Greis

Greis16258

User Experience Designer

Perché una persona diventa "di destra" piuttosto che "di sinistra"? Astenersi coloro che dicono che la distinzione non ha più senso.

In questa discussione, quando dico "destra" e "sinistra", mi riferisco al  modello di società ideale che ognuno di noi forma nella propria mente fin dalla prima infanzia. Non mi riferisco quindi né alla classe politica, né alla contrapposizione tra modello liberale e garantista.


Nella mia storia, ho visto che alcuni dei miei amici hanno intensamente scelto la visione di destra, aspirando ad un'autorità forte, con assoluto rispetto delle regole, e nessuna possibilità di riabilitazione per chi non le rispetta. Mentre altri hanno scelto la visione di sinistra, ovvero un sistema indulgente, in cui tutti nessuno è lasciato indietro anche se lo meriterebbe ed è prevista la comprensione e la riabilitazione per chi sbaglia.


La mia domanda è: perché ciò accade? Come si forma una convinzione così radicata fin dalla prima infanzia? Si tratta di un processo che può dipendere dalla propria storia famigliare?

 30/06/2014 06:29:49
utente anonimo
Aggiungi il tuo commento
34 commenti
Il responsabile è il sistema valoriale generato nell'infanzia-adolescenza dalle interazioni con l'ambiente, mixato al carattere individuale.
 30/06/2014 06:37:39 (modificato)
Greis

Greis16258

User Experience Designer

Interessante. Qual è dunque il mix valoriale della sinistra e quale quello della destra? Credo che possa rientrarci di tutto in questa risposta, anche se prestavi la bici ai tuoi amici oppure no.
 30/06/2014 06:40:56

Concordo, per semplificare si potrebbe dire che la via "di sinistra" è quella del cuore e quella di destra e "quella delle regole", ma è una semplificazione eccessiva. Tra l'altro anche la definizione "di destra" oppure "di sinistra" è una semplificazione eccessiva. Ad esempio la destra cosiddetta "sociale" ha molte più somiglianze con la sinistra che con la destra cosiddetta "benpensante". Diciamo che annoveriamo come "pensiero di destra" lo Stato-Padre e come "pensiero di Sinistra" lo Stato -Madre. Lo Stato PADRE impone regole e doveri e' giusto ed equanime, privilegia i più ligi alle regole,  lo stato MADRE, è tenera, accogliente e privilegia i più deboli. In entrambi i casi si auspica una presenza forte dello STATO!


 30/06/2014 08:48:39
Greis

Greis16258

User Experience Designer

Stato PADRE e stato MADRE. È così incredibilmente semplice! Ci penso su.
 30/06/2014 16:32:08
Greis, in termini psicoanalitici corrisponde alla preferenza del bambino per uno dei due modelli genitoriali, anche se, oltre alla propensione individuale, c'entrano educazione e sistema valoriale del contesto in cui si cresce.
 02/07/2014 07:57:11
utente anonimo

Anonimo

Stai interpretando male il pensiero di destra, e stai facendo confusione tra la destra sociale e la destra liberale.


La destra sociale non ha mai sostenuto che chi sbaglia non può avere una seconda possibilità, dice semplicemente che questa eventualità va messa in subordine al benessere del cittadino che si sforza di comportarsi bene e non sbagliare. 



 30/06/2014 08:03:02
utente anonimo

Anonimo

!!!AMEN!!!
 30/06/2014 08:15:24
Il concetto di destra sociale è aberrante , non perché ci sia un qualcosa di ortodosso e destra sociale costituisca la variante impazzita , non è questo il problema , per destra si intende destra liberale , gli italiani non sanno cosa voglia dire liberale e la confondono con , destra capitalistica e autoritaria , la destra liberale è l'antitesi dell'autoritarismo e del comunismo , ma qui il discorso si farebbe lungo. Dire destra liberale è come dire democrazia cristiana , non può esistere perché i due termini sono antitetici sia nel significato sia storicamente , la democrazia non vuole aggettivi , così come la destra , se è sociale non può essere destra e qualcosa d'altro.
 30/06/2014 12:15:25
utente anonimo

Anonimo

bacchiega, Non posso comunicare con chi definisce aberrante qualcosa che non conosce nemmeno. La destra liberale come la chiami tu quella si che ha dei risvolti aberranti, leggasi "mercato".
 30/06/2014 14:07:19
Greis

Greis16258

User Experience Designer

Anonimo, mi piacerebbe il tuo parere su questo commento di @Prof-Roma. In particolare la distinzione tra Stato-padre e Stato-madre.

 30/06/2014 16:45:29
Greis, non ho letto la lettera del prof. ma per stato padre si intende , stato che da le regole e le fa rispettare e lascia che il figlio voli con le sue gambe , stato madre significa stato che non riesce a dare regole perché non ha ben chiari i piani di intervento e non riesce a far volare i figli da soli ma li vuole proteggere dal mondo condannandoli alla marginalità  o peggio. Lo stato madre si identifica con lo stato italiano ,solo che lo stato italiano è madre per una parte dei suoi figli e matrigna per il resto quindi è ancora più grava , mentre il padre è assente.
 01/07/2014 09:37:48
Le nostre idee quasi sempre non derivano da ragionamenti lineari e logici o idealità astratte , sono le condizioni familiari e sociali che interagendo fanno scegliere questo o quello. La scelta non è dettata dalla conoscenza approfondita ma da motivazioni che poco hanno a che fare con la conoscenza e la ragione. Accade così che si formino delle ideologie che non hanno idee forti alla base ma idee accettate come vere e conosciute ma che in realtà non lo sono. Questo fenomeno riguarda anche altre scelte ed io lo chiamo " portare una bandiera " si perché poi si innescano altre motivazioni che sono ad es. il bisogno di appartenenza e di riconoscimento sociale. Sono due molle molto forti che possono portare anche a disastri sociali. Cosa sia destra e cosa sinistra ? gli italiani hanno dimostrato nei fatti di non averne la minima idea. 
 30/06/2014 08:04:21
Nella mia esperienza scolastica, la destra l'ho studiata come qualcosa di autoritario, qualcosa che respinge l'altro, inteso come diverso, come straniero, come invasore, e che afferma la propria superiorità culturale, qualcosa che si crede al di sopra degli altri. La sinistra, forse avrà i suoi difetti, sarà sfociata in qualcosa di simile alla destra, ma sembra imparare dai propri errori, anche se "nessuno è lasciato indietro anche se lo meriterebbe", scelgo la sinistra. La destra non mi piacerà mai.
 30/06/2014 14:17:24
utente anonimo

Anonimo

Hai avuto degli insegnanti molto mediocri.


Lincoln, Repubblicano, abolì la schiavitù (i democratici erano contrari).


Churchill, conservatore, inizio la pulizia dall' Europa dei nazisti.


E mi fermo qui, ma potrei continuare.



 30/06/2014 14:23:07
Si confermo , hai avuto insegnanti mediocri e politicizzati , la destra , quella vera , non destra sociale ma destra liberale è sconosciuta in italia , chi ad es. conosce Ernesto rossi , nessuno appunto , chi conosce la storia e la nascita della democrazia liberale in italia , nessuno appunto , siamo ancora fermi a ideologizzazioni perverse e senza senso , dobbiamo ancora introiettare le basi della democrazia.
 01/07/2014 09:41:28
Grazie! Ora si che sono contenta di essere intervenuta! Questa cosa degli insegnanti mediocri, però mi ricorda qualcosa, non so perché, ma mi ricorda qualcosa...
 01/07/2014 09:51:48
marghe, ricorda la politicizzazione della classe insegnate che, per sua"mission" dovrebbe essere "neutrale", questa tendenza ha provocato danni gravissimi nelle giovani menti!
 02/07/2014 07:59:30
Anonimo, Il Democratico ed amatissimo J.F. Kennedy trascinò gli U.S.A. nel disastro bellico del Vietnam; Il "destrorso" Begin accolse, per la prima volta ed  amichevolmente a Gerusalemme il Presidente egiziano Anwar alSadat..............
 02/07/2014 08:01:25
Si , una vera e propria propaganda di sinistra fatta in un luogo istituzionale , al posto del sapere che è sempre sapere critico hanno dato delle valutazioni ideologiche. La storia insegnata senza riferimenti e contestualizzazioni dell'epoca , senza l'ausilio delle idee che facevano si che la realtà sociale fosse quella e non altro. Sono le idee che nelle varie epoche determinano la realtà sociale , sono le idee che sorreggono le istituzioni e decretano la riuscita o la sconfitta di un disegno sociale o politico , sono le idee che danno forma alla realtà. Altrimenti non si capisce nulla , perché nell'antichità  c'erano queste grandi civiltà e poi sono miseramente decadute ? perché è sorta proprio in grecia la più grande civiltà dell'occidente ? perché è caduto l'impero romano ? perché le civiltà sono nate nella fascia temperata calda del mondo e non ad es. al nord o a sud di essa ?  perché c'è stata la rivoluzione francese ?  ecco a tutte queste domande la storia così come è stata insegnata e viene anche oggi insegnata non ci sono risposte è semplicemente ignorata. Se la storia fosse stata insegnata correttamente ora e nel recente passato avremmo avuto chiavi di lettura chiare e forse non sarebbe successo quel che è successo e purtroppo succede.
 02/07/2014 08:48:52
bacchiega, concordo a 100% ed auspico che, infuturo,sia così!
 02/07/2014 10:26:55
Questo utente si è disattivato

Dipende su chi ti rispecchi, votare Berlusconi nel 1994 forse significava essere di destra - liberale, votarlo oggi significherebbe essere scemi.

Essere di sinistra quando c'è Renzi significa non essere di sinistra.


La distinzione ha senso, ma il senso c'è l'hanno i programmi della destra e della sinistra. E' ovvio che ulteriore influenza la ha la classe sociale a cui appartieni, un operaio di destra o un exstracomunitario di destra va contro quelli che sono i suoi interessi.

Se nasci imprenditore il discorso cambia.

E ancora la tua religione , un cattolico comunista è più difficile, per via delle posizioni della sinistra sulla droga,sui gay e su altre cose.


 30/06/2014 16:36:29

Sono daccordo con te cg01, aggiungerei anche l'interpretazione personale (non l'influenza degli insegnanti perché' essere adolescenti non significa necessariamente essere privi di pensiero divergente) degli argomenti storico-letterari-filosofici studiati a scuola.

 02/07/2014 23:10:27

QUAG SI IMPEGNA A PROTEGGERE LA TUA PRIVACY

Cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Accettando questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.
Vedi il documento in dettaglio »


La presente informativa descrive “che cosa sono i cookie” e quali sono i tipi di cookie utilizzati da Quag nel proprio sito Web.

Che cosa sono i cookie?

Un “cookie” è un file di testo che i siti Web inviano al computer o a un altro dispositivo connesso a Internet del visitatore, per identificare univocamente il browser del visitatore stesso o per salvare informazioni o impostazioni nel browser.

Quag utilizza i cookie nel proprio sito Web?

Quag utilizza i cookie per migliorare il proprio sito Web, per fornire servizi e funzionalità agli utenti, per proporre contenuti e pubblicità in linea con gli interessi del singolo utente. È possibile limitare o disattivare l’utilizzo dei cookie tramite il proprio browser Web, tuttavia, in questo caso, alcune funzionalità del nostro sito potrebbero diventare inaccessibili.

Quali sono tipi di cookie utilizzati da Quag?

Cookie essenziali
Questi cookie sono essenziali per consentire all’utente di navigare nel Sito e utilizzare tutte le sue funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornire alcuni servizi o funzioni e la navigazione sul Sito non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere.

Cookie funzionali
Questi cookie consentono al sito Web di ricordare le scelte effettuate dall’utente al fine di ottimizzare le funzionalità. Ad esempio, i cookie funzionali consentono al sito Web di ricordare le impostazioni specifiche di un utente.

Cookie analitici
Questi cookie consentono di raccogliere dati sull’utilizzo del sito Web da parte dell’utente, compresi gli elementi su cui si fa clic durante la navigazione, al fine di migliorare le prestazioni e il design del sito stesso, ci aiutano inoltre a comprendere ogni difficoltà che l’utente può incontrare nell’utilizzo del Sito. I cookie in questione sono utilizzati esclusivamente per le finalità correlate alla gestione del nostro sito Web.

Cookie di profilazione
I cookie di profilazione vengono utilizzati per analizzare gli interessi e le abitudini di navigazione dei singoli utenti, per personalizzarne la navigazione, per proporre contenuti, anche pubblicitari, in linea con gli interessi dell’utente.

Cookie di terze parti
I cookie di terze parti possono essere sia tecnici che non tecnici, e vengono utilizzati per migliorare l’esperienza di utilizzo del sito da parte dell’utente, per proporre contenuti in linea con gli interessi dell’utente, per pubblicità di potenziale interesse per il singolo utente. I cookie possono essere erogati direttamente dal gestore del sito sul quale si sta navigando (cookie di prima parte) o, nel caso il sito si appoggi a servizi esterni per particolari funzioni, da terzi (cookie di terze parti).
Quag utilizza cookie sia tecnici che non tecnici, anche di terze parti, al fine di migliorare l’esperienza di utilizzo da parte dell’utente, ad esempio secondo il browser utilizzato, selezionando la tipologia dei contenuti visualizzati, proponendo pubblicità in linea con gli interessi per il singolo utente.
Se ti trovi sul sito Quag e visualizzi il banner informativo dell’esistenza dei cookie, accettandolo acconsenti all’utilizzo dei cookie descritti nella presente informativa e implementati nelle pagine del sito Quag.

Come si disattivano o si rimuovono i cookie?

E’ possibile disabilitare le funzioni dei cookie direttamente dal browser che si sta utilizzando, secondo le istruzioni fornite dai produttori.
La maggior parte dei browser permette di impostare regole per gestire i cookie e offre così agli utenti la possibilità di un controllo della privacy, negare la possibilità di ricezione dei cookie, modificare le scelte fatte. Di seguito sono riportate le indicazioni per la gestione dei cookie tramite le impostazioni dei principali browser, facendo ctrl+click sul nome del browser si verrà mandati alla pagina con le relative istruzioni:

Cookie di terze parti utilizzati da Quag
Durante la navigazione su Quag possono essere rilasciati cookie tecnici e non gestiti da terze parti, per finalità tecniche, statistica, per l’erogazione di pubblicità. Questi cookie sono gestiti esclusivamente da terze parti. Si riportano qui di seguito le terze parti coinvolte, i link ai loro siti e alle loro politiche di gestione dei cookie, con indicazione delle relative finalità.

Google Analytics - Cookie statistici
Cookies policy di Google

Google AdSense e DoubleClick (Google Inc.) - Cookie di profilazione
Cookies Policy in Advertising - OptOut

Newrelic e nr-data.net – cookie tecnici
Privacy Policy Newrelic

Facebook - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Facebook

Twitter - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Twitter

Linkedin - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Linkedin

embed.ly - Cookie tecnici
Privacy Policy di Embed

Per ulteriori informazioni sulla pubblicità comportamentale e per sapere come attivare o disattivare singolarmente i cookie e avere indicazioni sui software di gestione dei cookie, è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.youronlinechoices.com/it/

Per sapere come attivare o disattivare la profilazione pubblicitaria sulle applicazioni mobile è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.aboutads.info/appchoices

Ulteriori informazioni sul trattamento dei dati personali degli utenti da parte di Quentral possono essere consultate nella Informativa Privacy.


Questo sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.


Loader