DANIELAOSTIA

DANIELAOSTIA1387

commerciante

Esistono i complotti, societa' segrete, massoneria e illuminati?

vorrei capire di piu' sul "Nuovo Ordine Mondiale" ho letto molto al riguardo, volevo sapere che ne pensate...

 17/10/2014 13:15:08 (modificato)
utente anonimo
Aggiungi il tuo commento
26 commenti
ticonzero

ticonzero49408

Fantasma [ tra non molto ]

Una bufala immensa tanto per distogliere l'attenzione dai problemi reali.
 17/10/2014 13:18:54
DANIELAOSTIA

DANIELAOSTIA1387

commerciante

ticonzero, ci sono molte prove che dicono il contrario pero'

 17/10/2014 13:21:04
ticonzero

ticonzero49408

Fantasma [ tra non molto ]

in risposta a ↑

DANIELAOSTIA, infatti, sono messe in giro proprio per questo:

distrarre l'attenzione dai problemi reali

 17/10/2014 14:03:20
DANIELAOSTIA

DANIELAOSTIA1387

commerciante

in risposta a ↑ ticonzero, per me bisogna prima approfondire al riguardo prima di sparare e dire "è una bufala" o "serve per distrarre"...tante cose servono per distrarre anche i telegiornali, allora sono tutte bufale anche quelle??
 17/10/2014 14:18:28
EideMigliorati

EideMigliorati306

Rompi Scatole

in risposta a ↑

DANIELAOSTIA, Dipende le notizie. Se sono quelle politiche possono essere ALCUNE non vere e si sa che i giornalisti ne sparano.

 08/06/2019 17:49:08
Giovanni

Giovanni28656

Aziendalista

Esistono i network che riuniscono individui, e possono operare a livelli molto alti. Quello che noi chiamiamo complotto spesse volte sono accordi tra questi individui, potenti, che possono avere ricadute non sempre favorevoli per i più che le subiscono (si pensi alle speculazioni sui prodotti alimentari). Nella maggior parte dei casi  questo avviene nel rispetto delle regole (sbagliate) che glielo consentono. Esiste la massoneria, esisteranno pure le organizzazioni segrete (ma, in quanto tali, ci è dato supporre la loro esistenza ma non ne abbiamo certezza). A mio avviso la cosa in assoluto più sconvolgente è che esistono, perché esistono, organizzazioni criminali radicate e interconnesse a livello planetario (si pensi a mafia, camorra, ndrangheta, cartelli narcos, mafia russa, mafia cinese, mafia nigeriana, mafia cecena, yakuza giapponese, ecc ecc) ma queste non hanno bisogni di rendersi invisibili. Sono ben visibili a tutti! Questa è secondo me è la vera piaga planetaria. Esistono anche i politici corrotti, esistono le multinazionali corrotte, e chi più ne ha più ne metta. A me pare, però, che tutti questi signori siano talmente consapevoli della loro potenza che operano praticamente alla luce del sole. Non hanno bisogno dei complotti.  
 17/10/2014 13:40:27
DANIELAOSTIA

DANIELAOSTIA1387

commerciante

Giovanni, bravo infatti...ormai operano alla luce del giorno, vedi Il Club Bilderberg    ...prima si riunivano in segreto ora si sà l'ora e dove...ultimamente e hai visto i manifestanti lì davanti a protestare?basta andare su youtube e cercare le informazioni.

Inoltre questo progetto di "Nwo", ha delle radici nel passato, con simbologie che ancora oggi vengono utilizzate. Potrei dire molto, ma voglio sapere COSA sapete voi e cosa ne pensate.

 17/10/2014 14:20:41
Giovanni

Giovanni28656

Aziendalista

in risposta a ↑ DANIELAOSTIA, personalmente conosco quello che leggo e  i riferimenti sono tanti. Intendo dire che per chiunque abbia la passione per l'economia e i suoi accadimenti è sufficiente leggere un po' di bibliografia per capire che i dominus della finanza sono i dominus del mondo e che lo sono per la semplice ragione che operano al di sopra delle teste delle persone comuni (talvolta intere nazioni). Oltre a ciò, è altrettanto evidente che esistano correnti a organizzazioni, più o meno lecite, più o meno "istituzionali" che non operano in maniera propriamente comprensibile a stretto rigore di logica e di legge. Poi, a livello molto più basso ho visto tante situazioni in cui era quanto meno lecito porsi dei bei quesiti... Quello che penso? Che non mi piacciono le regole costruite a beneficio di pochi (o anche tanti) in spregio ai principi di democrazia e legalità, che non mi piace chi non rispetta le regole, che non mi piace chi è chiamato a fare le regole e a farle rispettare e non fa "bene" il proprio lavoro. Ma questo è il mondo e a parer mio difficilmente lo si cambia.
 17/10/2014 15:28:07
io credo di si, per una ragione molto semplice: il denaro; da quando esiste il denaro i rapporti tra persone sono condizionati, mossi da interesse. Per cui è facile capire che si possa anche arrivare a complottare ;)
 17/10/2014 14:22:22
HEISENBERG73

HEISENBERG7320726

Imbiancatrulli moderno

Da buon lettore di Philip K.Dick non posso che credere alla distopia. :)


Scherzi a parte, non so se sia davvero il Club Bildemberg a tirare le fila dalla stanza dei bottoni, ma credo che una stanza dei bottoni esista a più livelli.

 17/10/2014 15:30:53
DANIELAOSTIA

DANIELAOSTIA1387

commerciante

HEISENBERG73, infatti quello che penso anche io :)
 17/10/2014 15:43:41

Sono cose distinte, la massoneria in Italia è esistita. 

La P2 è stata una Loggia storica del Grande Oriente d'Italia, fondata nel 1877 col nome di “Propaganda massonica”. La sua caratteristica principale era quella di garantire un'adeguata copertura e segretezza agli iniziati di maggior importanza, sia all'interno che al di fuori dell'organizzazione. Per tale motivo la loggia, ribattezzata “Propaganda due” nel secondo dopoguerra (da qui: "P2"), fu sempre alle dipendenze dirette del Gran maestro del GOI sino all'avvento di Licio Gelli. Quest'ultimo venne prima delegato dal Gran maestro Lino Salvini a rappresentarlo in tutte le funzioni all'interno della loggia (1970)[26], poi ne fu nominato Maestro venerabile (1975)[27]. La circostanza che, nel periodo della maestranza, Gelli fosse riuscito a riunire in segreto almeno un migliaio di personalità di primo piano, principalmente della politica e dell'Amministrazione dello Stato, e la pubblicazione del suo programma sovversivo dell'assetto socio-politico-istituzionale, suscitò uno dei più gravi scandali politici nella storia della Repubblica Italiana.

Il 31 ottobre 1981, sette mesi dopo il rinvenimento delle liste degli affiliati alla P2, la corte centrale del Grande Oriente d'Italia, presieduta dal nuovo gran maestro Armando Corona, per evitare ulteriori scandali, espulse Licio Gelli dal consesso massonico, pur asserendo che già nel 1976 la P2 aveva sospeso ufficialmente la propria attività all'interno dello stesso Grande Oriente d'Italia, e da allora non avrebbe più agito all'interno del consesso massonico ufficiale.

La Commissione parlamentare d'inchiesta, presieduta dall'on. Tina Anselmi, concluse che la loggia era una vera e propria "organizzazione criminale"[28] ed "eversiva"; la loggia venne sciolta con la legge 25 gennaio 1982, n. 17.

Lo "scandalo della P2" ha determinato un notevole appannamento dell'immagine della massoneria in Italia, costituendo un danno per tutto il variegato movimento massonico italiano e non solo per il Grande Oriente d'Italia, di cui la P2 era parte.

Il 18 novembre 1984 fu promulgata la nuova costituzione dell'Ordine, in cui si afferma che il Grande Oriente d'Italia rappresenta la sola fonte legittima di autorità massonica nel territorio italiano e nei confronti delle Comunioni massoniche estere. Si stabilisce che il GOI, nei rapporti giuridici con la società civile, si colloca tra le associazioni non riconosciute. Vengono inoltre introdotte importanti novità in ordine alla trasparenza interna dell'organizzazione.

Tuttavia il Grande Oriente d'Italia rimase segnato dalla vicenda della P2. Nel 1993, all'indomani di un'ulteriore inchiesta giudiziaria, l'inchiesta Cordova (dal nome del Pubblico Ministero di Palmi Agostino Cordova, titolare dell'indagine), l'allora Gran Maestro del Grande Oriente d'Italia Giuliano Di Bernardo preferì prendere con forza le distanze dall'Obbedienza che presiedeva, fondando la Gran Loggia Regolare d'Italia, che immediatamente ottenne il riconoscimento della Gran Loggia Unita d'Inghilterra, che da allora manterrà senza soluzione di continuità.

 25/05/2019 12:45:22

QUAG SI IMPEGNA A PROTEGGERE LA TUA PRIVACY

Cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Accettando questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.
Vedi il documento in dettaglio »


La presente informativa descrive “che cosa sono i cookie” e quali sono i tipi di cookie utilizzati da Quag nel proprio sito Web.

Che cosa sono i cookie?

Un “cookie” è un file di testo che i siti Web inviano al computer o a un altro dispositivo connesso a Internet del visitatore, per identificare univocamente il browser del visitatore stesso o per salvare informazioni o impostazioni nel browser.

Quag utilizza i cookie nel proprio sito Web?

Quag utilizza i cookie per migliorare il proprio sito Web, per fornire servizi e funzionalità agli utenti, per proporre contenuti e pubblicità in linea con gli interessi del singolo utente. È possibile limitare o disattivare l’utilizzo dei cookie tramite il proprio browser Web, tuttavia, in questo caso, alcune funzionalità del nostro sito potrebbero diventare inaccessibili.

Quali sono tipi di cookie utilizzati da Quag?

Cookie essenziali
Questi cookie sono essenziali per consentire all’utente di navigare nel Sito e utilizzare tutte le sue funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornire alcuni servizi o funzioni e la navigazione sul Sito non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere.

Cookie funzionali
Questi cookie consentono al sito Web di ricordare le scelte effettuate dall’utente al fine di ottimizzare le funzionalità. Ad esempio, i cookie funzionali consentono al sito Web di ricordare le impostazioni specifiche di un utente.

Cookie analitici
Questi cookie consentono di raccogliere dati sull’utilizzo del sito Web da parte dell’utente, compresi gli elementi su cui si fa clic durante la navigazione, al fine di migliorare le prestazioni e il design del sito stesso, ci aiutano inoltre a comprendere ogni difficoltà che l’utente può incontrare nell’utilizzo del Sito. I cookie in questione sono utilizzati esclusivamente per le finalità correlate alla gestione del nostro sito Web.

Cookie di profilazione
I cookie di profilazione vengono utilizzati per analizzare gli interessi e le abitudini di navigazione dei singoli utenti, per personalizzarne la navigazione, per proporre contenuti, anche pubblicitari, in linea con gli interessi dell’utente.

Cookie di terze parti
I cookie di terze parti possono essere sia tecnici che non tecnici, e vengono utilizzati per migliorare l’esperienza di utilizzo del sito da parte dell’utente, per proporre contenuti in linea con gli interessi dell’utente, per pubblicità di potenziale interesse per il singolo utente. I cookie possono essere erogati direttamente dal gestore del sito sul quale si sta navigando (cookie di prima parte) o, nel caso il sito si appoggi a servizi esterni per particolari funzioni, da terzi (cookie di terze parti).
Quag utilizza cookie sia tecnici che non tecnici, anche di terze parti, al fine di migliorare l’esperienza di utilizzo da parte dell’utente, ad esempio secondo il browser utilizzato, selezionando la tipologia dei contenuti visualizzati, proponendo pubblicità in linea con gli interessi per il singolo utente.
Se ti trovi sul sito Quag e visualizzi il banner informativo dell’esistenza dei cookie, accettandolo acconsenti all’utilizzo dei cookie descritti nella presente informativa e implementati nelle pagine del sito Quag.

Come si disattivano o si rimuovono i cookie?

E’ possibile disabilitare le funzioni dei cookie direttamente dal browser che si sta utilizzando, secondo le istruzioni fornite dai produttori.
La maggior parte dei browser permette di impostare regole per gestire i cookie e offre così agli utenti la possibilità di un controllo della privacy, negare la possibilità di ricezione dei cookie, modificare le scelte fatte. Di seguito sono riportate le indicazioni per la gestione dei cookie tramite le impostazioni dei principali browser, facendo ctrl+click sul nome del browser si verrà mandati alla pagina con le relative istruzioni:

Cookie di terze parti utilizzati da Quag
Durante la navigazione su Quag possono essere rilasciati cookie tecnici e non gestiti da terze parti, per finalità tecniche, statistica, per l’erogazione di pubblicità. Questi cookie sono gestiti esclusivamente da terze parti. Si riportano qui di seguito le terze parti coinvolte, i link ai loro siti e alle loro politiche di gestione dei cookie, con indicazione delle relative finalità.

Google Analytics - Cookie statistici
Cookies policy di Google

Google AdSense e DoubleClick (Google Inc.) - Cookie di profilazione
Cookies Policy in Advertising - OptOut

Newrelic e nr-data.net – cookie tecnici
Privacy Policy Newrelic

Facebook - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Facebook

Twitter - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Twitter

Linkedin - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Linkedin

embed.ly - Cookie tecnici
Privacy Policy di Embed

Per ulteriori informazioni sulla pubblicità comportamentale e per sapere come attivare o disattivare singolarmente i cookie e avere indicazioni sui software di gestione dei cookie, è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.youronlinechoices.com/it/

Per sapere come attivare o disattivare la profilazione pubblicitaria sulle applicazioni mobile è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.aboutads.info/appchoices

Ulteriori informazioni sul trattamento dei dati personali degli utenti da parte di Quentral possono essere consultate nella Informativa Privacy.


Questo sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.


Loader