vicky63

vicky636173

traduttrice

Ho l'impressione che il livello culturale medio e l'impegno su Facebook siano in calo e a un punto di non ritorno. Che questo gioco sia finito?

 28/10/2014 00:31:26 (modificato)
utente anonimo
Aggiungi il tuo commento
19 commenti
utente anonimo

Anonimo

Non credo proprio che sia finito. Il livello culturale di Facebook lo fanno le persone e se si cercano quelle giuste il livello non scende affatto anzi. Il mio gruppo di amici è qualificato. Prima i accettare una nuova  amicizia  controllo bene che sia "compatibile" al mio gruppo
 28/10/2014 00:41:53
Vitiana

Vitiana451

writer

Anonimo, questo è un accorgimento che dovrebbe essere adottato come regola primaria. Forse, in questo modo, si possono superare flussi di aggregazione incontrollati quanto inutili, come gli stessi 'suggerimenti' di amicizie che Fb targettizza a dovere, soprattutto in base alle sue politiche commerciali. Concordo.
 28/10/2014 11:46:40
vicky63

vicky636173

traduttrice

Anonimo, Concordo in parte col tuo intervento, quello che mi lascia perplessa da quando mi sono iscritta qualche anno fa è il fatto che il tutto è nato per mettere insieme amici e conoscenti vicini e lontani ma poi la parola amicizia e il suo significato si sono ridotti, in quel contesto, per una grossissima percentuale ad essere solo dei clic senza anima.

Mi piace come strumento per conoscere persone nuove piuttosto che per mantenere contatti con le persone a me vicine, con quelle comunico di persona, non sento il bisogno di usare un social network.

 28/10/2014 20:50:32
utente anonimo

Anonimo

in risposta a ↑ vicky63, Facebook è molte cose tra cui anche informazione e conoscenza. . Faccio un esempio: con un coltello ci puoi tagliare il pane o ammazzare un essere umano. Tutto dipende da come si usano le cose ; e perchè non si rivoltino contro di noi bisogna utilizzarle in modo consapevole
 28/10/2014 22:05:19
vicky63

vicky636173

traduttrice

in risposta a ↑ Anonimo, la consapevolezza... una meta del viaggio da fare da soli, magari seguendo le orme di amici
 28/10/2014 22:48:00
Anubi

Anubi54303

義, Gi 勇, Yu 仁, Jin 礼, Rei 誠, Makoto

Ciao, non credo che il livello culturale si sia abbassato improvvisamente. E' sempre stato basso (basta pensare alle circostanze nelle quali è nato) , il problema è che è diventato uno standard mondiale. 
 28/10/2014 08:37:12
vicky63

vicky636173

traduttrice

Anubi, Quindi convieni con me che il livello generale sia omologato verso il basso?
 28/10/2014 20:51:35
Anubi

Anubi54303

義, Gi 勇, Yu 仁, Jin 礼, Rei 誠, Makoto

in risposta a ↑ vicky63, Si concordo, e credo che il peggio non lo abbiamo ancora visto.
 29/10/2014 09:37:01
Greis

Greis16258

User Experience Designer

Sul livello culturale sono d'accordo con Anonimo, ognuno si sceglie la sua cerchia di contatti e decide così il livello a lui più consono. Sull'impegno, sono d'accordo con te. Io credo che il rapporto prolungato sempre con la stessa cerchia di "amici" arrivi ad un punto di obsolescenza, che demotiva la relazione impeganata a favore dei piccoli segnali di presenza. Insomma, la cerchia di contatti su Facebook cresce a macchia d'olio in maniera indifferenziata (non è segmentata sugli interessi), raccoglie amici, parenti conoscenza di lavoro, alcuni di questi contatti sono obsoleti, ma la loro rimozione è emotivamente difficile (chi ha il coraggio di togliere l'amicizia ad un vecchio amico del liceo?)... Il mio parere è che tutti questi aspetti, che io riassumo nella parola "obsolescenza", rendono la creazione di un contributo un momento sempre meno eccitante e meno motivato.
 28/10/2014 08:45:32
Vitiana

Vitiana451

writer

Greis, mi trovi d'accordo. Penso che la piattaforma stia comunque, nonostante qualche eccezione meritevole di gruppi specifici, migrando verso un livello sempre più basso anche per ciò che riguarda l'interazione tra le persone. Fino a qualche tempo fa, si potevano notare post con un minimo di logica ma, ultimamente sembra che sia diventata una sorta di 'arena' dove tutti urlano e si azzannano anche per delle inezie. Chiaramente generalizzare non è mai produttivo ma credo che il clima di sottofondo sia questo. Per cui il termine di 'obsolescenza' mi sembra particolarmente adatto a questo scenario.
 28/10/2014 11:43:55
vicky63

vicky636173

traduttrice

Greis, Per quanto riguarda il discorso delle cerchie trovo molto più utile Google+ in questo senso perché permette di differenziare gli interessi, i tipi di legame con le persone, i luoghi e i tempi.

Il dialogo in questo modo è possibile anche a un livello più profondo che non un "mi piace".

 28/10/2014 20:55:09
vicky63

vicky636173

traduttrice

Greis, Facebook come altri social networks Ha fatto delle emozioni e delle delusioni l'humus dove cresce l'offerta commerciale sul lato destro sul diario. Assisto a delle tragedie pazzesche quando elimino qualche "amicizia" di persone che non leggo più da mesi e che si rifanno vivi solo in occasione della cancellazione per arrabbiarsi e insultare. Come all'asilo solo che si presume che gli iscritti siano adulti...
 28/10/2014 20:58:58
Vitiana

Vitiana451

writer

in risposta a ↑

vicky63, verissimo. Un classico che ho visto spesso. Proprio basandomi su queste situazioni ho deciso di trasformare la mia pagina personale di facebook in 'profilo autore'. In questo modo utilizzo la piattaforma come mezzo per interagire ma non sono costretta a vedere lo scorrere allucinante dei post nella home con un carnevale di dubbio gusto. Concordo con quello che hai scritto.

https://www.facebook.com/vitiana.montana

 29/10/2014 13:07:39
Il limite è intrinseco alla piattaforma stessa, il social di suo si presta a lanciare input piuttosto che ad approfondire, facebook in particolare è generico, le notizie si accavallano e non è possibile rintracciare facilmente quelle più obsolete ma interessanti, inoltre necessita di costante scrematura per separare i contenuti validii dallo spam autoreferenziale. Ciò non significa che non ci sia qualità anche lì, solo che ci sono altri strumenti più adatti allo scopo, purtroppo ormai poco frequentati, come blog e forum che mi auguro ritornino in auge.
 28/10/2014 11:25:40 (modificato)
Greis

Greis16258

User Experience Designer

Charlesdexter, 


non è possibile rintracciare facilmente quelle più obsolete ma interessanti

 Verissimo, anche perché le conversazioni su Facebook non sono indicizzate su Google (almeno per quanto ne so io) né hanno una URL per essere raggiunte.

 28/10/2014 13:31:53
in risposta a ↑ Greis, ottima osservazione! Per quanto ne sappia sono indicizzati solo i commenti su siti e blog che usano il plugin di accesso via facebook, per il resto è tutto privato, rendendo il sistema di fatto chiuso alla diffusione fuori dalla piattaforma.
 28/10/2014 14:04:10
vicky63

vicky636173

traduttrice

in risposta a ↑ Greis, Mi sembra che ovunque però siano indicizzati numeri di amici, le visite alle pagine, le interazioni come commenti oppure simili. Correggimi se sbaglio.
 28/10/2014 21:01:08
jukia6

jukia62101

studentessa

Io mi sono cancellata da Facebook, proprio perché è diventato un ritrovo di bimbi che si divertono con "pipicacca". Il mio problema era il crescente razzismo, odio verso i gay ecc, delle mie "amicizie", anzi, contatti, i continui troll con notizie false ecc. PerCiò, non potendo rovinare la mia vita sociale in modo definitivo, ho scelto di chiudere e continuare a pensare che le varie persone siano intelligenti, senza che face mi smonti sistematicamente la fiducia verso il prossimo

 28/10/2014 15:02:51
vicky63

vicky636173

traduttrice

jukia6, Mi sono sempre chiesta come facciano a permanere dei gruppi orrendi che anche se segnalati proseguono la propria attività denigratoria, razzista, sessista, pedofila ecc.

Quando mi capita di rintracciare in uno di questi gruppi un mio contratto o amico diventa immediatamente ex.

 28/10/2014 21:03:57

QUAG SI IMPEGNA A PROTEGGERE LA TUA PRIVACY

Cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Accettando questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.
Vedi il documento in dettaglio »


La presente informativa descrive “che cosa sono i cookie” e quali sono i tipi di cookie utilizzati da Quag nel proprio sito Web.

Che cosa sono i cookie?

Un “cookie” è un file di testo che i siti Web inviano al computer o a un altro dispositivo connesso a Internet del visitatore, per identificare univocamente il browser del visitatore stesso o per salvare informazioni o impostazioni nel browser.

Quag utilizza i cookie nel proprio sito Web?

Quag utilizza i cookie per migliorare il proprio sito Web, per fornire servizi e funzionalità agli utenti, per proporre contenuti e pubblicità in linea con gli interessi del singolo utente. È possibile limitare o disattivare l’utilizzo dei cookie tramite il proprio browser Web, tuttavia, in questo caso, alcune funzionalità del nostro sito potrebbero diventare inaccessibili.

Quali sono tipi di cookie utilizzati da Quag?

Cookie essenziali
Questi cookie sono essenziali per consentire all’utente di navigare nel Sito e utilizzare tutte le sue funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornire alcuni servizi o funzioni e la navigazione sul Sito non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere.

Cookie funzionali
Questi cookie consentono al sito Web di ricordare le scelte effettuate dall’utente al fine di ottimizzare le funzionalità. Ad esempio, i cookie funzionali consentono al sito Web di ricordare le impostazioni specifiche di un utente.

Cookie analitici
Questi cookie consentono di raccogliere dati sull’utilizzo del sito Web da parte dell’utente, compresi gli elementi su cui si fa clic durante la navigazione, al fine di migliorare le prestazioni e il design del sito stesso, ci aiutano inoltre a comprendere ogni difficoltà che l’utente può incontrare nell’utilizzo del Sito. I cookie in questione sono utilizzati esclusivamente per le finalità correlate alla gestione del nostro sito Web.

Cookie di profilazione
I cookie di profilazione vengono utilizzati per analizzare gli interessi e le abitudini di navigazione dei singoli utenti, per personalizzarne la navigazione, per proporre contenuti, anche pubblicitari, in linea con gli interessi dell’utente.

Cookie di terze parti
I cookie di terze parti possono essere sia tecnici che non tecnici, e vengono utilizzati per migliorare l’esperienza di utilizzo del sito da parte dell’utente, per proporre contenuti in linea con gli interessi dell’utente, per pubblicità di potenziale interesse per il singolo utente. I cookie possono essere erogati direttamente dal gestore del sito sul quale si sta navigando (cookie di prima parte) o, nel caso il sito si appoggi a servizi esterni per particolari funzioni, da terzi (cookie di terze parti).
Quag utilizza cookie sia tecnici che non tecnici, anche di terze parti, al fine di migliorare l’esperienza di utilizzo da parte dell’utente, ad esempio secondo il browser utilizzato, selezionando la tipologia dei contenuti visualizzati, proponendo pubblicità in linea con gli interessi per il singolo utente.
Se ti trovi sul sito Quag e visualizzi il banner informativo dell’esistenza dei cookie, accettandolo acconsenti all’utilizzo dei cookie descritti nella presente informativa e implementati nelle pagine del sito Quag.

Come si disattivano o si rimuovono i cookie?

E’ possibile disabilitare le funzioni dei cookie direttamente dal browser che si sta utilizzando, secondo le istruzioni fornite dai produttori.
La maggior parte dei browser permette di impostare regole per gestire i cookie e offre così agli utenti la possibilità di un controllo della privacy, negare la possibilità di ricezione dei cookie, modificare le scelte fatte. Di seguito sono riportate le indicazioni per la gestione dei cookie tramite le impostazioni dei principali browser, facendo ctrl+click sul nome del browser si verrà mandati alla pagina con le relative istruzioni:

Cookie di terze parti utilizzati da Quag
Durante la navigazione su Quag possono essere rilasciati cookie tecnici e non gestiti da terze parti, per finalità tecniche, statistica, per l’erogazione di pubblicità. Questi cookie sono gestiti esclusivamente da terze parti. Si riportano qui di seguito le terze parti coinvolte, i link ai loro siti e alle loro politiche di gestione dei cookie, con indicazione delle relative finalità.

Google Analytics - Cookie statistici
Cookies policy di Google

Google AdSense e DoubleClick (Google Inc.) - Cookie di profilazione
Cookies Policy in Advertising - OptOut

Newrelic e nr-data.net – cookie tecnici
Privacy Policy Newrelic

Facebook - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Facebook

Twitter - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Twitter

Linkedin - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Linkedin

embed.ly - Cookie tecnici
Privacy Policy di Embed

Per ulteriori informazioni sulla pubblicità comportamentale e per sapere come attivare o disattivare singolarmente i cookie e avere indicazioni sui software di gestione dei cookie, è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.youronlinechoices.com/it/

Per sapere come attivare o disattivare la profilazione pubblicitaria sulle applicazioni mobile è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.aboutads.info/appchoices

Ulteriori informazioni sul trattamento dei dati personali degli utenti da parte di Quentral possono essere consultate nella Informativa Privacy.


Questo sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.


Loader