Robbins

Robbins91416

By ,by

Dopo 4 anni sei giunto ad una conclusione di questa domanda pre babilonese ?

(Mamma mia se sei indietro!!!!!)

 22/08/2018 14:22:49
Guerriera_della_Luce

Guerriera_della_Luce22406

Libera pensatrice

non c'è nessun paradosso, perchè l'ipotesi "la verità non esiste" non deve necessariamente essere vera


se fosse vera allora ci sarebbe il paradosso, ma può anche essere falsa, e infatti è falsa, specie per il fatto che tu parli di verità in senso generale

già se vuoi solo pensare alla matematica, e tu l'hai perfino messa tra i tag, senza stare nemmeno a scomodare chissà quale assioma o postulato basta che pensiamo al fatto che 2 + 2 nel sistema decimale fa 4 e questa è una verità


quindi non abbiamo a che fare con nessun paradosso, l'ipotesi (creata tutta da te dal nulla) è semplicemente falsa e ne abbiamo già tutte le prove

 26/08/2018 12:47:15
FlavioBertamini

FlavioBertamini79619

Dead man walking

Guerriera_della_Luce, ti dirò che lo stesso ragionamento del post lo avevo fatto tanti anni orsono. E lo ho ripreso in altri threads su Quag. Quindi non direi che "viene dal nulla", anche se non conosco l'origine!

 26/08/2018 12:55:20
Robbins

Robbins91416

By ,by

Guerriera_della_Luce, in sé per sé è un paradosso. 

Il quale afferma che una preposizione sia falsa e vera nello stesso tempo.

Infatti nel tuo ragionamento affermi le due possibilità .

In realtà è fallac'è il ragionamento che fai .

La verità può sia esistere che non esistere .

Esiste nell"attimo che ne hai l'informazione prima è in uno stato di non esistenza .

Come vedi coesistono tutti due gli stati .


 26/08/2018 13:08:22
Guerriera_della_Luce

Guerriera_della_Luce22406

Libera pensatrice

in risposta a ↑

Robbins, un pò come il Paradosso del gatto di Schrodinger dici?


io non mi sono mai trovata con questa cosa che dice che finchè non si apre la scatola il gatto è sia vivo che morto e cos'è delle due cose dipende dall'osservazione


una risposta univoca già c'è, solo che noi non l'abbiamo ancora scoperta


però effettivamente la frase costruisce un paradosso, ma parte da una premessa sbagliata o comunque data per errore sicuramente per vera, e quindi è un "paradosso costruito", non un paradosso che esiste veramente, è solo quello il punto


te ne posso fare pure io un altro a volo a volo: "io mento sempre"



per me il paradosso reale è quello che si verifica in mezzo a solo cose già dimostrate, in mezzo a teorie e non ipotesi, e che ti costringe per spiegarlo ad inserire qualche ulteriore elemento


un esempio di paradosso per me è quello che si verificherebbe se si tornasse indietro nel tempo (andando inevitabilmente a influire sul corso degli eventi), ed è stato dimostrato con le formule che è possibile (pur essendo lontanissimi dall'averne le possibilità).......da qui infatti è nata l'ipotesi del multiverso, proprio perchè ci voleva un altro elemento per spiegare quel paradosso

 26/08/2018 13:23:23 (modificato)
FlavioBertamini

FlavioBertamini79619

Dead man walking

in risposta a ↑

Guerriera_della_Luce, come hai già scritto "non c'è nessun paradosso"! La cosa "strana" semmai è che la dimostrazione è di tipo puramente logico! Non trovi?  

 26/08/2018 17:27:21
Guerriera_della_Luce

Guerriera_della_Luce22406

Libera pensatrice

in risposta a ↑

FlavioBertamini, mi sono già spiegata, nelle mie repliche precedenti trovi tutte le risposte del mio pensiero, compresa questa

 26/08/2018 17:41:54
Robbins

Robbins91416

By ,by

in risposta a ↑

Guerriera_della_Luce, 

Il paradosso si forma quando afferma due verità opposte che coesistono allo stesso momento.

Se torno indietro per ipotesi la mia realtà futura non è coesistente con quella che vivo che sarebbe il mio presente di un futuro che non esiste.

Perciò non coesistono e non sono un paradosso .

Se ammazzo mio nonno lo uccido nel presente non nel passato perciò non può modificare il mio passato che è già cristallizzato .

 26/08/2018 19:39:16
Guerriera_della_Luce

Guerriera_della_Luce22406

Libera pensatrice

in risposta a ↑

Robbins, allora, il paradosso in quel caso (le due verità) sarebbe questo:


1) tornare indietro nel tempo è possibile (verità, dimostrata con le formule da Einstein, viaggiando a una velocità superiore a quella della luce si arriva a destinazione in un tempo precedente alla partenza.....possibile ovviamente non significa che abbiamo o avremo i mezzi per farlo)

2) se torno indietro nel tempo e uccido mio nonno non potrò più nascere (ovvio, se sono il risultato dell'unione di specifiche persone)


sono due verità, no?


poi che quel passato con quel presente non sono coesistenti lo scopriamo dopo, o meglio troviamo poi una spiegazione di come possa essere possibile (linee temporali diverse), ci inseriamo un terzo elemento


ma per lo meno parte da due verità, questo sto semplicemente dicendo


molto diverso dal dire così: la verità non esiste, niente di prima dimostrato, ipotesi


è la mia unica puntualizzazione



pure quello in un certo senso è un "paradosso", ma costruito, non reale, fatto quasi coi giochi di parole, e per risolverlo non c'è bisogno di scomodare terzi elementi......basta rimanere lì e capire dove sta l'errore


nel mio esempio invece, per quanto possiamo dirne, addirittura nemmeno dopo l'abbiamo davvero risolto.......se no vorrebbe dire che saremmo riusciti a dimostrare l'esistenza del multiverso, e ovviamente faremmo ridere se asserissimo di aver fatto questo

quella (e qualsiasi altra possiamo pensare) è solo una possibile spiegazione

 26/08/2018 19:59:58 (modificato)

L’affermazione “La verità non esiste” è paradossale anche quando venga considerata falsa. Nel caso che sia falsa il paradosso è meno evidente perché sta nascosto nella parola “verità”: infatti già la sola parola “verità” è in sé stessa un paradosso, se si prova a riflettere sul suo significato.

La definizione tradizionale di “verità” è “adaequatio rei et intellectus”, cioè corrispondenza tra la realtà e l’idea. Si capisce quindi che la parola “verità” mette insieme tre cose: la realtà, l’idea e la corrispondenza tra le due. A rifletterci bene, si tratta però di più di tre cose, poiché la corrispondenza, per poter essere valutata, ha bisogno di qualcos’altro che la valuti, altrimenti non ha senso parlare di corrispondenza. A questo punto si vede chiaramente che la parola “verità” esprime in realtà tutto un concorso di entità, non esprime qualcosa di semplice e unitario. Se si prova a vedere come queste entità possano avere un senso, in modo da essere messe insieme e in armonia dentro la parola “verità”, viene fuori che quest’armonia è impossibile. L’insieme di queste entità è semplificabile tenendo presente che si tratta di corrispondenza tra soggetto e oggetto. Una volta compreso che è inevitabile tener conto, nella parola “verità”, di almeno un soggetto, viene fuori che il significato in sé della parola “verità” indica qualcosa di soggettivo. Ma se è soggettivo significa che non è verità, ma opinione. L’opinione non può essere considerata verità; l’opinione è impossibilità della verità. In questo modo viene fuori che il paradosso è contenuto già nella sola parola verità:

verità = coinvolgimento di un soggetto

da cui consegue

verità = opinione

da cui consegue

verità = non verità.

 26/08/2018 15:37:01
FlavioBertamini

FlavioBertamini79619

Dead man walking

crestomazio, da te "viene fuori" poco ...

 26/08/2018 16:49:51
Robbins

Robbins91416

By ,by

1 non puoi perché lo spazio si muove e con lui tutte ciò che c'è dentro.

Per tornare in un punto preciso del tempo dovresti tornare in un punto preciso dello spazio.

Il nostro gruppo di galassie si muove rispetto alla radiazione di fondo perciò dovresti calcolare un punto che fluttua in modo causale a velocita enormi .

La terra si muove a 925 km al secondo con orbite causali .

Percio dovresti calcolare nel tempo che intendi spostarti lo spazio casualmente percorso dalla terra.

Esempio andiamo al 26 agosto 2017.

La terra ha fatto 28.771.200.000 km

Ecco perché non è possibile 

2 siccome non sono possibili i viaggi nel tempo è pura fantasia come gli unicorni.

 27/08/2018 05:03:37
Guerriera_della_Luce

Guerriera_della_Luce22406

Libera pensatrice

Robbins, devi dirlo ad Einstein, non a me

è una sua teoria, non è una mia elaborazione


lui con le formule matematiche ha dimostrato che è possibile, ovviamente possibile non significa che noi lo possiamo fare, ci manca la tecnologia


il tessuto spazio temporale è deformabile, si piega in parole povere, non è quello il problema


infatti sì, sarebbero precisamente viaggi spaziotemporali, attraverso cunicoli spazio temporali, i ponti di Einstein-Rosen o wormhole (meglio conosciuti come buchi neri), una sorta di scorciatoia che curvando lo spazio tempo ci porta da un punto all'altro dell'universo (o in un punto di un altro universo, non si sa)


secondo la relatività generale di Einstein, in un wormhole c'è tutta la massa del wormhole concentrata in un piccolo punto che curva in maniera infinita lo spazio-tempo come una spirale senza fine


già avvicinandoti sempre di più ad essi, il tempo rallenta sempre di più........attraversandoli, ti ritrovi in un altro punto del tempo (e dello spazio) di questo o di un altro universo


allora secondo me se vuoi parlare di questo argomento dovresti prima conoscere un pochino la relatività generale di Einstein


come ho detto prima, possibile non significa che noi possiamo farlo: non possiamo superare la velocità della luce, e non sappiamo nemmeno se i wormhole esistono veramente (anche se alcuni astrofisici sono convinti di sì)

possibile nel senso che è stato dimostrato in via teorica con le formule matematiche, da Einstein

forse è più complicato di quanto sembra, bisogna capire bene questo concetto

 27/08/2018 15:39:57
Robbins

Robbins91416

By ,by

in risposta a ↑

Guerriera_della_Luce, questo un po' di tempo fa.

Ora si è capito che è impossibile non matematicamente ma praticamente .

Infatti nessuno sta tornando da un ipotetico futuro

 27/08/2018 17:01:53

QUAG SI IMPEGNA A PROTEGGERE LA TUA PRIVACY

Cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Accettando questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.
Vedi il documento in dettaglio »


La presente informativa descrive “che cosa sono i cookie” e quali sono i tipi di cookie utilizzati da Quag nel proprio sito Web.

Che cosa sono i cookie?

Un “cookie” è un file di testo che i siti Web inviano al computer o a un altro dispositivo connesso a Internet del visitatore, per identificare univocamente il browser del visitatore stesso o per salvare informazioni o impostazioni nel browser.

Quag utilizza i cookie nel proprio sito Web?

Quag utilizza i cookie per migliorare il proprio sito Web, per fornire servizi e funzionalità agli utenti, per proporre contenuti e pubblicità in linea con gli interessi del singolo utente. È possibile limitare o disattivare l’utilizzo dei cookie tramite il proprio browser Web, tuttavia, in questo caso, alcune funzionalità del nostro sito potrebbero diventare inaccessibili.

Quali sono tipi di cookie utilizzati da Quag?

Cookie essenziali
Questi cookie sono essenziali per consentire all’utente di navigare nel Sito e utilizzare tutte le sue funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornire alcuni servizi o funzioni e la navigazione sul Sito non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere.

Cookie funzionali
Questi cookie consentono al sito Web di ricordare le scelte effettuate dall’utente al fine di ottimizzare le funzionalità. Ad esempio, i cookie funzionali consentono al sito Web di ricordare le impostazioni specifiche di un utente.

Cookie analitici
Questi cookie consentono di raccogliere dati sull’utilizzo del sito Web da parte dell’utente, compresi gli elementi su cui si fa clic durante la navigazione, al fine di migliorare le prestazioni e il design del sito stesso, ci aiutano inoltre a comprendere ogni difficoltà che l’utente può incontrare nell’utilizzo del Sito. I cookie in questione sono utilizzati esclusivamente per le finalità correlate alla gestione del nostro sito Web.

Cookie di profilazione
I cookie di profilazione vengono utilizzati per analizzare gli interessi e le abitudini di navigazione dei singoli utenti, per personalizzarne la navigazione, per proporre contenuti, anche pubblicitari, in linea con gli interessi dell’utente.

Cookie di terze parti
I cookie di terze parti possono essere sia tecnici che non tecnici, e vengono utilizzati per migliorare l’esperienza di utilizzo del sito da parte dell’utente, per proporre contenuti in linea con gli interessi dell’utente, per pubblicità di potenziale interesse per il singolo utente. I cookie possono essere erogati direttamente dal gestore del sito sul quale si sta navigando (cookie di prima parte) o, nel caso il sito si appoggi a servizi esterni per particolari funzioni, da terzi (cookie di terze parti).
Quag utilizza cookie sia tecnici che non tecnici, anche di terze parti, al fine di migliorare l’esperienza di utilizzo da parte dell’utente, ad esempio secondo il browser utilizzato, selezionando la tipologia dei contenuti visualizzati, proponendo pubblicità in linea con gli interessi per il singolo utente.
Se ti trovi sul sito Quag e visualizzi il banner informativo dell’esistenza dei cookie, accettandolo acconsenti all’utilizzo dei cookie descritti nella presente informativa e implementati nelle pagine del sito Quag.

Come si disattivano o si rimuovono i cookie?

E’ possibile disabilitare le funzioni dei cookie direttamente dal browser che si sta utilizzando, secondo le istruzioni fornite dai produttori.
La maggior parte dei browser permette di impostare regole per gestire i cookie e offre così agli utenti la possibilità di un controllo della privacy, negare la possibilità di ricezione dei cookie, modificare le scelte fatte. Di seguito sono riportate le indicazioni per la gestione dei cookie tramite le impostazioni dei principali browser, facendo ctrl+click sul nome del browser si verrà mandati alla pagina con le relative istruzioni:

Cookie di terze parti utilizzati da Quag
Durante la navigazione su Quag possono essere rilasciati cookie tecnici e non gestiti da terze parti, per finalità tecniche, statistica, per l’erogazione di pubblicità. Questi cookie sono gestiti esclusivamente da terze parti. Si riportano qui di seguito le terze parti coinvolte, i link ai loro siti e alle loro politiche di gestione dei cookie, con indicazione delle relative finalità.

Google Analytics - Cookie statistici
Cookies policy di Google

Google AdSense e DoubleClick (Google Inc.) - Cookie di profilazione
Cookies Policy in Advertising - OptOut

Newrelic e nr-data.net – cookie tecnici
Privacy Policy Newrelic

Facebook - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Facebook

Twitter - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Twitter

Linkedin - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Linkedin

embed.ly - Cookie tecnici
Privacy Policy di Embed

Per ulteriori informazioni sulla pubblicità comportamentale e per sapere come attivare o disattivare singolarmente i cookie e avere indicazioni sui software di gestione dei cookie, è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.youronlinechoices.com/it/

Per sapere come attivare o disattivare la profilazione pubblicitaria sulle applicazioni mobile è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.aboutads.info/appchoices

Ulteriori informazioni sul trattamento dei dati personali degli utenti da parte di Quentral possono essere consultate nella Informativa Privacy.


Questo sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.


Loader