore propensione al tradimento dei maschi della nostra specie. Hanno una spinta innata a spargere il seme. Questo fenomeno però ha dei limiti, delle controindicazioni che poi sono state incorporate nelle religioni. Il tabù dei consanguinei, perchè propaga tare genetiche. E una certa castità autoimposta per evitare il contagio da malattie terribili che si trasmettono con l'accoppiamento.  Questo è quello che riguarda il nostro istinto, ma siccome siamo animali complessi, agiamo per un mix di istinto e ragionamento. L'istinto mi dice di saltarti addosso e fornicare, il ragionamento mi impone di salutarti con rispetto, il mix: ti regalo un mazzo di fiori. Secondo il mio parere bisogna assecondare la propria natura, c'è chi trova conforto nel tradimento, c'è chi ama l'idea di famiglia, calore, continuità. Chi trova tutto questo opprimente e ripetitivo. Ci sono N tipi umani, l'importante è che ognuno trovi il suo spazio vitale. 
 08/11/2014 16:18:23
Questo utente si è disattivato

Affermazioni di questo tipo mi fanno inevitabilmente sorridere :) Conosco almeno 2 coppie che sono assieme una da 20 anni l'altra da 40, insieme nelle difficoltà e nella malattia, senza mai tradirsi.

La biologia si applica ai mandrilli, agli ornitorinchi o agli afidi. Nell'essere umano non si può dire semplicemente che sia "naturale tradire". Si potrebbe rispondere che in quanto mammiferi c'è una più spiccata tendenza alla monogamia, almeno in teoria, volta alla protezione della prole. Io sono un maschio, ma in prima istanza sono un uomo. Essere umano. Homo Sapiens Sapiens: sono un mammifero un attimo differente da un coniglio o un macaco, e anche come amante della scienza mi piacerebbe che il mio comportamento non fosse ipersemplificato solo perché "fa comodo". È vero che mi piace avere molte frequentazioni femminili, e mentirei se dicessi ce non mi piacerebbe l'idea di avere un sacco di ragazze tra cui "scegliere" (per la cronaca non ne ho manco una :P ahahahah ), ma per amore si può anche morire, l'amore va al di là di questo, della biologia e degli ormoni (anche se la base è quella). Poi, se vogliamo adagiarci su questa convinzione pseudo-scientifica per "stare manzi", io non ho nulla da dire : solo sappiate che si sta ipersenolificando, e lo si fa per stare tranquilli :) Io non mi reputo un macaco, tutto qui :)

 08/11/2014 16:44:54
Ciambella93

Ciambella934702

Ricercatrice della felicità, futura maestra

Myrmecos, le mie affermazioni derivano dalle esperienze e dagli esempi che ho, in famiglia e non. io riportavo quanto detto in questo studio:)  semplificare il comportamento non era secondo me perché fa comodo, anzi, io penso che sia una cosa alquanto difficile ammettere che siamo più simili agli afidi o ai mandrilli di quanto vogliamo raccontarci, con tutta l'evoluzione compresa. Puoi essere il più premiato scienziato del secolo o la persona più sincera che esista, ma se vuoi rispondere all'istinto carnale di tradire, mandi a farsi fottere il tuo raziocinio, buonsenso,coscienza e intelligenza e lo fai. E in ogni caso io mi baso sulle esperienze di vita che ho avuto fino ad ora, mi auguro di sbagliarmi e aver la fortuna anche io di conoscere una coppia così:) apprezzo sempre molto i tuoi interventi, ci tenevo a dirlo!
 08/11/2014 16:53:54
Questo utente si è disattivato
in risposta a ↑

Ciambella93. Capisco il tuo punto di vista, e in parte concordo :) Però credo che il fatto che siamo più simili agli altri animali di quanto magari vorremmo ammettere, mi sembra un po' abusata come scusa. Se la mia ragazza mi tradisse e mi rifilasse una giustificazione di questo tipo, perdona la volgarità, ma allora un bel "cagna" è giustificato a tutti i livelli, più o meno letterale. Se abbracciamo una visione di quel tipo (che non è sbagliata, attenzione: semplicemente, non è universale) la mia paura è che rischiamo di perdere la dimensione affettiva, che per quella che è invece la mia di esperienza esiste ed è a volte molto potente, più potente del "richiamo della foresta"(if you know what I mean xD ). Stammi bene ;-)

 08/11/2014 16:59:48
in risposta a ↑ Myrmecos,  la questione non è giustificare  il tradimento con l'istinto, ma rimettere nella giusta considerazione l'adulterio come evento "naturale". La fedeltà è una promessa, un accordo, un patto. Quando ci sentiamo traditi questo patto si sgretola e si rimette in discussione la fiducia che avevamo riposto nell'altro. Ma è sempre un altro, un altro essere umano che ha i suoi punti di forza e di debolezza. Una scappatella extraconiugale non può essere un motivo valido per demolire anni, decenni di dedizione al compagno/a di vita. Inoltre se non fossimo "macachi" come si spiega la diffusione e il successo economico planetario della pornografia, se non con la forte attrazione che esercita sugli esseri umani fornicare liberamente? Fra il desiderio di accoppiarsi con un attrice porno e la sua messa in pratica l'ostacolo è il semplice fatto di non averla presente in carne ed ossa. Non ti sembra un tantino ipocrita? Quindi che razza di vantaggio ne ricaviamo nel cancellare un aspetto così evidente della nostra natura umana, sopprimendolo con sovrastrutture culturali che provocano ansie, frustrazioni e depressioni, che poi sfociano in divorzi, guerre legali, follia omicida, suicidio etc. Non è meglio essere preparati, essere consapevoli che nessuno è immune da questi accidenti, e che come tali vanno valutati. Incidenti di percorso superabili da una relazione  sufficientemente forte? Nessuno giustifica niente, solo occhio! Siamo più fragili di quello che pensiamo, non coltiviamo l'illusione di sopravvalutare noi stessi e chi abbiamo vicino. Questo può ferirci mortalmente in un qualsiasi momento della nostra vita.
 09/11/2014 07:53:15
Questo utente si è disattivato
in risposta a ↑

nikoladifiore, Come ho detto, sarebbe ipocrita da parte mia non ammettere che esista la componente istintiva, e che non sia spesso alla base di molti dei nostri comportamenti. Semplicemente trovo molto fastidioso, ma forse questo effetto riguarda solo me, innanzi tutto una generalizzazione indebita (esiste chi trova i porno addirittura fastidiosi) e poi un eccessivo ricorso alla giustificazione di stampo biologico, quasi fossimo delle scimmie meno pelose. Per carità, ciascuno sia libero di vivere la propria vita in armonia con se stesso. Un incidente è per definizione una circostanza non ricercata, e quindi non è parte della casistica di cui parlo

 09/11/2014 08:07:14
Ciambella93

Ciambella934702

Ricercatrice della felicità, futura maestra

in risposta a ↑

nikoladifiore, ti ringrazio per aver esplicitato in modo chiaro molti dei miei pensieri:)

 09/11/2014 10:35:50
GuidoPerassolo

GuidoPerassolo5048

impiegato

Ci sono tanti tipi di persone , può esserci la persona che è più portata ad essere passionale e tendenzialmente tradisce mentre un  altra che si "accontenta" di uno / una  per tutta la vita, ci sono anche santi e sante che dedicano la loro vita allo spirito e non sentono il bisogno di accoppiarsi.

Direi che come ha detto nikolafiore è soggettivo da persona a persona.

 08/11/2014 16:46:12
utente anonimo

Anonimo

la nostra natura animale ci porterebbe a tradire per assicurare un buon dna alla discendenza.

Tuttavia l'uomo non possiede solo la natura animale, è stato dotato di libero arbitrio che in parole semplici significa coscienza e consapevolezza. Ecco che in presenza di questa componente fondamentale che ci distingue dai nostri fratelli animali, l'umanità non può fare appello solo alla pulsione sessuale ma mettere in funzione il cervello e sopratutto essere consapevole che il tradimento è una mancanza di rispetto nei confronti dell'altro soggetto della coppia. 

In questa valutazione non cercate di trovare alcun moralismo è una semplice constatazione. Se si vuole essere liberi di dare sfogo alla personale natura animale è meglio non creare alcun vincolo affettivo o di coppia, solo così si è veramente coerenti

 08/11/2014 18:12:54

 La monogamia è una convenzione che la società si è auto-imposta per motivi di apparente quieto vivere. In realtà il desiderio di possesso esclusivo di un'altra persona non fa altro che creare più problemi di quanti ne dovrebbe evitare. Con questo non voglio dire che non si dovrebbe vivere in monogamia, chi ci riesce e piace farlo, lo faccia, ma cerchiamo di accettare il fatto che quando ci leghiamo ad una persona può non essere per sempre e può non essere esclusivo. Prima capiamo e accettiamo questo fatto e prima vivremmo più sereni e felici.

A questo proposito vorrei citare alcune frasi di Osho:


Il matrimonio è un tentativo di legalizzare l’amore
Osho,
qual'è il segreto per rimanere felici e sposati?
 
"É impossibile! Non è mai accaduto, non può accadere per via della natura delle cose. Il matrimonio è qualcosa contro natura. Il matrimonio è un’imposizione, un invenzione dell’uomo, certamente per necessità, ma ora perfino quella necessità è fuori moda. Era un male necessario nel passato, ma ora può essere eliminato. E dovrebbe essere abbandonato: l’uomo ha sofferto abbastanza per questo, più che abbastanza. É una brutta istituzione per la semplice ragione che l’amore non può essere legalizzato. L’amore e la legge sono fenomeni contraddittori.
Il matrimonio è uno sforzo per legalizzare l’amore. E questo sforzo nasce dalla paura. É pensare al futuro, al domani. L’uomo pensa sempre al passato e al futuro, e per causa di questo pensiero costante del passato e del futuro, distrugge il presente. E il presente è l’unica realtà che ci sia. Si deve vivere nel presente. Il passato deve morire e deve essere lasciato morire…
Tu mi domandi, 'Qual’è il segreto per rimanere felice e sposato?'
Non lo so! Nessuno lo ha mai saputo. Perchè Gesù avrebbe dovuto rimanere celibe se avesse conosciuto il segreto? Conosceva il segreto del regno di Dio, ma non il segreto per rimanere felice e sposato. Rimase celibe. Mahavira, Lao Tzu, Chuang Tzu, tutti rimasero celibi per la semplice ragione che non vi è alcun segreto; altrimenti queste persone lo avrebbero scoperto. Sono potuti arrivare alla Meta Finale. Il matrimonio non è poi una cosa cosi grande, è molto superficiale. Hanno anche conosciuto Dio, ma non hanno potuto capire il matrimonio."

"Sembri assolutamente inconsapevole del fenomeno del matrimonio, che è distrutttivo sia per l’uomo che per la donna. L’amore è creativo, il matrimonio è distruttivo. Ma l’amore non è affidabile: questo momento esiste e il momento dopo è finito. E l’uomo vuole cose permanenti; è ossessionato dalle cose permanenti. Vuole la sicurezza, vuole aggrapparsi. Ecco perchè l’amore non è affidabile, ed è per questo che l'uomo ha creato il matrimonio.
Il matrimonio è un fiore di plastica. L’amore è una vera rosa, ma una vera rosa è bella al mattino e alla sera è svanita. Nessuno può dire quando si dissolverà e quando i petali inizieranno a cadere. Solo un forte vento e cessa di esistere, soltanto un sole intenso e scompare. Ma il fiore di plastica rimane, con la pioggia, con il sole, con ogni cosa, il fiore di plastica resterà lì. Infatti, la plastica è l’unica cosa permanente al mondo. Il matrimonio è un fiore di plastica, il matrimonio è un’istituzione. E chi vuole vivere dentro un’istituzione?"
 09/11/2014 08:50:05
Questo utente si è disattivato

robertoazzara9, credo che svalutare il matrimonio non sia poi così diverso o più utile per il nostro benessere del caricarlo di significati e renderlo sacro e indissolubile ecc... Se il matrimonio è vissuto come coercizione, fa male ed è secondo la mia morale profondamente sbagliato. Se nasce come deliberata volontà di costruire qualcosa con un'altra persona, se con una certa persona nasce qualcosa di profondo, non la trono qualcosa di sbagliato o """"""innaturale"""""". Penso che più che ad una critica del matrimonio tout-court, sia più produttiva quella dell'ansia del matrimonio e della coercizione. Personalmente è così che interpreterei le parole di Osho (anche se è un pensatore che non ho molto in simpatia xD ma questo non c'entra un bel nulla)

 09/11/2014 09:12:20
in risposta a ↑

Myrmecos, si ma certe volte la coercizione la imponiamo a noi stessi, era questo che intendevo dire.  La mia è una visione utopistica dove non sono più necessari il matrimonio e i rapporti esclusivi, dove uno può scegliere di legarsi o no ad un'altra persona, ed esista una totale sincerità nei rapporti.

Di Osho conosco solo questi scritti (e altri) sul matrimonio, che fondamentalmente condivido. 

 09/11/2014 09:36:36

QUAG SI IMPEGNA A PROTEGGERE LA TUA PRIVACY

Cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Accettando questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.
Vedi il documento in dettaglio »


La presente informativa descrive “che cosa sono i cookie” e quali sono i tipi di cookie utilizzati da Quag nel proprio sito Web.

Che cosa sono i cookie?

Un “cookie” è un file di testo che i siti Web inviano al computer o a un altro dispositivo connesso a Internet del visitatore, per identificare univocamente il browser del visitatore stesso o per salvare informazioni o impostazioni nel browser.

Quag utilizza i cookie nel proprio sito Web?

Quag utilizza i cookie per migliorare il proprio sito Web, per fornire servizi e funzionalità agli utenti, per proporre contenuti e pubblicità in linea con gli interessi del singolo utente. È possibile limitare o disattivare l’utilizzo dei cookie tramite il proprio browser Web, tuttavia, in questo caso, alcune funzionalità del nostro sito potrebbero diventare inaccessibili.

Quali sono tipi di cookie utilizzati da Quag?

Cookie essenziali
Questi cookie sono essenziali per consentire all’utente di navigare nel Sito e utilizzare tutte le sue funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornire alcuni servizi o funzioni e la navigazione sul Sito non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere.

Cookie funzionali
Questi cookie consentono al sito Web di ricordare le scelte effettuate dall’utente al fine di ottimizzare le funzionalità. Ad esempio, i cookie funzionali consentono al sito Web di ricordare le impostazioni specifiche di un utente.

Cookie analitici
Questi cookie consentono di raccogliere dati sull’utilizzo del sito Web da parte dell’utente, compresi gli elementi su cui si fa clic durante la navigazione, al fine di migliorare le prestazioni e il design del sito stesso, ci aiutano inoltre a comprendere ogni difficoltà che l’utente può incontrare nell’utilizzo del Sito. I cookie in questione sono utilizzati esclusivamente per le finalità correlate alla gestione del nostro sito Web.

Cookie di profilazione
I cookie di profilazione vengono utilizzati per analizzare gli interessi e le abitudini di navigazione dei singoli utenti, per personalizzarne la navigazione, per proporre contenuti, anche pubblicitari, in linea con gli interessi dell’utente.

Cookie di terze parti
I cookie di terze parti possono essere sia tecnici che non tecnici, e vengono utilizzati per migliorare l’esperienza di utilizzo del sito da parte dell’utente, per proporre contenuti in linea con gli interessi dell’utente, per pubblicità di potenziale interesse per il singolo utente. I cookie possono essere erogati direttamente dal gestore del sito sul quale si sta navigando (cookie di prima parte) o, nel caso il sito si appoggi a servizi esterni per particolari funzioni, da terzi (cookie di terze parti).
Quag utilizza cookie sia tecnici che non tecnici, anche di terze parti, al fine di migliorare l’esperienza di utilizzo da parte dell’utente, ad esempio secondo il browser utilizzato, selezionando la tipologia dei contenuti visualizzati, proponendo pubblicità in linea con gli interessi per il singolo utente.
Se ti trovi sul sito Quag e visualizzi il banner informativo dell’esistenza dei cookie, accettandolo acconsenti all’utilizzo dei cookie descritti nella presente informativa e implementati nelle pagine del sito Quag.

Come si disattivano o si rimuovono i cookie?

E’ possibile disabilitare le funzioni dei cookie direttamente dal browser che si sta utilizzando, secondo le istruzioni fornite dai produttori.
La maggior parte dei browser permette di impostare regole per gestire i cookie e offre così agli utenti la possibilità di un controllo della privacy, negare la possibilità di ricezione dei cookie, modificare le scelte fatte. Di seguito sono riportate le indicazioni per la gestione dei cookie tramite le impostazioni dei principali browser, facendo ctrl+click sul nome del browser si verrà mandati alla pagina con le relative istruzioni:

Cookie di terze parti utilizzati da Quag
Durante la navigazione su Quag possono essere rilasciati cookie tecnici e non gestiti da terze parti, per finalità tecniche, statistica, per l’erogazione di pubblicità. Questi cookie sono gestiti esclusivamente da terze parti. Si riportano qui di seguito le terze parti coinvolte, i link ai loro siti e alle loro politiche di gestione dei cookie, con indicazione delle relative finalità.

Google Analytics - Cookie statistici
Cookies policy di Google

Google AdSense e DoubleClick (Google Inc.) - Cookie di profilazione
Cookies Policy in Advertising - OptOut

Newrelic e nr-data.net – cookie tecnici
Privacy Policy Newrelic

Facebook - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Facebook

Twitter - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Twitter

Linkedin - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Linkedin

embed.ly - Cookie tecnici
Privacy Policy di Embed

Per ulteriori informazioni sulla pubblicità comportamentale e per sapere come attivare o disattivare singolarmente i cookie e avere indicazioni sui software di gestione dei cookie, è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.youronlinechoices.com/it/

Per sapere come attivare o disattivare la profilazione pubblicitaria sulle applicazioni mobile è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.aboutads.info/appchoices

Ulteriori informazioni sul trattamento dei dati personali degli utenti da parte di Quentral possono essere consultate nella Informativa Privacy.


Questo sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.


Loader