donatella

donatella209423

ex traghettatrice di Quaggers

Amore e lavoro possono andare d'accordo? Lavorare con il proprio partner è possibile o si finisce per rovinare tutto?

In questo articolo (in inglese) si leggono vari consigli da applicare nel caso si lavori in un ufficio in cui sia presente una coppia e uno dei due sia il capo.


Vi è mai capitato? Ritenete sia possibile lavorare insieme, pur essendo una coppia? Quali sono gli stratagemmi da adottare perchè i due rapporti non si deteriorino? E come devono comportarsi gli altri lavoratori?


 03/11/2014 13:06:04 (modificato)
utente anonimo
Aggiungi il tuo commento
24 commenti
diliviomari

diliviomari896

educatrice e imprenditrice di me stessa

Ho lavorato per una coppia, due persone che portavano avanti un progetto molto interessante con i bambini. Facevano animazione all'interno delle corsie degli ospedali. Ho seguito il loro lavoro per un anno e non li ho mai visti litigare, in pubblico si comportavano come due colleghi, anche se tutti sapevamo che erano sposati. Ritengo che le cose cambino a seconda del settore. In un ufficio, se uno dei due è il superiore, potrebbero crearsi dissidi e tentativi di prevaricazione.
 03/11/2014 21:33:38
donatella

donatella209423

ex traghettatrice di Quaggers

diliviomari, anche a me è capitato di conoscere coppie che perseguivano uno scopo comune, lavorando in associazioni nel campo dello spettacolo. Credo che, con una passione comune, la cosa diventi più semplice. Forse in ambiti lavorativi più "tradizionali" possono subentrare piccoli (o grandi) giochi di potere che potrebbero creare problemi, anche con i collaboratori. Personalmente, credo che mi troverei piuttosto male a lavorare con il mio partner, preferisco tenere le cose ben separate.
 04/11/2014 19:03:25
dipende dal tipo di lavoro in certi tipi di lavoro la produttività ne risente perché ovviamente si e portati ad essere più benevoli con il proprio partner 
 04/11/2014 03:12:53
diliviomari

diliviomari896

educatrice e imprenditrice di me stessa

CAPITANOOO, qualche volta accade il contrario. si creano tensioni proprio perchè il superiore è portato ad essere meno benevolo con il partner. sono equilibri molto fragili specialmente verso gli altri dipendenti.
 04/11/2014 10:23:04
in risposta a ↑ diliviomari, può darsi ,pero questa situazione mi e capitata molteplici volte ,e mi  e sembrato sempre che le cose stessero come dicevo in precedenza
 04/11/2014 15:07:53
donatella

donatella209423

ex traghettatrice di Quaggers

in risposta a ↑ Ciao CAPITANOOO, ci racconti qualche episodio curioso e significativo? E' chiaro che è difficile dare una visione unica di una situazione così particolare come l'unione di amore e lavoro. Si tratta di due settori che possono scatenare conflitti o momenti di tensione, in generale... mettili insieme e può scoppiare il finimondo. Hai voglia dii farci qualche esempio particolare della tua esperienza?
 05/11/2014 07:34:10
in risposta a ↑

donatella, guarda mi ci sono trovato sia nel lavoro sia all università, il punto e che queste persone molte volte si ritrovano in quel posto proprio grazie al grado di parentela,spesso perché sono marito e moglie , l università italiane sono piene di questi casi.

di conseguenza,queste persone sapendo di avere le spalle coperte, essendo coniugi di chi comanda e ha anche il potere di metterle a ricoprire quel ruolo ,cattedra o posto in ufficio che sia,si sentono con le spalle coperte,e prendono spesso tutte le cose che fanno molto alla leggera,perché tanto sanno che nessuno li controlla o li redarguisce o li caccia

 05/11/2014 14:41:39
donatella

donatella209423

ex traghettatrice di Quaggers

in risposta a ↑ CAPITANOOO, è vero, nel settore universitario si applica piuttosto bene quanto dici. Chi glielo fa fare ad avere contrasti?
 07/11/2014 18:47:45
utente anonimo

Anonimo

E' assolutamente possibile far convivere il rapporto di coppia con il rapporto lavorativo, tutto dipende dalla qualità delle persone. 


Ecco gli ingredienti che a mio avviso non possono mancare per far funzionare le cose:


  • E' fondamentale evitare di portare a lavoro gli eventuali problemi di coppia e convivenza, così come è fondamentale evitare di portare a casa gli eventuali problemi che possono sorgere nell'ambito lavorativo.
  • E' fondamentale avere un profondo rispetto reciproco.
  • E' fondamentale essere dotati di una corposa dose di buonsenso.

  • E' fondamentale capire che sul lavoro, per forza di cose, si svilupperanno necessariamente dinamiche che porteranno ad una divergenza di vedute, ma che la soluzione a questi conflitti non potrà certo essere quella adottata nella vita a due.

  • E' fondamentale non dare le cose per scontate in virtù di un rapporto piuttosto che dell'altro.
  • E' fondamentale svestire i panni del partner quando si è a lavoro e quelli del collega quando si è a casa.

La cosa più importante di tutte è però senza dubbio quella di avere ben chiaro che, soprattutto se uno dei due è subordinato, il rapporto di coppia non deve dar adito a corsie preferenziali a favore dell'uno o dell'altro,  autorizzare, in suo nome, prevaricazioni o, peggio, gratuite invasioni di campo.


Vitale è poi senza dubbio riuscire a ritagliarsi il proprio spazio, sia dal punto di vista fisico che dal punto di vista intellettuale, certo questo risulterà più difficile se si è impegnati nello stesso specifico compito, ma non è impossibile. 


La condivisione dell'ambiente lavorativo con il proprio partner può diventare fonte di stimoli anche per il rapporto di coppia e consentire la conoscenza reciproca di lati del carattere che altrimenti non potremmo conoscere, questa cosa può essere d'aiuto nel costruire ulteriore convergenza di vedute e comunanza di interessi con il proprio partner, ovviamente, tutto deve essere necessariamente condito da una copiosa dote di buon senso, in caso contrario, dubito in merito al buon esito del rapporto di coppia, così come di quello lavorativo.


Se però gli ingredienti sopra ci sono tutti, il rapporto di coppia/lavorativo può esistere eccome :-)!


Ciao :-) :-) :-).

 05/11/2014 15:22:26
donatella

donatella209423

ex traghettatrice di Quaggers

Anonimo, eh sì, "Se però gli ingredienti sopra ci sono tutti, il rapporto di coppia/lavorativo può esistere eccome". Diciamo che, leggendo quanto scrivi, mi viene da pensare che le caratteristiche di cui parli non sempre si applicano a tutte le coppie, in generale, figuriamoci alle coppie che lavorano insieme. Ci vuole davvero un grande impegno e molta, molta, molta intelligenza :-))
 05/11/2014 21:51:14

Credo che sia meglio non condividere lo stesso ambiente lavorativo, io ci sono passata, poi dipende molto dal carattere di entrambi e dalle posizioni che si occupano. Se si può evitare é meglio.

 08/11/2014 07:23:06
donatella

donatella209423

ex traghettatrice di Quaggers

crisalide80, la tua esperienza è stata negativa, mi pare di capire. Hai voglia di raccontare qualcosa in più? Naturalmente senza entrare in storie troppo personali, ma secondo te il fatto di andare d'accordo o meno sul lavoro, può essere una "sorpresa"? Cioè, una coppia molto affiatata nella vita, potrebbe esserlo anche sul lavoro, oppure non è detto?


Vedo che sei una nuova Quagger, colgo l'occasione per darti il mio benvenuto ;-)

 09/11/2014 20:13:29
fabs_fabs

fabs_fabs9753

I have a Dream

E' accaduto ad un mio caro amico e la sua segretaria. Lei se ne andò di sua iniziativa. A me personalmente non è mai successo però in ,molte aziende la moglie del titolare è in azienda. Parlo delle aziende del nord-est dove il lavoro viene prima di tutto.
 09/11/2014 20:21:55
donatella

donatella209423

ex traghettatrice di Quaggers

fabs_fabs, be', non solo nel nord-est il lavoro viene prima di tutto. In che senso dici questo?  ;-)
 11/11/2014 15:10:33
fabs_fabs

fabs_fabs9753

I have a Dream

in risposta a ↑ donatella, intendo che molti titolari d'azienda mettono il lavoro prima di tutto.
 11/11/2014 19:21:41
donatella

donatella209423

ex traghettatrice di Quaggers

in risposta a ↑ fabs_fabs, sì, ho capito. Vuol dire che il lavoro è talmente importante che le questioni familiari diventano secodarie, o almeno non tanto importanti da trasformarsi in fastidio sul posto di lavoro.
 12/11/2014 21:17:51
fabs_fabs

fabs_fabs9753

I have a Dream

in risposta a ↑

donatella, si, è un po' triste ma reale al 100%. La dedizione al lavoro è totale. 


Conosco personalmente la figlia del titolare di una nota azienda di abbigliamento veneta. Il suo compagno lavora nello stesso stabilimento. Lavorano dal lunedi al sabato compreso dalle 8 alle 20 circa. In più ci sono spesso i viaggi di affari internazionali. A fine giornata vanno a casa, mangiano e vanno a dormire.

Per posizioni di responsabilità negli affari ho notato che difficilmente si riesce a portare avanti un business lavorando meno di 10-12 ore al giorno, ci sono troppe cose da fare!

Io non riesco a concepire questa cosa, non potrei mai far mia una vita con lavoro 7/7  e magari con la mia partner. Voglio una donna con il suo mondo e che si intrecci al mio di mondo per arricchirci a vicenda.

 12/11/2014 21:50:54
donatella

donatella209423

ex traghettatrice di Quaggers

in risposta a ↑ fabs_fabs, in effetti non è un'immagine entusiasmente. Il lavoro conta, questo sì, ma metterlo anche prima degli affetti è piuttosto deprimente...
 14/11/2014 22:12:11

QUAG SI IMPEGNA A PROTEGGERE LA TUA PRIVACY

Cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Accettando questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.
Vedi il documento in dettaglio »


La presente informativa descrive “che cosa sono i cookie” e quali sono i tipi di cookie utilizzati da Quag nel proprio sito Web.

Che cosa sono i cookie?

Un “cookie” è un file di testo che i siti Web inviano al computer o a un altro dispositivo connesso a Internet del visitatore, per identificare univocamente il browser del visitatore stesso o per salvare informazioni o impostazioni nel browser.

Quag utilizza i cookie nel proprio sito Web?

Quag utilizza i cookie per migliorare il proprio sito Web, per fornire servizi e funzionalità agli utenti, per proporre contenuti e pubblicità in linea con gli interessi del singolo utente. È possibile limitare o disattivare l’utilizzo dei cookie tramite il proprio browser Web, tuttavia, in questo caso, alcune funzionalità del nostro sito potrebbero diventare inaccessibili.

Quali sono tipi di cookie utilizzati da Quag?

Cookie essenziali
Questi cookie sono essenziali per consentire all’utente di navigare nel Sito e utilizzare tutte le sue funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornire alcuni servizi o funzioni e la navigazione sul Sito non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere.

Cookie funzionali
Questi cookie consentono al sito Web di ricordare le scelte effettuate dall’utente al fine di ottimizzare le funzionalità. Ad esempio, i cookie funzionali consentono al sito Web di ricordare le impostazioni specifiche di un utente.

Cookie analitici
Questi cookie consentono di raccogliere dati sull’utilizzo del sito Web da parte dell’utente, compresi gli elementi su cui si fa clic durante la navigazione, al fine di migliorare le prestazioni e il design del sito stesso, ci aiutano inoltre a comprendere ogni difficoltà che l’utente può incontrare nell’utilizzo del Sito. I cookie in questione sono utilizzati esclusivamente per le finalità correlate alla gestione del nostro sito Web.

Cookie di profilazione
I cookie di profilazione vengono utilizzati per analizzare gli interessi e le abitudini di navigazione dei singoli utenti, per personalizzarne la navigazione, per proporre contenuti, anche pubblicitari, in linea con gli interessi dell’utente.

Cookie di terze parti
I cookie di terze parti possono essere sia tecnici che non tecnici, e vengono utilizzati per migliorare l’esperienza di utilizzo del sito da parte dell’utente, per proporre contenuti in linea con gli interessi dell’utente, per pubblicità di potenziale interesse per il singolo utente. I cookie possono essere erogati direttamente dal gestore del sito sul quale si sta navigando (cookie di prima parte) o, nel caso il sito si appoggi a servizi esterni per particolari funzioni, da terzi (cookie di terze parti).
Quag utilizza cookie sia tecnici che non tecnici, anche di terze parti, al fine di migliorare l’esperienza di utilizzo da parte dell’utente, ad esempio secondo il browser utilizzato, selezionando la tipologia dei contenuti visualizzati, proponendo pubblicità in linea con gli interessi per il singolo utente.
Se ti trovi sul sito Quag e visualizzi il banner informativo dell’esistenza dei cookie, accettandolo acconsenti all’utilizzo dei cookie descritti nella presente informativa e implementati nelle pagine del sito Quag.

Come si disattivano o si rimuovono i cookie?

E’ possibile disabilitare le funzioni dei cookie direttamente dal browser che si sta utilizzando, secondo le istruzioni fornite dai produttori.
La maggior parte dei browser permette di impostare regole per gestire i cookie e offre così agli utenti la possibilità di un controllo della privacy, negare la possibilità di ricezione dei cookie, modificare le scelte fatte. Di seguito sono riportate le indicazioni per la gestione dei cookie tramite le impostazioni dei principali browser, facendo ctrl+click sul nome del browser si verrà mandati alla pagina con le relative istruzioni:

Cookie di terze parti utilizzati da Quag
Durante la navigazione su Quag possono essere rilasciati cookie tecnici e non gestiti da terze parti, per finalità tecniche, statistica, per l’erogazione di pubblicità. Questi cookie sono gestiti esclusivamente da terze parti. Si riportano qui di seguito le terze parti coinvolte, i link ai loro siti e alle loro politiche di gestione dei cookie, con indicazione delle relative finalità.

Google Analytics - Cookie statistici
Cookies policy di Google

Google AdSense e DoubleClick (Google Inc.) - Cookie di profilazione
Cookies Policy in Advertising - OptOut

Newrelic e nr-data.net – cookie tecnici
Privacy Policy Newrelic

Facebook - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Facebook

Twitter - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Twitter

Linkedin - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Linkedin

embed.ly - Cookie tecnici
Privacy Policy di Embed

Per ulteriori informazioni sulla pubblicità comportamentale e per sapere come attivare o disattivare singolarmente i cookie e avere indicazioni sui software di gestione dei cookie, è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.youronlinechoices.com/it/

Per sapere come attivare o disattivare la profilazione pubblicitaria sulle applicazioni mobile è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.aboutads.info/appchoices

Ulteriori informazioni sul trattamento dei dati personali degli utenti da parte di Quentral possono essere consultate nella Informativa Privacy.


Questo sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.


Loader